I ricercatori dell’Università di Nottingham svilupperanno un kit di strumenti per la stampa 3D per applicazioni sanitarie con una sovvenzione di 6 milioni di sterline 

 

La sovvenzione è stata assegnata dal Consiglio di ricerca in ingegneria e scienze fisiche (ESPRC).

Con questo toolkit per la stampa 3D, che secondo l’Università di Nottingham fungerà da manuale di istruzioni, i ricercatori sperano di migliorare il percorso dalla ricerca allo sviluppo e all’adozione clinica.

Il gruppo di ricerca del Centre for Additive Manufacturing (CfAM) dell’Università di Nottingham ritiene che l’adozione della stampa 3D nel settore sanitario del Regno Unito sia stata più lenta del necessario, data la necessità di dispositivi medtech personalizzati e su misura. Citano la mancanza di materiali disponibili, ardui cicli di sviluppo del prodotto e un lungo percorso verso il mercato.

Per risolvere questo problema, i ricercatori del CfAM devono sfruttare i finanziamenti ESPRC per sviluppare un kit di strumenti didattici in grado di identificare come sviluppare dispositivi medtech su misura. Questo toolkit sarà progettato per fornire i materiali e i processi necessari per la stampa 3D di dispositivi medici su richiesta, “componendo” le prestazioni dei dispositivi stampati “in modo rapido, prevedibile e affidabile” per soddisfare le esigenze specifiche del settore.

Si appoggerà a strumenti computazionali per eseguire lo screening chimico e identificare i materiali, integrando al contempo l’apprendimento automatico per razionalizzare il processo di progettazione e capire come combinare al meglio più materiali per abilitare diverse funzioni all’interno dello stesso dispositivo. 

Università di Nottingham
Reattore biocatalitico stampato in 3D.
“Se sei integrato nel settore della stampa 3D, sai cosa stai facendo. Ma se sei un nuovo arrivato e stai cercando di adottare questa tecnologia, è molto difficile capire veramente tutti i passaggi che devi seguire e poi completarli”, Ricky Wildman, Professore di Ingegneria Chimica presso l’Università di Nottingham, ha detto a TCT . “Quindi il nostro obiettivo è quasi creare una ricetta che permetta a qualcuno di entrare e dire, questo è il mio prodotto, questa è la mia idea. Non so necessariamente come mettere tutto insieme, ma posso venire a questo toolkit – che sarà una ricetta ma anche programmi di calcolo – e potrò andare ad accedervi e mi dirà e aiutami e guidami in tutti questi passaggi e rendi semplice che qualcuno venga e dica, ho un’idea.

Lo sviluppo di questo toolkit, sperano i ricercatori dell’Università di Nottingham, faciliterà la creazione di oggetti stampati in 3D personalizzabili che aiutano a creare prodotti intelligenti per (bio) farmaceutica, terapia cellulare/medicina rigenerativa e (bio) catalizzatori, nonché arti protesici , pillole intelligenti e cerotti intestinali in grado di ricostruire i tessuti danneggiati da malattie croniche.

“Speriamo che alla fine più aziende adotteranno questo approccio di tipo toolkit, più prodotti di stampa 3D entreremo in clinica, entreremo nel mercato”, ha affermato Wildman. “E la nostra opinione è che la stampa 3D ha molto da offrire al settore sanitario. Il numero uno, suppongo, per il settore sanitario è il fatto che puoi personalizzare così tanto in questo e puoi farlo su richiesta e su misura. Quindi, quando si tratta di settore sanitario, la medicina personalizzata è dove si trova e la produzione additiva è nella posizione perfetta per poter vivere quella medicina personalizzata. Il nostro compito è convincere l’industria e rendere facile per l’industria adottare tale tecnologia. Voglio dire, è pronto, davvero, per l’adozione, ma ora si tratta di realizzare quel caso e rendere facile per l’industria metterlo in clinica. 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi