Intervista con John Hauer di Get3DSmart

John Hauer ha fondato e lanciato diverse attività legate alla tecnologia. Nel 2013 è stato cofondatore e CEO di 3DLT. La società ha fornito una piattaforma per la stampa 3D as-a-service, aiutando Amazon, Walmart e altri rivenditori globali a vendere prodotti fabbricati digitalmente, online e in-store. Nel 2015 ha fondato Get3DSmart , uno studio di consulenza che aiuta le aziende a innovare con la stampa 3D e altre tecnologie correlate.

Dacci qualche informazione su come sei arrivato a questo punto.

Ho trascorso 25 anni nel settore della stampa 2D che ho lavorato per Xerox e diverse grandi stampanti commerciali. Sono stato coinvolto in quell’industria fino al 2012 circa. Nel 2012, ero alla più grande fiera del settore della stampa 2d e la scrittura era letteralmente sul muro. Libri, riviste, giornali e posta diretta erano tutti morti o morenti. Ho iniziato a chiedermi se forse la stampa 3D fosse il futuro per l’industria della stampa 2D perché le graffette avevano appena annunciato che stavano per iniziare a mettere le stampanti m-core nei Paesi Bassi e in Belgio e c’era qualche segno di attrazione quindi ho iniziato un blog chiamato 3D per stampanti e ha iniziato a evangelizzare la stampa 3D alle aziende di stampa 2D. È culminato con il primo articolo che ho scritto per TechCrunchsul perché la stampa 2D e la stampa 3d sono molto simili. All’epoca c’era un sacco di gente che diceva che non si può chiamare stampa perché non sta stampando. Non è la stessa cosa, ma essenzialmente il flusso di lavoro è lo stesso. Un file viene creato qualcosa viene inviato a un dispositivo. Viene prodotto. Diventa postelaborato o finito e poi viene spedito. Quindi il flusso di lavoro è praticamente lo stesso. Alcuni colleghi Cincinnati lo hanno visto e mi hanno convinto a iniziare un’attività chiamata 3DLT . Abbiamo iniziato come il primo mercato di file for-pay negli Stati Uniti e poi abbiamo fatto del nostro business una piattaforma per la stampa 3D come servizio.

Abbiamo lavorato con rivenditori globali come Amazon, Walmart, Sears e altri per aiutarli a vendere prodotti stampati in 3D online e in-store. Siamo stati i primi a lanciare Amazon e Walmart. L’abbiamo fatto praticamente nello stesso momento ed è stato subito dopo aver lasciato un acceleratore nel Kentucky settentrionale chiamato Up Tech. In quel giorno abbiamo annunciato la nostra partnership con Amazon.

Siamo stati presenti in 250 punti vendita in un giorno e ho fatto la mia prima apparizione in TV nazionale su Fox Business. Abbiamo avuto una trazione straordinaria e abbiamo iniziato a decollare. L’azienda è stata finanziata dall’avventura e tu sai che stavamo cercando di costruire qualcosa di veramente grande e che ci vuole un sacco di soldi. È difficile da fare nel Midwest quando 11 dei 20 miliardi di dollari di capitale di rischio stanno uscendo dalla Silicon Valley. Quindi eravamo ancora in grado di farlo e andare avanti. Intorno al 2015, avevo clienti che venivano da me e mi chiedevano di aiutarli con cose che riguardavano la stampa 3D ma non erano nello spazio di vendita. Ho iniziato uno studio di consulenza chiamato get 3d smart e ho iniziato a lavorare con quei clienti entro la fine del 2015. La consulenza era autosufficiente e avevo una scelta da fare. Potrei continuare a lavorare con questa grande opportunità a 3d LT, che è probabilmente un po ‘presto, in retrospettiva dal punto di vista temporale, oppure potrei andare a fare le consulenze e il tipo gestire il mio show e sai controllare il mio destino. Così ho fatto una scelta per uscire da 3DLT a dicembre 2015 e iniziare a lavorare a Get 3D Smart a tempo pieno. Ottieni 3D Smart aiuta i clienti a identificare e sfruttare le opportunità nella stampa 3D. In genere lo facciamo da una prospettiva di marketing. Facciamo molte valutazioni di mercato per i nostri clienti, aiutandoli a capire quali verticali e quali segmenti del settore in cui vogliono giocare. Poi li aiutiamo a sviluppare la loro strategia e comunicare la loro strategia internamente ed esternamente. Questo può includere tutto, dalle sessioni di formazione per i propri rappresentanti in diversi mercati verticali, ai white paper interviste ai casi studio. Come ho detto prima, scrivo per diverse pubblicazioni; Forbes, TechCrunch, stampa 3D e una miriade di altri.

Ottieni 3D Smart

In cosa inizialmente ti interessava in particolare il giornalismo tecnologico?

Scrivo e scrivo da 15 anni e scrivo su tutti i tipi di tecnologie emergenti. Ho scritto una serie per Forbes su IOT. Scrivo di intelligenza artificiale, automazione, realtà virtuale e tutti quelli che mi interessano principalmente perché sono tecnologie di tipo piattaforma. Possono guidare lo sviluppo di molti diversi tipi di nuove imprese e sono particolarmente incuriosito quando le persone combinano una o più di queste tecnologie di piattaforma. Ho scritto un articolo su questo per il futurismo come quando guardi cose come l’intelligenza artificiale e la stampa 3D, o realtà virtuale e intelligenza artificiale, o IOT e stampa 3D, e inizi a guardare quelle tecnologie e le combini, crea tutti i tipi di nuove ma interessanti opportunità di business. Questo è ciò che mi affascina di più. Come prendi alcune di queste tecnologie di piattaforma molto dirompenti e le riunisci per creare un nuovo modello di business?

In generale, perché ti interessa la stampa 3D?

Vengo da uno sfondo di essere stato coinvolto nella digitalizzazione. Quando ho iniziato a lavorare con Xerox nel 1990, la stampa digitale era appena entrata in scena. Era un mondo completamente nuovo per le persone. Non c’era internet funzionale. Tutte le cose che date per scontate oggi nella stampa come PDF e tutte quelle cose, nessuna di queste esisteva. Doveva essere creato e ho visto il mercato crescere dall’essere una piccola industria di cottage all’interno di un settore davvero grande. Il digitale era minuscolo e l’industria della stampa generale fino a un certo punto. Ora siamo qui trent’anni dopo. In alcuni casi rappresenta il 50% della quota di mercato e dipende da quale lato del mercato ci si trova. Il digitale è pervasivo e una delle altre cose che abbiamo visto è stata la rottura di quando aveva senso usare le tecnologie digitali rispetto a quando aveva senso usare le tecnologie analogiche continuano a spostarsi verso l’interno. Quando Xerox ha tirato fuori una delle prime fotocopiatrici digitali a colori, ha stampato cinque pagine al minuto, il blu sembrava viola e costava cinque dollari per pagina. Tutti hanno detto che non c’è modo di avere successo; Nessuno pagherà ancora quel tipo di prezzo. Hanno fatto perché potevano avere uno di quello che volevano. Non avevano bisogno di cinquemila, diecimila o centomila. Potrebbero averne uno. La stampa 3D lo sta facendo oggi. Ciò che alla fine la stampa digitale ha avuto un pareggio è passato da cinque a cinquanta a cinquecento a cinquemila. HP dispone di stampanti a getto d’inchiostro di grande formato in grado di competere con le tecnologie analogiche: oltre mezzo milione di unità vedono già la stessa cosa che accade nella stampa 3D. HP ha appena annunciato di aver stampato la sua 10 milionesima parte della sua tecnologia. Potrebbe sembrare molto, ma in realtà ci sono alcune scatole di costruzione che potrebbero avere migliaia o più parti in esse, quindi non è un enorme sforzo per arrivare a dieci milioni di parti. È un presagio di cose a venire quando si guarda a ciò che sta accadendo ora. Il pareggio per un prodotto potrebbe essere stato di cinquanta pezzi. Ora è 500 e con quella prossima evoluzione forse la serie 5200 o qualsiasi altra cosa verrà dopo. Forse qualunque cosa Carbon porti in tavola o tu o uno degli altri produttori, ora arriviamo a 50.000 e questo è quando diventa davvero interessante ma non è l’unico motivo per cui la stampa 3d è convincente. Non è solo un problema di prezzo. A volte è personalizzazione e personalizzazione. A volte è la capacità di produrre su richiesta come ho già detto prima. A volte si tratta di velocità di commercializzazione e di essere in grado di ottenere un prodotto sul mercato prima di qualsiasi altro. Prima che potessi in qualsiasi altro modo e se stai parlando di marketing nel momento in cui quella roba è critica quindi tutte queste cose sono state interessanti per me in parte perché ho visto i paralleli alla 2d di stampa, e in parte perché so che quelli usano casi. In quegli scenari in cui c’è un valore aggiunto, c’è un’occasione significativa per uscire e costruire un settore, e per 30 anni la stampa 3d è stata un’industria artigianale. Ora all’improvviso è sul punto di diventare mainstream, e ci sono voluti grandi giocatori comeHP , Carbon , Desktop Metal GE e altri per contribuire a rendere possibile ciò. Ora che sono qui è il gioco.

Desktop Metal

In che modo il giornalismo ti ha aiutato nella tua carriera imprenditoriale?

È stato grandioso Voglio dire, mi costringe a immergermi in più conoscenza per diventare un esperto in settori che non ero in passato, lo sai perché inizi a inventare un concetto e tu dici ok ora devo scavare in profondità e capire che cosa è questa industria significa davvero. Ho la ricerca a mia disposizione per essere in grado di parlarne in modo intelligente. Questo è un lato di esso, e poi l’altro lato è che è solo da una prospettiva di marketing che è stato fantastico. Mi ha aiutato a costruire il riconoscimento del nome e la leadership di pensiero che voglio nel settore come una specie di estraneo. Il mio tag è che sono un giornalista di tecnologia gonzo. Hunter Thompson è uno dei miei giornalisti preferiti di tutti i tempi. Adoro questo approccio. Voglio prendere una sfumatura diversa, e sai che forse arrufferà alcune piume lungo la strada, ma va bene.

Quali sono alcune grandi tendenze nei supporti di stampa 3D che stai cercando nei media o con la stampa 3D in generale nei media?

Questa è una buona domanda. Il problema con la stampa 3d è che passa attraverso i cicli di hype giusto, e lo abbiamo analizzato e lo chiamiamo dal 2009 al 2012 e poi forse di nuovo negli ultimi due anni come il 14-16, dove ottiene l’attenzione e la pubblicità della stampa mainstream. Poi va in una fase di calma in cui non è così coperto forse come sarebbe stato e poi sai che torna in uno di questi cicli di hype di nuovo. Penso che probabilmente stiamo raggiungendo un po ‘di calma in qualche misura con i media mainstream, ma va bene perché sai cosa è successo c’è stato un grande cambiamento nella stampa 3D da questo concetto che tutti avrebbero avuto una stampante 3d nella loro casa e fare tutto ciò di cui avessero bisogno per tornare a questo è più di un industriale e opportunità commerciali in cui inciderà sui consumatori perché saranno in grado di ottenere prodotti migliori più velocemente e potenzialmente meno dispendiosi. Non li fabbricheranno nella loro casa e questo non è altrettanto affascinante per i media mainstream. Forse sai che è molto importante per le pubblicazioni industriali e le pubblicazioni commerciali e sai quel genere di cose, ma non è solo affascinante per Forbes in un Wall Street Journal e per quei tipi di pubblicazioni e sai. Penso che sarà così a lungo anche se la stampa 3D in casa diventerà onnipresente come la stampa a getto d’inchiostro dove tutti ne hanno uno. Probabilmente seguirà lo stesso modello. Meno del 10% di tutte le pagine prodotte sono prodotte su tali dispositivi. La stragrande maggioranza viene stampata a pagamento da qualcun altro, e la probabilità è che nella stampa 3D la stessa cosa accada ora. Chi è, dove e come sono tutti in discussione, ma questo è il segno di un mercato in crescita e grande. Voglio dire, come HP ha appena fatto un accordo con Smile Direct per 50 macchine e questo è stato grande. Qualcuno ha fatto un sacco di soldi per quell’affare e ci saranno ordini cinque volte più grandi di questo mercato che continua a crescere. Quando vendi un ordine di cinque milioni o dieci milioni di dollari, un pop che inizia a costruire una scala abbastanza rapidamente.

La personalizzazione è piuttosto interessante quando si tratta di stampa 3D: quali sono i tuoi pensieri su settori specifici che possono davvero trarre vantaggio dalla personalizzazione?

L’industria medica è stata certamente il leader in questo campo fino ad ora. Quando guardi il settore degli apparecchi acustici o guardi allineatori dentali o guardi protesi o ortesi, tutti questi sono stati quelli che avrei etichettato come applicazioni killer finora fuori dal cancello. Quasi ognuno di loro fa affidamento sulla personalizzazione e sulla personalizzazione, ma sai che ci sono molti altri prodotti di consumo che saranno grandi. Il settore automobilistico ha un grande potenziale. Ci sono altri mercati in cui la personalizzazione e la personalizzazione giocheranno. Un valore aggiunto che le persone pensano quando ottengono una nuova tecnologia, una nuova tecnologia digitale come questa è la produzione su richiesta. Credo fermamente e ho scritto molto su questo, che la velocità sul mercato è probabilmente l’opportunità più grande alla fine. Non importa nemmeno se sia competitivo o meno rispetto a quello che pagherai per produrre in serie qualcosa, è solo questione di quanto velocemente puoi arrivare sul mercato e se c’è un qualche tipo di sensibilità intorno ai tempi o un ambiente competitivo o sai che è marketing nel momento in cui c’è qualche tendenza che stai cercando di colpire proprio ora. Penso che la velocità sul mercato sia probabilmente quella che guida la maggior crescita e le parti di produzione utilizzate per l’uso finale. C’è sempre attrito quando si tenta di personalizzare o personalizzare. Penso che la velocità sul mercato sia probabilmente quella che guida la maggior crescita e le parti di produzione utilizzate per l’uso finale. C’è sempre attrito quando si tenta di personalizzare o personalizzare. Penso che la velocità sul mercato sia probabilmente quella che guida la maggior crescita e le parti di produzione utilizzate per l’uso finale. C’è sempre attrito quando si tenta di personalizzare o personalizzare.

Be the first to comment on "Intervista con John Hauer di Get3DSmart"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi