INTAMSYS lancia la stampante 3D desktop ad alta temperatura 

INTAMSYS ha lanciato una nuova stampante 3D desktop in grado di funzionare a temperature elevate.

La nuova FUNMAT PRO 310 sfrutta la precedente esperienza dell’azienda con la stampa 3D ad alta temperatura. I loro FUNMAT HT, FUNMAT PRO 410 e FUNMAT PRO 610 offrono tutti possibilità di alte temperature con una combinazione di camere di costruzione riscaldate e ugelli ad alta temperatura.

 
FUNMAT PRO 310 differisce dal resto della serie in quanto è un dispositivo desktop, uno che appare leggermente diverso da innumerevoli altre stampanti 3D desktop chiuse.

Tuttavia, le differenze si vedono all’interno del dispositivo.

FUNMAT PRO 310 include una camera di costruzione riscaldata attivamente che può raggiungere i 100°C, con estremità calde che possono raggiungere i 300°C. Questa combinazione consente al dispositivo di stampare in 3D un’ampia varietà di materiali ingegneristici per produrre parti per l’uso finale. Se non l’hai ancora indovinato, ecco come si chiamano la macchina e la serie: “FUNMAT” è l’abbreviazione di “Functional Materials”.

Oltre all’ambiente ad alta temperatura, FUNMAT PRO 310 include molte altre caratteristiche molto interessanti.Il più notevole sarebbe il doppio sistema di estrusione indipendente (IDEX). Ciò consente al dispositivo di stampare in 3D due materiali nello stesso lavoro, ma normalmente il secondo estrusore verrebbe utilizzato per il supporto solubile ad alta temperatura. Ciò consente la produzione di geometrie altamente complesse che sono possibili solo con abbondanti quantità di strutture di supporto solubili.

La camera di costruzione su questa macchina desktop è infatti un po’ più piccola di quella che si trova sui dispositivi più grandi, a 305 x 260 x 260 mm. Tuttavia, quando si utilizza il sistema IDEX, il volume di costruzione si riduce leggermente sull’asse X a 260 x 260 x 260 mm. Ad ogni modo, quei volumi di costruzione sono certamente sufficienti per molti tipi di stampe 3D.

Si noti che non è necessario utilizzare materiali di supporto solubili comuni in questa macchina ad alte temperature, come il PVA, perché fonderebbero nella camera calda. Ciò significa che probabilmente dovresti utilizzare materiali di supporto appositamente progettati per ambienti ad alta temperatura. INTAMSYS ha affermato che FUNMAT PRO 310 è in grado di utilizzare HIPS, PVA, SP3040 e SP3050.
INTAMSYS ha affermato che FUNMAT PRO 310 è in grado di gestire facilmente i materiali di ingegneria più comuni, inclusi PA6/66, PA6-CF, PA12-CF, PC, PC-ABS, ABS, ASA e PLA.

Il sistema di estrusione include anche estrusori a sostituzione rapida. Ciò consente una rapida capacità di modifica per consentire l’uso di materiali diversi o per mantenere la macchina in funzione in caso di inceppamento del filamento.

La piastra di costruzione del FUNMAT PRO 310 è una piastra in acciaio per molle rivestita e fissata magneticamente. Questo è lo standard de facto per i dispositivi desktop FFF in questi giorni, ed è una buona notizia vedere INTAMSYS usarlo nel FUNMAT PRO 310.

Uno dei problemi persistenti che si verificano con i materiali tecnici è che sono igroscopici. Se lasciati all’aria aperta, molti di essi assorbiranno rapidamente l’umidità e questo può a sua volta corrompere la successiva stampa 3D: l’acqua assorbita bolle quando viene riscaldata nell’estremità calda, creando bolle e distorsioni nell’estrusione.

La migliore pratica è mantenere il filamento il più asciutto possibile. Molti produttori di stampanti 3D hanno sviluppato o incluso sistemi “dry box” per farlo, e INTAMSYS lo ha fatto con FUNMAT PRO 310. Si tratta di una dry box esterna, che chiamano “Independent Filament Box”.


Contiene un paio di bobine e le mantiene a livelli di umidità molto bassi, monitorati con sensori di temperatura e umidità. La caratteristica interessante è che la scatola include un “setaccio molecolare”, piuttosto che il più comune approccio essiccante. Il setaccio molecolare può prelevare continuamente molecole di H2O per lunghi periodi di tempo, fino a 15 giorni al 10% di umidità, secondo il video di INTAMSYS:
Infine, FUNMAT PRO 310 include le solite funzioni di praticità che ci si aspetterebbe da un dispositivo professionale, tra cui un ampio touchscreen a colori per il controllo del dispositivo, calibrazione automatica intelligente e compensazione del movimento per una maggiore qualità di stampa.


Un ultimo punto è che INTAMSYS ha incluso una serie di interfacce API che potrebbero consentire a FUNMAT PRO 310 di connettersi con MES (sistemi di esecuzione della produzione) per il controllo remoto in uno scenario di fabbrica.

È probabile che INTAMSYS abbia ricevuto richieste da clienti a cui piacevano le funzionalità dei dispositivi più grandi dell’azienda, ma desideravano le stesse funzionalità in un pacchetto piccolo e meno costoso. INTAMSYS sembra aver reagito con questo nuovo dispositivo per affrontare quel mercato.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi