Concrete 3D di Vorarlberg

L’azienda Concrete 3D con sede nel Vorarlberg si affida alla stampa 3D con calcestruzzo

JOLO prefabbricati in calcestruzzo e Tomaselli Gabriel Bau hanno fondato una società comune per la stampa 3D con calcestruzzo. The Concrete 3D GmbH , con sede a Nüziders (Vorarlberg / Austria), è tra le prime aziende al mondo a utilizzare sezioni di calcestruzzo dalla stampante 3D già nella pratica. Gli azionisti hanno investito circa 300.000 euro nella struttura. La fase pilota è stata completata con successo all’inizio di febbraio e l’ingresso nel mercato è ora iniziato.

La stampa 3D con il calcestruzzo sta diventando sempre più popolare in tutto il mondo. Sempre più aziende e istituti di ricerca si occupano di questo settore. Quindi la prima casa stampata in 3D negli Stati Uniti è stata recentemente offerta in vendita .

Concrete 3D GmbH del Vorarlberg è ora anche una delle prime aziende a utilizzare nella pratica la stampa 3D di parti in calcestruzzo. “Questa tecnologia giovane ed entusiasmante ha un potenziale enorme. Vogliamo essere tra i primi con questa innovazione ”, così i due amministratori delegati Markus Loacker e Philipp Tomaselli formulano l’ambizioso obiettivo.

Il know-how delle parti prefabbricate in calcestruzzo JOLO e di Tomaselli Gabriel Bau confluisce nello sviluppo in corso. Le prime parti stampate in 3D sono state utilizzate anche nei progetti degli azionisti. Loacker: “Grazie alla nostra partnership, sviluppo e implementazione pratica vanno di pari passo”.

Le due società detengono ciascuna una partecipazione del 50% in Concrete 3D GmbH. Dopo circa tre mesi di familiarizzazione con i primi progetti, l’azienda entra nel mercato a marzo. “Acquisiremo ulteriore esperienza con i clienti pilota della regione e poi diventeremo attivi passo dopo passo in tutta l’area di lingua tedesca”, afferma il responsabile della divisione Michael Gabriel, in attesa dell’inizio.

“La stampa 3D apre nuove dimensioni”
Loacker e Tomaselli avevano lavorato intensamente con la tecnologia per due anni fino a quando non hanno trovato un sistema pratico. L’investimento è stato di circa 300.000 euro. Un robot industriale a 6 assi con un raggio di 2,8 metri fornisce il movimento. I binari di pressione in calcestruzzo con uno spessore da 1 a 3 cm vengono applicati tramite un ugello a pressione, la pompa per malta fornisce il rifornimento. Ci sono anche componenti hardware e software.

Ciò che viene stampato è ciò che viene importato come piano CAD. Ad esempio, il sistema richiede circa cinque minuti per un vaso di fiori alto un metro e un diametro. Non ci sono quasi limiti alle possibilità: “La stampa 3D apre nuove dimensioni. Ciò che prima era impensabile con la produzione di cemento a forma libera senza cassaforma, ora sta diventando una realtà. Possiamo produrre geometrie complesse e possiamo farlo in serie “, spiega Michael Gabriel. “La digitalizzazione, l’industrializzazione e la produttività sono i principali temi futuri nel settore delle costruzioni. La stampa 3D combina tutti e tre e consente anche l’individualità “, spiega Philipp Tomaselli.

Un effetto collaterale positivo: gli elementi in calcestruzzo possono essere ridotti alla dimensione strutturalmente necessaria utilizzando la stampa 3D – questo fa risparmiare materiale, costi e protegge il clima.

Test pratico riuscito in loco
Concrete 3D si concentrerà inizialmente sulla produzione di semilavorati, elementi per facciate, nicchie e mobili. Le parti della facciata offrono agli architetti nuovi modi di espressione. Le cavità prefabbricate in calcestruzzo consentono risparmi sui costi quando si cementano soffitti e pareti. Ciò elimina la necessità di complesse casseforme con legno in cantiere. “Meno fatica, meno materiale, meno sprechi: la stampa 3D del calcestruzzo consente una maggiore sostenibilità nel settore edile”, è convinto Philipp Tomaselli. A JOLO prefabbricati in calcestruzzo e Tomaselli Gabriel Bau, le nicchie vengono già utilizzate con successo nella pratica.

Un compito importante per la nuova azienda è far conoscere al mercato le nuove opportunità. “Molti non possono immaginare che il cemento possa essere stampato. E certamente non cosa se ne può ricavare ”, afferma Markus Loacker. “Dobbiamo mostrare queste opzioni a società di costruzioni, architetti e ingegneri strutturali”.

Be the first to comment on "Concrete 3D di Vorarlberg"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi