Ivaldi Group project manager in un programma JIP ( Joint Industry Programme ) di fase II per promuovere la stampa 3D di parti di ricambio per il settore marittimo a Singapore

Lo specialista dello stoccaggio di parti digitali Ivaldi Group ha annunciato che assumerà il ruolo di project manager in un programma JIP ( Joint Industry Programme ) di fase II per promuovere la stampa 3D di parti di ricambio per il settore marittimo a Singapore.

Ivaldi ritiene che la produzione additiva sarà cruciale per aumentare la produttività e la sostenibilità nel settore nei prossimi decenni e cita la velocità, le prestazioni dei componenti e la riduzione dei costi come ostacoli da superare. Il JIP mira a raggiungere questi obiettivi, riunendo 14 attori chiave del settore per stampare, certificare e installare parti di uso finale a bordo di navi nella regione.

Espen Sivertsen, CEO di Ivaldi, spiega: “Questa è una pietra miliare importante per l’adozione marittima della distribuzione digitale. Fino ad ora, la certificazione delle parti critiche è stata molto costosa e richiede tempo perché ogni parte deve coprire un nuovo terreno. Lavorando insieme su categorie di parti chiave, miriamo a rimuovere alcune delle barriere rimanenti per l’adozione di massa “.

Come parte del programma, i partner del JIP selezioneranno fino a dieci parti marittime da un elenco prestabilito di 100 (originariamente creato dalla società di classificazione DNV GL ) da utilizzare per un caso di studio. Ivaldi ha dichiarato che le parti selezionate saranno rappresentative del settore in quanto applicabili sia agli OEM che ai membri dello studio degli utenti finali.

Le parti selezionate saranno quindi ottimizzate digitalmente e stampate, prima di essere valutate per la loro fattibilità economica quando prodotte su richiesta. Infine, i partner del JIP discuteranno e decideranno sui passaggi successivi, che include una stima dei costi dell’intero processo di integrazione della produzione su richiesta per una serie di catene di approvvigionamento.

Anna D’Alessio, Director of Quality Engineering di Ivaldi, aggiunge: “Siamo entusiasti di riunire le aziende del settore, basando la nostra selezione di componenti sulle esigenze sia degli OEM che degli utenti finali. Ci auguriamo che questo progetto sia solo l’inizio della produzione additiva di parti per l’industria marittima. Questo progetto mira a sviluppare il futuro della certificazione, concentrandosi sulle categorie per rendere il processo più veloce, più economico e più affidabile “.

Il programma, risolvendo alcune delle principali questioni tecniche e di costo relative alla certificazione delle parti, mira in ultima analisi a rafforzare la posizione di Singapore sulla scena marittima globale. Il paese è già uno dei porti hub più attivi al mondo e, si spera, presto avrà le capacità di produzione di pezzi di ricambio per tenere il passo e servire meglio la sua attività di spedizione quotidiana.

Kenneth Lim, CTO dell’Autorità marittima e portuale di Singapore , conclude: “In quanto hub di trasbordo più attivo al mondo, Singapore continua a fornire un ambiente favorevole alle aziende per lo sviluppo di tecnologie innovative come la produzione additiva, che migliorerà l’efficienza operativa e rafforzerà il nostro valore proposta come hub just-in-time per la fornitura di parti marine “.

Be the first to comment on "Ivaldi Group project manager in un programma JIP ( Joint Industry Programme ) di fase II per promuovere la stampa 3D di parti di ricambio per il settore marittimo a Singapore"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi