La società di ingegneria francese Groupe Gorgé (GOE) ha confermato di non avere intenzione di vendere azioni della sua controllata di stampa 3D Prodways (PWG), nonostante abbia svelato nuovi piani per semplificare la sua struttura aziendale. 

Con l’obiettivo di affermarsi esclusivamente come produttore di robotica autonoma e sistemi correlati, Groupe Gorgé ha trascorso gli ultimi tre anni cedendo parti della propria attività che non si allineavano a questo obiettivo. Tuttavia, quando si tratta di Prodways, l’azienda ha escogitato un piano per deconsolidare l’azienda, come mezzo per snellire la sua organizzazione, capitalizzando al contempo sulla crescita prevista della sua controllata.

Da quando è trapelata la notizia della proposta di ristrutturazione del Groupe Gorgé, il prezzo delle azioni dell’azienda è aumentato del 3% al livello più alto in oltre un mese, mentre le azioni di Prodways sono andate nella direzione opposta, scendendo del 7% da un massimo annuale di € 3,33 a € 3,09. 

“Ora non è il momento giusto per vendere Prodways”, ha detto il CEO di Groupe Gorgé Raphaël Gorgé in una teleconferenza dedicata alla ristrutturazione. “Questi cambiamenti ci consentono di semplificare l’organizzazione di Groupe Gorgé e, dall’altro, di mantenere tutto il potenziale di crescita delle azioni di Prodways per gli azionisti di Groupe Gorgé”. 

 

Fondata nel 2013 come divisione dedicata alla stampa 3D di Groupe Gorgé, Prodways commercializza la serie P1000 SLS e LD di stampanti 3D DLP, nonché i relativi servizi di controllo qualità, ricerca e sviluppo e materiali polimerici. La doppia offerta di Prodways le ha permesso di rivolgersi a settori che vanno dall’automotive e aerospaziale all’industria dentale, e continua ad ampliare il suo portafoglio come mezzo per ampliare il suo appeal per i clienti. 

Nell’ottobre dello scorso anno, l’azienda ha aggiornato la sua gamma MOVINGLight ProMaker , con l’introduzione della tecnologia 3D Super-Resolution, che ha migliorato le capacità di rendering delle unità della serie LD oltre la risoluzione nativa di 42µm. Più di recente, l’azienda ha anche iniziato a commercializzare il software Oqton AI con i suoi sistemi, consentendo ai suoi utilizzatori di utilizzare algoritmi per migliorare continuamente la propria efficienza produttiva. 

Questi progressi ora sembrano pagare dividendi, con Prodways che ha stretto un accordo di vendita con il Gruppo Straumann all’inizio di quest’anno e le sue entrate complessive sono aumentate del 54% nel secondo trimestre del 2021 . Sulla base di questa forte performance H1 e dei prodotti di prossima generazione “Futur3D” della sua controllata , Groupe Gorgé ha quindi deciso di mantenere la sua quota di maggioranza in Prodways, per sfruttare una crescita prevista nella sua valutazione. 

“Pensiamo che ci sia ancora un buon potenziale per le azioni di Prodways”, ha aggiunto Gorgé durante la teleconferenza di Groupe Gorgé. “Siamo particolarmente orgogliosi della sua performance finanziaria del primo semestre, ed è per questo che abbiamo scelto di adottare una soluzione così complessa”.

 
Riorganizzare piuttosto che disinvestire 

Dal 2018, Groupe Gorgé ha intrapreso un’iniziativa di rifocalizzazione che l’ha vista vendere parte della sua divisione Engineering & Protection Systems, tra cui AI Group, CIMLEC e VanDam. L’azienda lo ha fatto con l’ambizione di razionalizzare la propria attività in due divisioni: Engineering & Protection Systems e Drones & Systems, con quest’ultima che realizza il 60% delle sue vendite e il 90% dei suoi ordini totali. 

In tal modo, Groupe Gorgé afferma che mira ad affermarsi come “uno dei leader mondiali nel campo della robotica autonoma” e la strategia potrebbe consentirgli di cogliere opportunità di consolidamento nel settore. L’azienda ritiene inoltre che la sua ristrutturazione le fornirà una migliore leggibilità e profilo di mercato, poiché è stata “penalizzata per molti anni dalla diversità delle sue attività”.

Facendo un ulteriore passo avanti nella sua ristrutturazione, la società ha ora annunciato che intende deconsolidare Prodways, distribuendo la maggior parte delle sue azioni nella sua controllata agli azionisti. Al momento, Groupe Gorgé detiene il 56% (o 95 milioni di euro) di azioni nel produttore di stampanti 3D, quindi la mossa potrebbe vedere la quantità di azioni Prodways quotate sul mercato pubblico aumentare dal 34% al 60%. 

Se approvato, Groupe Gorgé afferma che il rejig raccoglierà 80 milioni di euro per gli azionisti e 55 milioni di euro da reinvestire nella sua divisione Drones & Systems, consentendo al contempo a Prodways di “raccogliere capitali per cogliere opportunità di crescita e creare partnership di sviluppo”.

L’accordo vedrebbe anche la famiglia Gorgé rimanere il principale azionista di Prodways, ma l’attuale CEO Raphaël Gorgé si dimetterà, con un processo di assunzione per un nuovo amministratore delegato già in corso. Sebbene la mossa sia stata approvata dal consiglio di amministrazione di Groupe Gorgé, è ancora soggetta all’approvazione degli azionisti in un’assemblea generale combinata, prevista per il 14 dicembre 2021. 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi