Il Ranshofen di Vienna riceve 5,3 milioni di euro Nell’ambito del progetto COMET “We3D” per la produzione additiva basata su filo (WAM)

We3D: componenti in metallo leggero dalla stampante 3D

Ranshofen / Vienna: Grande successo per LKR Leichtmetallkompetenzzentrum Ranshofen GmbH dell’AIT Austrian Institute of Technology: con l’impegno di finanziamento per il progetto COMET “We3D” (Wire-based additive manufacturing – materials and technologies – for 3D metal structure of the future) , un progetto di ricerca completo nel campo della produzione additiva industriale è stato selezionato per il finanziamento e sarà ora realizzato nei prossimi quattro anni. Sotto la guida di LKR, un ampio consorzio di partner industriali e di ricerca porterà la produzione additiva basata su cavi (WAM) a un nuovo livello nei prossimi anni.

La produzione additiva come processo di produzione della futura
produzione additiva (AM) sta per un nuovo tipo di processo di produzione in cui un componente viene prodotto strato per strato sulla base di dati di progettazione 3D mediante un materiale definito che informa di polveri o fili. Rispetto all’approccio convenzionale e sottrattivo alla produzione di componenti, la tecnologia ha un enorme potenziale, in particolare in termini di efficienza dei costi e delle risorse, soprattutto per quanto riguarda la drastica riduzione dei cicli di produzione e sviluppo del prodotto e la riduzione dell’uso necessario dei materiali.

Un processo utilizzato per la produzione additiva di metalli è la cosiddetta “produzione additiva a base di filo”. Qui, l’attrezzatura di saldatura standard convenzionale è adattata in modo tale che la produzione di componenti mediante deposizione diretta di metallo da fili di saldatura è possibile con velocità di accumulo relativamente elevate e dimensioni dei componenti teoricamente illimitate. Presso l’LKR Leichtmetallkompetenzzentrum Ranshofen, vengono lavorati sia i materiali di consumo per saldatura standard a base di alluminio e magnesio che le leghe speciali progettate per il processo sviluppate e prodotte internamente.

We3D: produzione additiva di nuova generazione La produzione additiva
basata su filo (WAM) è considerata una tecnologia chiave del futuro, che utilizza fili di saldatura per la produzione strato per strato di parti 3D di grandi dimensioni che non possono essere prodotte con tecnologie AM basate su polvere in modo economico modo efficiente. WAM combina i vantaggi delle più recenti tecnologie di saldatura, automazione robotica, progettazione e produzione assistita da computer. Ciò significa che è possibile produrre componenti 3D di grandi dimensioni da nuovi fili di saldatura compatibili con WAM in alluminio e magnesio in un modo materiale e di risparmio energetico, di alta qualità, economico ed efficiente in termini di tempo.

Nell’ambito del progetto COMET “We3D”, WAM verrà ora ulteriormente sviluppato di conseguenza: L’obiettivo del progetto di ricerca con un volume totale di circa 5,3 milioni di euro è sviluppare ulteriormente la tecnologia per nuove applicazioni in un’ampia gamma di settori industriali , come il settore automobilistico, aerospaziale e meccanico.

Dr. Stephan Ucsnik, coordinatore tematico e responsabile della presentazione del progetto presso LKR: “Con We3D miriamo a portare la produzione additiva basata su filo a un nuovo livello: con materiali innovativi, nuovi processi, sensori e tecnologie di controllo e strumenti software convalidati per simulazione di processo. Stiamo così aprendo campi di applicazione completamente nuovi per questo processo di produzione nei settori aerospaziale, oil & gas, automobilistico e ferroviario. Attraverso l’ulteriore sviluppo di WAM, con We3D stiamo dando un contributo decisivo a un prospero, moderno , competitiva e climaticamente neutra – in linea con gli obiettivi del Green Deal europeo per il 2050 “.

COMET: Cooperazione tra industria e ricerca per le tecnologie di domani

Il programma COMET Competence Projects for Excellent Technologies promuove la creazione di centri di competenza, il fulcro dei quali è un programma di ricerca di alto livello definito congiuntamente da economia e scienza. Ciò dovrebbe fornire nuovi impulsi di ricerca, portare a un maggiore trasferimento di tecnologia e rafforzare la capacità innovativa delle aziende partecipanti, con il risultato di innovazioni di nuovi prodotti, processi e servizi. In questo senso, COMET è un fattore essenziale per rafforzare l’Austria come centro di ricerca e business.

Il programma COMET è finanziato dal Ministero federale per la protezione del clima, l’ambiente, l’energia, la mobilità, l’innovazione e la tecnologia (BMK) e il Ministero federale per gli affari digitali ed economici (BMDW) e, nel caso di We3D, dalle province federali di Upper Austria, Bassa Austria, Stiria, Vienna e 16 partner commerciali. COMET è stato un successo costante dal 2008. È gestito dall’agenzia austriaca per la promozione della ricerca FFG.

Be the first to comment on "Il Ranshofen di Vienna riceve 5,3 milioni di euro Nell’ambito del progetto COMET “We3D” per la produzione additiva basata su filo (WAM)"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi