Il designer Maaike Roozenburg con la Delft University per scansionare e produrre campioni 3D originali di porcellana cinese

Delft University of Technology & Maaike Roozenburg Porcellana cinese con stampa 3D

La Cina è famosa per la sua porcellana bianca e blu, delicatamente e abilmente prodotta e dipinta. Realizzata principalmente nella città cinese meridionale di Jingdezhen e acquistata dai viaggiatori che visitavano i mercati dell’Asia orientale, questa porcellana servì anche come esportazione popolare, dal 1600 in poi; infatti, la compagnia delle Indie orientali olandesi potrebbe esportare fino a 35 milioni di pezzi. Ora, il designer Maaike Roozenburg sta lavorando con la Delft University of Technology , non solo per preservare un patrimonio importante, ma anche per produrre bellissimi campioni 3D di originali per tutti. Alcuni anni fa, la maison della stampa 3D Olivier van Herpt ha sviluppato la stampa 3D per la porcellana e le prime opere stampate in porcellana al mondo possono essere ammirate nel Gemeentemuseum dell’Aia. Ora Maaike e l’Università di Delft hanno escogitato un modo per scansionare e ricreare oggetti antichi.

“Tutta la storia della porcellana è affascinante”, afferma Roozenburg. “È questo magico materiale bianco e qualcosa che hanno inventato in Cina. C’è stata un’ossessione per questo. Tutti lo volevano e in Cina hanno iniziato a produrre davvero porcellana soprattutto per i mercati occidentali. Tutti i reali in Europa lo adoravano. “

Gli artisti olandesi adoravano particolarmente la porcellana cinese e il suo design classico e crearono Delftware, un’imitazione che divenne il suo marchio.

“Nel 17 ° secolo, i vasi in ceramica di Delftware decoravano i giardini del palazzo reale di Het Loo ad Apeldoorn”, afferma Roozenburg. “Ma sono andati tutti. Gli archeologi hanno trovato alcuni frammenti e prove scientifiche della loro presenza, insieme a disegni e dipinti. “

“Grazie a Dio, all’epoca, i reali davano questi vasi come regali ad altri reali!” Dice Roozenburg, commentando il fatto che ne sono stati trovati solo due: uno nella Erddig Hall nel Regno Unito e l’altro nel museo di Schloss Preferito in Germania.

Sfortunatamente, gli amministratori non avrebbero permesso di estrarre alcun vaso dai rispettivi castelli, quindi Roozenburg e il suo team hanno viaggiato verso di loro, portando gli scanner 3D Artec nei loro zaini e superando una varietà di sfide, inclusi i problemi di scansione dovuti alla natura riflettente del vetro (superato con le prestazioni dello scanner Artec Eva ).

Il team ha anche creato prima i vasi per la pratica, usando i modelli in polistirolo per esercitarsi su:

“Non vuoi sorprese quando sei in un castello in Gran Bretagna e ti rendi conto che devi improvvisare!”, Ha detto Roozenburg.

“Penso che la cosa sorprendente della scansione sia che, trasformando oggetti fisici che sono veramente fragili, preziosi e che devono rimanere all’interno di un museo in dati digitali, è possibile sperimentarli”, afferma Roozenburg. “Offre nuove opportunità di lavorare con oggetti storici che altrimenti non saresti in grado di toccare.”

Poiché la gestione degli oggetti è un problema così grave a causa delle preoccupazioni sulla disintegrazione o sulla rottura degli oggetti, hanno creato una piattaforma rotonda con un piccolo motore, consentendo al vaso di essere ruotato e scansionato tramite Artec Eva, montato su un treppiede. Successivamente, hanno usato Artec Space Spider per le parti ornamentali dettagliate come teste di leoni e conchiglie. Una volta scansionati, i file sono stati elaborati in MATLB e quindi stampati in 3D.

“La cosa migliore è che alla fine non si vede che è stata usata una nuova tecnologia. Il lavoro finito di 45 vasi assomiglia agli originali, come se fossero nuovi di zecca provenienti dal forno nel 17 ° secolo “, afferma Roozenburg.

Con la scansione 3D, gli utenti di tutto il mondo sono in grado di beneficiare del vantaggio di realizzare parti che devono essere sostituite o che in alcuni casi sono diventate obsolete; qui, tutti i soggetti coinvolti nel progetto sono in grado di lavorare con pezzi che hanno centinaia di anni e possono essere gestiti senza preoccupazioni una volta trasformati in forma 3D.

“È cultura”, afferma l’esperto di scansione della Technical University Naagen. “Dovremmo renderlo accessibile alle persone di tutto il mondo.”

Be the first to comment on "Il designer Maaike Roozenburg con la Delft University per scansionare e produrre campioni 3D originali di porcellana cinese"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi