Il team Nascar Leavine Family Racing usa MakerBot METHOD X per le proprie auto da corsa

Leavine Family Racing utilizza MakerBot METHOD X per le parti di auto da corsa

Leavine Family Racing , un team della NASCAR Cup Series, sta sfruttando il sistema di stampa 3D METHOD X di MakerBot per produrre una serie di parti di automobili.

Il team corse ha completato la stagione della NASCAR Cup Series 2020 con un piazzamento tra i primi 20 e ha corso con la Toyota Camry n. 95 dal 2011 al 2020. Utilizzando tre stampanti METHOD X, il team ha prodotto componenti additivi come pod per telecamera fittizia e condotti di aspirazione dell’aria, rendicontando riduzioni di tempi e costi.

Leavine Family Racing ha adottato per la prima volta la produzione additiva come metodo più economico per realizzare dischi larghi un pollice, che vengono utilizzati per riempire i buchi negli splitter sulle auto. Mentre in precedenza il team aveva acquistato i componenti da un fornitore, stampandoli in 3D in materiale PLA il team è riuscito a risparmiare tra $ 20.000 e $ 25.000 all’anno. Il team ha quindi esplorato le applicazioni di prototipazione e fissaggio, prima di portare in-house MakerBot METHOD X per esplorare i componenti di utilizzo finale.

Con il portafoglio di materiali termoplastici di MakerBot METHOD X e la capacità della macchina di stampare ad alte temperature, il team ha stampato con successo pod per fotocamera fittizia, che sono montati sulla coda dell’auto. La produzione additiva dei componenti in loco significava che il team non doveva rimuovere le parti pronte per la gara dall’auto durante il processo di fabbricazione della carrozzeria, risparmiando una notevole quantità di tempo. Nel frattempo, i condotti di aspirazione dell’aria sono stati stampati in fibra di carbonio di nylon MakerBot per sfruttare le sue capacità ad alta resistenza e prestazioni termiche, e ha funzionato bene per garantire che l’aria fresca venga introdotta nel veicolo per ottimizzare le prestazioni dell’auto.

Il Leavine Family Racing Team afferma di aver selezionato MakerBot METHOD X, nonostante la sua propensione all’outsourcing della produzione, per sfruttare proprio queste capacità.

“Il nostro team aveva nuove idee, nuovi usi e il nostro uso della stampa 3D si è espanso da lì”, ha commentato Michael Leavine, Vice Presidente di Leavine Family Racing. “È diventata una cosa quotidiana per noi e le nostre stampanti erano costantemente in funzione. Non ci aspettavamo che la stampa 3D diventasse una parte così integrante della nostra produzione. Di solito non producevamo le nostre parti; abbiamo sempre acquistato da venditori. Ma poi è arrivata la capacità di creare le nostre parti e ci ha aperto gli occhi per fare le cose in modo migliore, più veloce, più economico ed efficiente. La capacità di controllare internamente il processo di produzione, senza dover gestire fornitori in outsourcing che hanno richieste anche da altri clienti, era fondamentale. Siamo stati in grado di controllare tutto, dal processo alla qualità dei pezzi e altro ancora “.

Il team Leavine Family Racing ha però chiuso la sua avventura dopo 10 anni di competizioni Nascar e non correrà nel 2021 la scuderia è stata venduta a  Joe Gibbs Racing.

Be the first to comment on "Il team Nascar Leavine Family Racing usa MakerBot METHOD X per le proprie auto da corsa"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi