Il MIT invita il governo USA a formare la forza lavoro per la stampa 3d

I RICERCATORI DEL MIT PROPONGONO UNA FORMAZIONE SOSTENUTA DALLO STATO PER MIGLIORARE LE COMPETENZE DELLA FORZA LAVORO DELLA STAMPA 3D

I ricercatori del MIT hanno pubblicato uno studio che propone il lancio di corsi di formazione sostenuti dal governo degli Stati Uniti per affrontare le carenze di competenze nella forza lavoro della stampa 3D.

Il documento, pubblicato come parte del progetto Work of the Future del MIT , sollecita l’introduzione di programmi di miglioramento delle competenze dei dipendenti incentivati ​​per aiutare le PMI ad adottare le tecnologie AM. Senza investimenti significativi nella formazione, il team ha avvertito che la stampa 3D non sarà in grado di raggiungere il suo pieno potenziale o di continuare ad espandersi in nuove applicazioni.

“Nonostante il suo forte potenziale industriale, l’implementazione dell’AM rimane vincolata dalla maturità della tecnologia e dalle competenze della forza lavoro corrispondente”, ha affermato il team nella sua ricerca. “I programmi di upkilling possono servire al duplice scopo di promuovere l’uso industriale dell’AM, pur mantenendo lavoratori esperti nella produzione”.

Il progetto Work of the Future è stato istituito dal MIT e sostenuto da Google e JP Morgan nel 2018, per sfruttare i recenti progressi tecnologici a vantaggio della società. All’interno del programma, Haden Quinlan e John Hart del MIT avevano il compito di indagare su come la forza lavoro AM ha affrontato i progressi del settore.

Nel loro articolo, il team ha riconosciuto che la stampa 3D è passata da un focus sulla prototipazione alla produzione su richiesta, ma ha anche identificato una carenza di competenze che ne sta rallentando i progressi. Per i ricercatori, l’AM ha raggiunto un punto di svolta, in cui sono necessari nuovi corsi di formazione e finanziamenti, altrimenti la crescita della tecnologia rischia di bloccarsi.

Il governo degli Stati Uniti, che sostiene l’ Oak Ridge National Lab e America Makes , è stato ritenuto fondamentale per guidare l’adozione della stampa 3D. Dato che l’AM ad alto volume è ancora un premio rispetto alla produzione tradizionale, il team afferma che sono necessari fondi aggiuntivi per consentire agli additivi di competere.

Avendo scoperto che anche aree della stampa 3D come la protezione della proprietà intellettuale (IP) e la compatibilità dei materiali potrebbero rivelarsi distruttive per la crescita del settore, il duo del MIT ha avanzato varie proposte. La guida è progettata per facilitare la continua espansione della tecnologia in nuovi settori.

Riqualificare la forza lavoro additiva

Nonostante l’aumento del numero di corsi di formazione negli Stati Uniti, i ricercatori li considerano ancora insufficienti per far fronte alla carenza di professionisti qualificati. Le statistiche del Bureau of Labor Statistics supportano l’analisi del team, dimostrando che dal 2012 le assunzioni nel settore manifatturiero sono scese fino al 15% al ​​di sotto di quanto necessario.

Per affrontare la più ampia carenza di competenze nella stampa 3D, la coppia del MIT ha invitato il governo a svolgere un ruolo maggiore nella condivisione della ricerca e nell’agevolare i programmi di borse di studio. Anche il miglioramento delle competenze dei lavoratori esistenti è fondamentale per le proposte del team e suggeriscono che i contratti di formazione incentivati ​​potrebbero guidare l’adozione di AM da parte delle PMI.

Nel complesso, le carenze di competenze identificate dal team sono simili a quelle dell’indagine SAM sostenuta dall’UE , che ha sollecitato la rapida introduzione di schemi pilota. Sebbene il duo del MIT abbia scelto di non evidenziare competenze specifiche che mancavano, il gruppo SAM ha concluso che anche la capacità di qualificare i materiali sta diventando sempre più importante.

In termini di formazione, tuttavia, entrambi i gruppi di ricercatori concordano sul fatto che sono necessari urgentemente corsi aggiuntivi, al fine di soddisfare meglio le esigenze di personale del settore.

La violazione della proprietà intellettuale è un ostacolo alla crescita?

I ricercatori hanno anche scoperto che man mano che gli scanner 3D sono diventati più prontamente disponibili, la barriera per l’accesso alla contraffazione è stata abbassata. Ad esempio, citando i dati di Toyota Australia , la coppia del MIT ha scoperto che più di un terzo dei componenti Toyota venduti online come “ originali ” nel 2018 erano in realtà falsi.

Questi falsi non sono soggetti allo stesso livello di test di sicurezza degli articoli originali, quindi sono potenzialmente dannosi per il marchio per i loro designer originali. Per combattere questa potenziale minaccia, i ricercatori hanno evidenziato la necessità di un nuovo standard di gestione dei dati che fornisca alle aziende una migliore sicurezza di crittografia.

Più significativamente, il team ha anche chiesto di porre fine alla “zona grigia” che esiste tra i diritti dei consumatori e dei produttori. Man mano che le capacità degli utenti hobbisti continuano a crescere, il duo propone di apportare modifiche legislative che tracciano chiari confini tra la protezione della PI e il diritto di riparazione del cliente.

Il dibattito in corso sulla proprietà intellettuale della stampa 3D

La questione della protezione della proprietà intellettuale nella stampa 3D è da tempo un tema caldo, con alcune figure del settore che richiedono un’ulteriore regolamentazione. Nonostante ciò, l’analisi di diverse istituzioni ha rilevato che la legislazione vigente è sufficiente per salvaguardare le imprese e la loro PI.

Il progetto 3DPIP Futures dell’Ufficio per la proprietà intellettuale del Regno Unito (IPO) ha concluso che, sebbene fossero necessari alcuni chiarimenti, non c’è bisogno urgente di una riforma legale . Allo stesso modo, a seguito di un rapporto della Commissione europea sulla PI , Thomas Prock dello studio legale Marks & Clerk ha affermato che allo stato attuale, la legislazione esistente potrebbe essere sufficiente.

Jason Teng dello studio legale sulla proprietà intellettuale Potter Clarkson , nel frattempo, ha affermato che l’attuale quadro della proprietà intellettuale è “mal attrezzato” per affrontare le sfide che la stampa 3D deve affrontare. Teng ha raccomandato l’introduzione di un nuovo meccanismo di licenza per controllare il flusso di prodotti additivi.

I risultati dei ricercatori sono dettagliati nel loro documento intitolato ” Produzione additiva: implicazioni per il cambiamento tecnologico, lo sviluppo della forza lavoro e il ciclo di vita del prodotto “, che è stato co-autore di Haden Quinlan e A. John Hart.

Be the first to comment on "Il MIT invita il governo USA a formare la forza lavoro per la stampa 3d"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi