Le aziende biotecnologiche gallesi Jellagen e Copner Biotech hanno unito le forze in quella che le aziende affermano essere una partnership “prima mondiale” per combinare nuovi bioink derivati ​​dal collagene di medusa con software di precisione avanzato.

Avendo ottenuto un finanziamento di £ 123.724 dallo schema di investitori di ricerca e sviluppo aziendale del Galles, SMART Cymru , i partner stanno cercando di migliorare la compatibilità, la riproducibilità e la precisione della biostampa 3D utilizzando il bioink Collagen Type 0 proprietario di Jellagen e il software di algoritmo avanzato di Copner Biotech.

“Siamo assolutamente lieti di collaborare con Jordan Copner e il suo team di Copner Biotech”, ha affermato il professor Andrew Mearns Spragg, fondatore e direttore scientifico di Jellagen. “SMART Cymru ha consentito la creazione di un’entusiasmante collaborazione tra due aziende gallesi in forte crescita all’avanguardia nell’innovazione tecnologica nella capacità di progettazione di software 3D e nell’ingegneria dei tessuti medici”.

 

Jellagen è stata fondata nel 2015 con l’obiettivo di sviluppare e commercializzare collagene di origine marina per applicazioni di bioprinting 3D nei campi della ricerca medica e scientifica. L’azienda sta cercando di costruire fonti sostenibili per biomateriali critici che non nascondano i rischi ambientali e per la salute umana delle fonti tradizionali di collagene.

L’azienda ha lavorato allo sviluppo del suo bioink di collagene di tipo 0 di nuova generazione, derivato dal collagene di medusa, e sta cercando di stabilire partnership con istituzioni mediche per studiare l’uso del materiale come trattamento per le malattie della pelle e la ricostruzione dei tessuti.

Il collagene nel biomateriale di Jellagen viene estratto da Rhizostoma Pulmo, un’antica specie di grandi meduse comuni nel Mare d’Irlanda. Secondo l’azienda, il collagene di tipo 0 ha dimostrato di promuovere una risposta tissutale antinfiammatoria che produce meno effetti collaterali rispetto ai collageni tradizionali derivati ​​dai mammiferi e dimostra una buona compatibilità e riproducibilità per le applicazioni di bioprinting. 

Jellagen sta attualmente commercializzando una gamma di prodotti al collagene di tipo 0 per uso di ricerca e sta anche sviluppando formulazioni di grado clinico per applicazioni terapeutiche e dispositivi medici. Gli attuali prodotti dell’azienda includono gel a base di collagene, scaffold e piastre di coltura rivestite di collagene.

 

Secondo Jellagen e Copner Biotech, la loro nuova partnership ha “il potenziale per trasformare il mercato della bioprinting 3D”, che secondo il Global 3D Bioprinting Market Report di Verified Market Research varrà 1,4 miliardi di sterline entro il 2028. 

La partnership vedrà il bioink Collagen Type 0 di Jellagen combinato con il software di algoritmo avanzato di Copner Biotech per migliorare la precisione del processo di bioprinting 3D.

Copner Biotech è stata fondata lo scorso anno con l’obiettivo di creare nuove piattaforme software per la produzione di prodotti per applicazioni nel mercato delle colture cellulari 3D, come la ricerca sul cancro e l’ingegneria dei tessuti. Da allora l’azienda ha sviluppato una nuova piattaforma operativa software per la progettazione di impalcature per colture cellulari che facilitano i gradienti di ossigeno e nutrienti ed è stata premiata con un GHP International Life Sciences Award for Innovation all’inizio di quest’anno.

Il 1° ottobre, Copner Biotech ha presentato una domanda all’Ufficio della proprietà intellettuale del Regno Unito per brevettare il flusso di lavoro di progettazione e produzione per la produzione di ponteggi biologici 3D con la sua tecnologia di adesione cellulare allo scaffold. In futuro, e come parte della sua nuova partnership con Jellagen, Copner biotech cercherà di sviluppare e commercializzare ulteriormente il suo software attraverso la produzione di massa di scaffold di cellule polimeriche e altri prodotti di bioprinting. 

“Si tratta di una collaborazione scientifica estremamente entusiasmante tra Copner Biotech e Jellagen e un riflesso del crescente significato della biostampa 3D nel panorama della ricerca medica globale”, ha affermato Jordan Copner, fondatore e CEO di Copner Biotech. “La nostra partnership mira a spingere i confini per far progredire l’innovazione nell’ingegneria biomedica”.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi