Intervista a Jürgen von Hollen, CEO di Ultimaker

Q&A: Jürgen von Hollen, CEO di Ultimaker, sulla costruzione di un ecosistema, una cultura e sul portare l’azienda al livello successivo

Sebbene annunciato alla fine del 2020 e ora a quasi due mesi dal suo mandato, il CEO di Ultimaker Jürgen von Hollen siede nella sua casa di Francoforte, avendo incontrato fisicamente solo due membri del team Ultimaker e non sapendo esattamente quando farà il suo primo viaggio a Geldermalsen , Olanda. Il suo primo appuntamento è previsto per maggio, ma è ottimista sul fatto che potrebbe essere in grado di anticiparlo a marzo o aprile se le restrizioni del COVID-19 si allentassero.

Nonostante le difficoltà di iniziare un nuovo ruolo in un blocco a tre ore di auto dalla sede centrale dell’azienda, von Hollen sta lavorando per riprendere da dove si era interrotto il CEO in partenza Jos Burger. Vuole sviluppare ulteriormente l’ecosistema dell’azienda, stabilire la giusta cultura e, in definitiva, portare Ultimaker a nuovi livelli. Qui ci racconta come intende fare tutto questo e altro ancora.

Hai trascorso quasi cinque anni come CEO di Universal Robots. Cosa ti ha attratto di questa opportunità in Ultimaker?

JvH : Per me, si tratta della sfida, giusto? Quindi, la sfida e quello che ho visto qui a Ultimaker, era il fatto che ci fosse qualcosa di molto simile a Universal Robots, ma in realtà era più diffuso e in realtà più simile a un requisito di base, che era il gioco dell’ecosistema. E penso, sai, per come la vedevo io, ci sono così tante opportunità che esistono; Prima di tutto all’interno dell’azienda. E in primo luogo, ciò inizia con le persone e la mentalità di cercare di fornire il miglior prodotto disponibile. Quindi questo è davvero quasi nel DNA delle persone è che vogliono davvero creare il meglio che c’è là fuori.

E penso che questa sia una parte. Ma poi questo tipo di combinazione di loro già raschia la superficie del gioco dell’ecosistema. E questo mi ha reso molto interessato, giusto, perché correre come CEO o presidente di un’azienda della tua stessa azienda è eccitante. Ma ragazzi, se vuoi renderlo esponenzialmente più complesso e stimolante, aggiungi l’ecosistema a quel gioco, giusto? Perché fondamentalmente, non sei solo il CEO di una società, stai coordinando centinaia di aziende che vanno nella stessa direzione. E se puoi farlo, allora hai davvero qualcosa che è un vantaggio competitivo sostenibile. E penso che questo sia un po ‘quello che mi ha fatto andare avanti è stato, wow, questi ragazzi l’hanno iniziato e non hanno nemmeno capito veramente cosa hanno. È davvero questa perla che possiamo iniziare a brillare ora.

Quali sono le tue prime percezioni della stampa 3D?

JvH : Il mercato è interessante. La definizione del mercato stesso è relativamente vaga, i dati di mercato sono piuttosto difficili da ottenere e la segmentazione del mercato non è molto chiara. Se lo troviamo come le aziende di stampa 3D, allora immagina cosa deve affrontare il consumatore povero o l’utente finale? Cerco sempre di guardarlo dal punto di vista del cliente perché, in ultima analisi, il cliente non cerca una stampante 3D, ma una soluzione. Da quel punto di vista, penso che il mercato della stampa 3D sia piuttosto diffuso, è difficile da afferrare. Già questa è un’opportunità. Abbiamo l’opportunità qui di chiarire e rendere più visibili quali sono i punti di forza e di debolezza.

Penso anche che il mercato stesso sia ancora molto embrionale. So che esiste da molto tempo, ma penso che stiamo solo iniziando a vedere il potenziale della tecnologia, stiamo ancora raschiando la superficie e penso che, mentre i tecnologi iniziano a sviluppare questo concetto del cliente e della soluzione, più apriremo il mercato perché forniamo complessità al cliente e una delle cose che dobbiamo fare, e se mi chiedeste qual è la mia strategia di ingegneria o innovazione, è la facilità d’uso. Togli le barriere e porta via la complessità. Questo deve essere in primo piano e al centro di ciò che stiamo cercando di risolvere.

L’altra parte è che i driver fondamentali della crescita per questo mercato rimarranno invariati. Attraverso questa pandemia, penso che siano stati rafforzati a causa della produzione decentralizzata, tutte queste cose sono elementi che avranno reso le aziende molto più consapevoli dell’esigenza di avere una base tecnologica nella produzione che ti permetta di essere molto più flessibile.

Espandere
Ultimaker
Quali sono le tue ambizioni per Ultimaker?

JvH : Penso che in fondo siamo un’azienda tecnologica. E penso che una delle cose che dobbiamo capire sia che questa tecnologia non è di per sé la soluzione, è una parte degli elementi costitutivi della soluzione. Quindi, per me, guardando alla tecnologia, come azienda tecnologica, vogliamo essere la migliore tecnologia là fuori, giusto. E penso che, nel tempo, passeremo dall’essere un puro giocatore di prodotto a molto più di un giocatore di piattaforma, un giocatore di applicazioni e soluzioni, questo sarà uno dei fattori chiave per noi. Solo credendo che avremo un vantaggio competitivo a lungo termine esclusivamente sulla tecnologia, non l’ho mai visto. La tecnologia da sola non ci darà un vantaggio competitivo sostenibile.

Quindi, mi concentro su altre cinque cose che penso siano davvero rilevanti per i punti di forza di Ultimaker. Uno sono le persone e la competenza; abbiamo quasi 180 ingegneri in azienda che stanno solo guidando la soluzione e siamo molto concentrati sui prodotti che abbiamo, e abbiamo lavorato molto sulle applicazioni con i clienti. La parte successiva è il go-to-market e se guardo al go-to-market, ci sono autostrade per i grandi clienti, ma il piccolo e il medio è difficile, ma se riusciamo a rendere il nostro ecosistema di partner abbastanza forte da portarci subito dopo a quei clienti. Ci concentreremo molto sulla costruzione di quei forti canali di go-to-market. Il passo successivo per me è la consapevolezza e la consapevolezza è guidata dall’aumento della competenza, e questo è il concetto di accademia, non solo per noi ma per i nostri utenti finali. Il punto successivo è l’ecosistema per l’innovazione, prendendo il concetto di ecosistema ed estrapolandolo fino a dove vogliamo essere la piattaforma per gli sviluppatori di materiali, hardware e software e assicurarci di fornire una comunità aperta e certificata, perché vogliamo assicurarci che i nostri utenti finali ottengano il [migliore] esperienza utente. E poi, l’ultima parte è il modello di business, in cui costruiamo continuamente sulla piattaforma, noi ei nostri partner dell’ecosistema, e se sposiamo questa integrazione di tecnologia ed ecosistema, penso che abbiamo qualcosa di piuttosto unico là fuori.

La nomina di Miguel Calvo come CTO è arrivata abbastanza velocemente dopo la tua, cosa porta in azienda?

JvH: Capire dove vogliamo essere tra cinque anni, ci sono cose fondamentali che devono essere fatte ora per essere in grado di arrivarci. E penso che questo tipo di approccio strutturale, e guardando, ad esempio, al nostro profilo ingegneristico, dal punto di vista delle competenze, debba adattarsi ogni anno. Se c’è una cosa che tutti sappiamo, il cambiamento sarà la costante. Ma come possiamo farlo in modo efficace? Con tutti quegli ingegneri che abbiamo, siamo sicuri di metterli nel posto giusto? E penso che uno dei motivi per cui Miguel è salito a bordo è stato perché ha molta esperienza con un approccio molto strutturato per essere in grado di valutare come ci assicuriamo, dal punto di vista del processo, di fornire ciò che dobbiamo. Esistono due diversi tipi di innovazione. C’è l’invenzione, che è da dove veniamo, rispetto a un processo strutturato per l’innovazione. E man mano che le aziende crescono e maturano, devono migrare verso l’innovazione guidata dai processi, è proprio così. Ma assicurandoci di sfruttare la comunità che ci circonda, assicurandoci di non diventare miopi o introversi, ma sfruttando l’ecosistema che ci circonda, perché con la maturazione del mercato, i nostri clienti sanno davvero molto sulle stampanti 3D, dovremmo ascoltare e impegnarsi con quello.

Quando i vostri appuntamenti sono stati annunciati, entrambi avete menzionato come Ultimaker avesse il potenziale per superare il mercato della stampa 3D. Come pensi di farlo?

JvH : Ci sono due parti in questo, giusto. Uno è il gioco dell’ecosistema, che collega e fa leva su ciò che ci circonda. E l’altro è che c’è un tasso di crescita del mercato che, diciamo, è comunque difficile da capire. Ma diciamo che abbiamo un tasso di crescita del mercato. E se guardi i dati di mercato di oggi, il tipo di ricerca di mercato prevede una crescita tra il 20 e il 30% nei prossimi cinque anni. E c’è molta variabilità in questo, quindi è difficile capirlo, ma diciamo che è dal 20 al 30%, nei prossimi cinque anni. Se guardo a come siamo cresciuti in passato e come l’abbiamo fatto senza un processo strutturato, di per sé, mettendo in fila le nostre anatre e assicurandoci che siamo molto, molto concentrati, penso che possiamo crescere oltre .

Voglio davvero allineare le risorse con la roadmap e ciò che le vendite stanno facendo nel punto giusto. E se facciamo tutto questo, penso che possiamo effettivamente crescere in modo quasi esponenziale solo attraverso una migliore efficienza ed efficacia della nostra base di risorse, giusto? È un progetto che ho avviato all’interno dell’azienda chiamata PIP, giocando in posizione. Ciò che accade in un ambiente imprenditoriale, le persone assumono altri ruoli che svolgono per dare una mano. Ma non è necessariamente molto efficace. E siamo cresciuti così tanto che in realtà abbiamo abbastanza massa critica per iniziare a concentrare le persone. E quell’attenzione ci darà la capacità di diventare molto, molto più efficaci.

Assumi il ruolo di CEO di Ultimaker mentre il mercato della stampa 3D sta attraversando un periodo di consolidamento? Che Ultimaker abbia o meno un ruolo attivo in questo, come influenzerà l’azienda?

JvH : Come ho detto prima, mi ci è voluto molto tempo per capire come si posizionano tutte queste aziende in questo mercato pazzo. Ce ne sono così tanti. Penso che quello che succederà è che una struttura inizierà ad accadere e questo ha a che fare con il fatto che i clienti diventano più consapevoli di ciò che stanno cercando. E si rendono conto che c’è un prezzo da pagare per arrivare a una certa specifica o requisito, e questo inizia a scuotere un po ‘il mercato per ottenere chiarezza.

L’altra parte che guardo è che non ho mai paura della concorrenza, in realtà è un vantaggio. Se sei da solo, non è facile creare consapevolezza. In questo momento, siamo ancora nella fase iniziale, quindi sono felice che ci siano molte aziende di stampa 3D.

La parte importante, e questo è il terzo elemento, penso che quello che vogliamo essere sia eccellente in quello che facciamo. E così, la strutturazione dell’azienda, la tecnologia, il lancio sul mercato, tutte quelle cose che ho menzionato, dobbiamo avere la nostra nave in ordine, la nostra casa in ordine, prima di iniziare a cercare di aggiungerne di più, giusto ? E questo fa parte della mia filosofia, voglio assicurarmi che il business sia un business funzionante ed efficace, che sia davvero in grado di accelerare solo con ulteriori aggiunte. La vedo come una costruzione strutturale quinquennale. Ed è quello che stiamo facendo. E poi nei prossimi due o tre mesi lo faremo. E poi passiamo alla modalità di esecuzione. Penso che dobbiamo essere consapevoli di quello che sta succedendo intorno a noi, giusto, è normale, non ha molto senso alzare i paraocchi. Quindi, sappiamo cosa sta facendo la concorrenza e sappiamo dove sono le tendenze. E dobbiamo reagire ad alcune di queste cose ed essere proattivi in ​​alcune aree. In questo momento, però, direi che sono molto felice di concentrarmi solo sulla riparazione della nostra casa. E poi a lungo termine, medio termine, esamineremo altre cose.

Espandere
Ultimaker
Hai preso il posto di Jos Burger, che ora è seduto nel consiglio di sorveglianza, come ti aiuterà mentre vai avanti?

JvH : Uso Jos come cassa di risonanza per molte cose quando si tratta del mercato della stampa 3D, perché non provengo da esso ed è lì da un po ‘. Ma è più una relazione personale che abbiamo. Il consiglio non è relativamente coinvolto dal punto di vista operativo, quindi quello che sto facendo è costruire il mio piano quinquennale e lo sto comunicando con il consiglio nelle ultime sei settimane e stiamo sviluppando quella storia e loro capiscono dove Vado, e loro capiscono che ci saranno dei punti in cui dobbiamo prendere decisioni. Con me che entravo, era una strategia chiara, perché quello che faccio è, non mi unisco per gestire quello che c’è, mi sono unito per portarlo al livello successivo.

Nei prossimi cinque anni, quindi, cosa vuoi ottenere con Ultimaker?

JvH : Una delle cose che è stata molto interessante per me è stata che l’azienda aveva attraversato un processo di definizione del proprio scopo, valori e visione nel 2020. Avevano dedicato un bel po ‘di tempo a questo come organizzazione per sviluppare questo e L’ho capito perché mi piace e perché devi essere molto chiaro, giusto? La sfida più grande al mondo, a livello globale, è ottenere e mantenere a bordo le migliori risorse. Le migliori risorse, le persone, devono essere al centro di ciò che faccio. Guardo quello che siamo, voglio essere l’azienda più attraente per cui vuoi lavorare. Perché se lo faccio, ho le migliori possibilità di avere molto successo in qualsiasi cosa intendiamo fare nei prossimi cinque anni.

Ho passato un bel po ‘di tempo in queste ultime sei settimane a sviluppare lo scopo e il modo in cui implementeremo la nostra visione e i valori. Questo sarà il nostro intero anno, faremo attività sulla cultura. Perché abbiamo così tante nuove persone in azienda, me compreso, giusto, non abbiamo una vera cultura. Abbiamo alcune persone; sono qui da un po ‘, quindi hai una cultura, e poi probabilmente hai altre 200 culture, perché ognuno porta qualcosa con lei. Quindi, devo sposare tutto questo insieme e assicurarmi che le persone si allineino.

E poi una volta che ho allineato Ultimaker, il prossimo lavoro è allineare l’ecosistema, perché non posso collaborare con qualcuno che non è d’accordo con noi, dobbiamo avere gli stessi valori. Mi piacerebbe che, alla fine della giornata, potessimo dire che abbiamo il più grande ecosistema e piattaforma per la stampa 3D, in tutte le sue dimensioni, che si tratti di materiali, software, stampanti, che siamo il posto giusto per vieni a. E se sei un produttore e stai cercando la stampa desktop professionale, vieni sulla piattaforma Ultimaker, perché hanno l’ecosistema di partner che ti supportano, non solo oggi, ma anche tra dieci anni. Avere quel tipo di approccio alla soluzione che, penso, sarebbe il mio desiderio.

Be the first to comment on "Intervista a Jürgen von Hollen, CEO di Ultimaker"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi