Vorresti un codice QR incorporato in quel cookie?
I ricercatori dell’Università di Osaka sviluppano “interiqr”, un nuovo metodo di stampa tridimensionale (3D) per incorporare codici QR commestibili, un tipo di codice a barre, all’interno dei biscotti

Osaka, Giappone – Attualmente è in corso una corsa allo sviluppo di etichette commestibili per il cibo in modo che, ad esempio, tu possa vedere da dove viene il cibo o i suoi ingredienti e le informazioni scompaiono una volta che lo hai mangiato. Ora, i ricercatori giapponesi hanno sviluppato un modo per includere un tag commestibile discreto incorporato nel cibo – nei loro esperimenti originali, i biscotti – che può essere letto senza dover prima distruggere il cibo. Un altro grande vantaggio del loro metodo, noto come “interiqr”, è che l’etichetta non cambia affatto l’aspetto esterno o il gusto del cibo.

I tag contenenti dati sono comunemente usati nell’industria alimentare. Si va dai più basilari, come gli adesivi sulla frutta, ai più tecnologici, come i cartellini identificativi a radiofrequenza che utilizzano i campi elettromagnetici per l’identificazione e la tracciabilità automatica dei prodotti. Tuttavia, mentre il mondo tenta di ridurre gli imballaggi extra, la corsa è in corso per sviluppare etichette alimentari commestibili che non sono tossiche, non cambiano il sapore o l’aspetto del cibo e possono essere lette senza dover distruggere il cibo stesso. Il team di ricerca dell’Università di Osaka ha voluto affrontare tutti questi problemi.

“Ora è possibile produrre molti alimenti utilizzando stampanti 3D”, spiega Yamato Miyatake, autore principale dello studio. “Ci siamo resi conto che l’interno di oggetti commestibili come i biscotti poteva essere stampato per contenere schemi di spazi vuoti in modo che, quando si illumina una luce da dietro il biscotto, un codice QR diventa visibile e può essere letto utilizzando un cellulare”.

In questo modo, come tag viene utilizzato un codice QR che è costituito dal cookie stesso, risolvendo così eventuali problemi di gusto e sapore. Ancora meglio, poiché tutte le informazioni sono contenute all’interno del cibo, l’aspetto esterno del biscotto è completamente invariato. E poiché una semplice retroilluminazione può essere utilizzata per rendere visibile il codice QR, le informazioni sono prontamente disponibili per produttori, rivenditori e consumatori in qualsiasi fase del viaggio del biscotto dalla fabbrica allo stomaco.

“Il nostro metodo di stampa 3D è un ottimo esempio della trasformazione digitale degli alimenti, che speriamo possa migliorare la tracciabilità e la sicurezza degli alimenti”, afferma l’autore senior dello studio, Kosuke Sato. “Questa tecnologia può essere utilizzata anche per fornire nuove esperienze alimentari attraverso la realtà aumentata, che è un nuovo entusiasmante campo nell’industria alimentare”.

Dato che le etichette e gli imballaggi degli alimenti sono una grande fonte di spreco in tutto il mondo, anche questo nuovo metodo per incorporare informazioni commestibili negli alimenti sarà importante per la riduzione degli sprechi. Si spera che l’adozione diffusa di tali tecnologie apra la strada verso un futuro più pulito e pieno di cookie.

Per ulteriori informazioni, visitare la pagina del progetto ( https://punpongsanon.info/foodcode/index.html ).

###

L’articolo, “interiqr: tag commestibili discreti utilizzando la stampa 3D alimentare”, sarà presentato al 35 ° simposio annuale ACM sul software e la tecnologia dell’interfaccia utente .

 

Informazioni sull’Università di Osaka

L’Università di Osaka è stata fondata nel 1931 come una delle sette università imperiali del Giappone ed è ora una delle principali università complete del Giappone con un ampio spettro disciplinare. Questa forza si unisce a una singolare spinta all’innovazione che si estende lungo tutto il processo scientifico, dalla ricerca fondamentale alla creazione di tecnologia applicata con impatti economici positivi. Il suo impegno per l’innovazione è stato riconosciuto in Giappone e nel mondo, essendo stata nominata l’università più innovativa del Giappone nel 2015 (Reuters 2015 Top 100) e una delle istituzioni più innovative al mondo nel 2017 (Innovative Universities and the Nature Index Innovation 2017) . Ora, l’Università di Osaka sta sfruttando il suo ruolo di Designated National University Corporation selezionata dal Ministero dell’Istruzione, della Cultura, dello Sport,


Il metodo utilizza la stampante 3D alimentare per incorporare dati commestibili all’interno dei prodotti alimentari. 
In modo che sia creata una nuova esperienza culinaria attraverso questo processo di incorporamento.

CREDITO
2022 Miyatake et al., ACM UIST 2022

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi