La produzione additiva di componenti di serie in metallo mostra ulteriori progressi da parte dell’esperto di fasci di elettroni pro-beam. Con le cosiddette BuildUnit, il tempo improduttivo del sistema EBM è quasi pari a zero, mentre il fascio di elettroni e la strategia di esposizione aumentano ulteriormente la stabilità dei processi e la qualità dei prodotti.

 

Gilching, 8 novembre 2022 – Dopo che un anno fa il gruppo pro-beam ha presentato il suo nuovo sistema di produzione additiva PB EBM 30S, l’azienda pubblica ora ulteriori dettagli sulle proprietà essenziali in occasione di Formnext 2022. Il sistema consente al cliente di risparmiare enormi quantità di tempo e allo stesso tempo offre un’elevata qualità e stabilità del processo. pro-beam sarà presente al Formnext di Francoforte sul Meno dal 15 al 18 novembre 2022 nel padiglione 12.0 allo stand E59. I visitatori possono convincersi delle proprietà del sistema e del processo in loco.

“Con il PB EBM 30S, abbiamo sviluppato un sistema altamente innovativo ed estremamente efficiente per i nostri clienti. Anche le prime fasi di sviluppo hanno dimostrato che le innovazioni arricchiranno il mercato della produzione additiva e faranno avanzare notevolmente la produzione in serie”, riferisce il dott. Thorsten Löwer, amministratore delegato del gruppo pro-beam. “A Formnext 2022 offriremo ai nostri visitatori uno sguardo più da vicino. Non vediamo l’ora!”

 

BuildUnits: risparmia tempo con processi paralleli

Caratteristica della PB EBM 30S è l’elevata produttività per la produzione industriale in serie. Si ottiene attraverso fasi di produzione come l’installazione, l’evacuazione, il processo di costruzione e il raffreddamento che si svolgono in parallelo. A tale scopo, l’azienda ha sviluppato le cosiddette BuildUnits, in cui oltre alla polvere metallica è presente uno spazio di costruzione fino a 300 x 300 x 400 mm. Come moduli separati, attraversano le diverse aree del PB EBM 30S. In questo modo è possibile utilizzare contemporaneamente nel sistema fino a tre BuildUnit. L’utilizzo ottimizzato della camera di costruzione e i tempi di inattività minimi aumentano la produttività del sistema del 100% rispetto ai sistemi senza modulo BuildUnit.

Le BuildUnit sono attualmente disponibili in due diverse dimensioni: 160 x 160 x 400 mm e 300 x 300 x 400 mm. Di conseguenza, il sistema può essere utilizzato in modo flessibile e i processi possono essere resi più efficienti. Il cliente può utilizzare lo spazio di installazione più piccolo, ad esempio, per qualificare un nuovo materiale e lo spazio di installazione più ampio per la produzione. A seconda delle dimensioni e del numero di componenti da produrre, è possibile selezionare il giusto spazio di installazione e ridurre l’uso di polvere.

La polvere necessaria per un processo viene immessa nella camera di costruzione con la BuildUnit e trasportata nuovamente fuori dal sistema dopo la lavorazione, compresa la polvere residua. Poiché la polvere metallica è legata alla BuildUnit e non al sistema, il tipo di polvere può anche variare da lavoro di costruzione a lavoro di costruzione oltre allo spazio di costruzione. Inoltre, BuildUnit consente di separare meglio i processi a monte ea valle, come il riempimento dell’unità e la sabbiatura, in termini di spazio e personale. Ciò consente l’integrazione del PB EBM 30S in un parco macchine esistente.

 

RainTec: esposizione puntuale per proprietà omogenee dei componenti

Un’altra innovazione di pro-beam è la strategia di esposizione puntuale RainTec. In questo caso, l’apporto termico viene adattato e controllato alle esigenze. I singoli punti vengono fusi in modo stocasticamente distribuito in modo che l’intera superficie/desiderata venga creata solo nella fase finale del processo di fusione. Ciò previene la distorsione e ottiene proprietà del materiale omogenee. Inoltre, RainTec porta a una qualità della superficie dei componenti notevolmente migliore. Gli utenti beneficiano anche della più ampia applicabilità dei loro parametri di produzione, indipendentemente dalle dimensioni del componente.

 

Vantaggi della tecnologia a fascio di elettroni

L’impianto lavora sottovuoto in atmosfera inerte. Ciò riduce al minimo la contaminazione dei componenti con l’ossigeno, ad esempio, porta a pezzi più puliti e quindi a proprietà del prodotto potenzialmente migliori. Grazie alla tecnologia a fascio di elettroni sviluppata da pro-beam con una tensione di accelerazione fino a 150 kilovolt, il letto di polvere è meno carico elettrostaticamente, il che si traduce in una maggiore stabilità del processo. Allo stesso tempo, la polvere viene riscaldata isocora con il processo a fascio di elettroni. Ciò ha anche un effetto positivo sulla qualità del processo e dei componenti.

Nel suo Additive Manufacturing Report 2022, AMPOWER prevede la crescita annuale del mercato globale dell’additivazione in metallo al 25,5% CAGR (tasso di crescita annuale composto). Il mercato dovrebbe crescere da 2,5 miliardi di euro nel 2021 a 7,8 miliardi di euro nel 2026. pro-beam rende i suoi clienti adatti a questo mercato dalle enormi potenzialità. 

 

A proposito di pro beam

Il gruppo pro-beam è un leader globale nella tecnologia del fascio di elettroni. pro-beam offre servizi e sistemi di saldatura, tempra, microforatura e rivestimento superficiale. Inoltre, l’azienda lavora nella produzione additiva e consente processi di produzione corrispondenti per componenti metallici. Da oltre 45 anni, i clienti di oltre 40 paesi si affidano alle soluzioni pro-beam. L’azienda globale è rappresentata in cinque sedi con oltre 430 dipendenti in tutto il mondo.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi