Il National Healthcare Photonics Center di CPI installa la stampante 3D per anatomia digitale Stratasys J750


“È uno strumento molto prezioso per i nostri partner di cui trarre vantaggio come parte della fase di progettazione e prototipazione dello sviluppo dei dispositivi medici”.

L’investimento di CPI consentirà di stampare in 3D modelli specifici del paziente basati su dati reali del paziente.

Il National Healthcare Photonics Center di CPI ha preso in consegna una stampante 3D per anatomia digitale Stratasys J750 che intende utilizzare per la produzione di modelli medici specifici per il paziente.

Secondo Laser Lines , rivenditore di soluzioni di produzione additiva (AM) , l’installazione rappresenta la prima volta per il Regno Unito ed è stata resa possibile con una sovvenzione di 7,9 milioni di GBP dal Local Growth Deal del governo attraverso la North East Local Enterprise Partnership.

Wayne Morton, Senior Mechanical Design Engineer presso CPI, ha commentato: “L’anatomia è incredibilmente difficile da progettare e replicare. Cercare di modellare un essere umano con una particolare lesione o sindrome utilizzando tecniche tradizionali è praticamente impossibile fino ad ora. La nuova stampante 3D Digital Anatomy ci offre un controllo preciso su ciò che stiamo progettando e sviluppando poiché ora possiamo produrre parti del modello direttamente dai dati ottenuti con metodi di imaging medico come la scansione TC o la risonanza magnetica. È uno strumento molto prezioso per i nostri partner di cui trarre vantaggio come parte della fase di progettazione e prototipazione dello sviluppo dei dispositivi medici “.

La stampante 3D anatomica digitale J750 è stata introdotta per la prima volta nel 2019 per fornire agli operatori sanitari e agli ingegneri la capacità di replicare la sensazione e la biomeccanica del corpo umano attraverso modelli medici stampati in 3D multi-materiale e multicolore basati su dati reali del paziente. Da allora la macchina è stata adottata a livello globale da utenti come il Seattle Children’s Hospital, VA Health Care System, BIO3DModel e Schiner 3D Repro . Presso il National Healthcare Photonics Center del CPI, che include funzionalità di progettazione e test di sistemi ottici, imaging, stampa e capacità di produzione, la stampante verrà utilizzata per creare modelli personalizzati utilizzando i dati di scansione del paziente per la pianificazione pre-chirurgica.

Morton ha aggiunto: “Siamo in grado di convertire i dati dei dati di scansione medica, come la risonanza magnetica, in un file di progetto solido e quindi essere in grado di stampare il cranio reale di qualcuno, non solo qualcosa che è un’approssimazione. Questo è un progresso incredibile per un chirurgo perché è possibile produrre diverse copie di quella parte anatomica consentendo al chirurgo di pianificare la procedura e ottimizzare la cura del paziente “.

Be the first to comment on "Il National Healthcare Photonics Center di CPI installa la stampante 3D per anatomia digitale Stratasys J750"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi