HK inno.N con T&R Biofab si prepara ad usare la stampa 3d bioprinting per testare i farmaci per i disturbi della pelle

HK INNO.N E T&R BIOFAB UTILIZZERANNO LA PELLE STAMPATA IN 3D PER TESTARE I FARMACI PER I DISTURBI DELLA PELLE

La società farmaceutica sudcoreana HK inno.N ha annunciato l’intenzione di utilizzare la pelle artificiale stampata in 3D per testare nuovi farmaci autoimmuni e per i disturbi della pelle.

In collaborazione con la società di bioprinting 3D T&R Biofab , HK inno.N intende fabbricare una serie di tessuti con caratteristiche su misura. Sfruttando la carne stampata in 3D, le aziende condurranno ricerche approfondite sull’efficacia di diversi farmaci per le malattie della pelle. Se le valutazioni avranno esito positivo, i tessuti additivi potrebbero essere utilizzati come futuri sostituti dei test sugli animali nell’industria medica e cosmetica.

“Non utilizzeremo solo la pelle artificiale per verificare l’efficacia dei farmaci per le malattie della pelle, ma condurremo anche una ricerca attiva tra le due società in modo che possa essere applicata alla ricerca sugli alimenti funzionali alla salute e sui materiali cosmetici”, ha affermato Koh Dong- hyun, capo dell’Istituto di ricerca HK inno.N, parlando al Korean IT Times .


Tecnologia di bioprinting 3D di T&R Biofab

Con sede nella città coreana di Seoul, T&R Biofab è stata fondata nel 2013 da un team della Pohang University of Science and Technology (POSTECH). Sfruttando la loro esperienza congiunta, i ricercatori hanno acquisito i brevetti per la loro tecnologia di bioprinting 3D dall’università e hanno lanciato una società di venture capital per commercializzare le loro creazioni additive.

Sette anni dopo, l’azienda conduce ora un’ampia ricerca sulla rigenerazione dei tessuti e progetta dispositivi medici per il trapianto con applicazioni in ortopedia, chirurgia plastica e odontoiatria. T&R sta inoltre sviluppando il suo bioinchiostro brevettato deCelluid, che secondo quanto riferito consente la creazione di membrane extracellulari (ECM) e la bioprinting di tessuti specifici della pelle, del fegato, delle ossa o della cartilagine.

Nell’aprile 2019, T&R Biofab ha brevettato la sua tecnologia di bioprinting 3D per la creazione di pelle artificiale. La tecnica di produzione additiva dell’azienda prevede la fabbricazione degli strati dermici ed epidermici delle cellule della pelle utilizzando una struttura 3D porosa. Nello stesso anno, T&R ha avanzato ulteriormente la sua metodologia, sviluppando un nuovo sistema di bioprinting multi-ugello , che gli consente di creare strutture cellulari complesse in un lasso di tempo più breve.

Con il progredire della tecnologia di T & R, l’azienda farmaceutica ha stretto una serie di partnership con l’obiettivo di espandere le sue applicazioni. Lavorando con la compagnia di biotecnologie SCM Life Science , T&R sta ricercando e sviluppando una gamma di prodotti cerotti cellulari stampati in 3D , comprese nuove formulazioni per la terapia cellulare.

Più recentemente, nel maggio 2020, la società è stata selezionata dal Ministero della Salute e della Guerra della Corea del Sud per guidare un progetto di commercializzazione di cellule staminali e farmaci rigenerativi. Il programma, con un budget stimato di 825 milioni di won sudcoreani, sta studiando le risposte delle cellule cardiache umane derivate da cellule staminali quando esposte a farmaci sperimentali. Ora, avendo firmato un accordo con HK Inno. N, T&R Biofab utilizzerà la sua esperienza nel bioprinting per testare anche gli effetti dei farmaci per le malattie della pelle.


L’accordo tra HK Inno. N e T&R Biofab

Per iniziare immediatamente il progetto di ricerca, HK Inno. N, precedentemente noto come CJ Healthcare, ha firmato un Memorandum of Understanding (MoU) con T&R Biofab il 25 agosto 2020. L’accordo stabilisce un programma di ricerca e sviluppo congiunto basato sulla “valutazione di farmaci e materiali funzionali utilizzando pelle artificiale 3D bioprinting”.

Durante lo studio congiunto, HK Inno.N prevede di implementare la tecnologia di bioprinting 3D di T&R Biofab per fabbricare strutture che funzionano in modo simile alla pelle reale. Secondo quanto riferito, i modelli a base di carne di T&R consentono di misurare l’elasticità della pelle, l’indice di invecchiamento e l’espressione proteica tra le altre caratteristiche. La stampa 3D consente inoltre di personalizzare la pelle fabbricata in un modo che soddisfi le precise esigenze di HK inno.N e consente all’azienda di trovare modi più efficienti per testare i farmaci sperimentali.

In generale, impiegando l’esperienza di bioprinting di T&R, HK Inno. N mira a sviluppare nuovi trattamenti di terapia della pelle per pazienti affetti da malattie autoimmuni. Secondo Yoon Won-soo, CEO di T&R Biofab, la cooperazione tra le aziende potrebbe espandersi ulteriormente nella ricerca che coinvolge alimenti salutistici e materiali cosmetici.

“Questa collaborazione con HK Inno.N rappresenterà un passo significativo verso la piena commercializzazione della nostra pelle stampata in 3D e delle relative tecnologie di screening dei farmaci”, ha affermato Yoon Won-soo in una dichiarazione. “Completeremo prodotti innovativi che possono essere utilizzati efficacemente in siti industriali come cosmetici e sviluppo di nuovi farmaci”.

Be the first to comment on "HK inno.N con T&R Biofab si prepara ad usare la stampa 3d bioprinting per testare i farmaci per i disturbi della pelle"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi