Ci avviciniamo al Natale e i costi delle statuine e dei presepi sono fuori controllo Vediamo se riusciamo a cavarcela con la stampa 3d

PRESEPI STAMPATI IN 3D, REALTA’ O FANTASIA?

LA STARTUP NAPOLETANA JIRAMA CI E’ RIUSCITA

La società ha scelto la tecnologia Formlabs per creare un presepe interamente stampato in 3D che si inserisce nella secolare tradizione presepiale della città e sarà esposto al Museo Archeologico Nazionale di Napoli in occasione della mostra “Il presepe cortese. L’eredità di Carlo III”

Milano, 12 dicembre 2022 – Jirama è una giovane startup napoletana nata nel 2020 che idea e sviluppa servizi e prodotti innovativi. Il suo nome, tradotto dal malgascio (la lingua del Madagascar) come “essenza dello spirito”, evoca la sua missione di comprendere e capire le possibili applicazioni di diversi materiali e tecnologie. Il suo team di Ricerca e Sviluppo, in collaborazione con gli atenei della Regione Campania e in particolare con i dipartimenti di Ingegneria Meccanica e Gestionale, studia nuovi modelli di produzione per sviluppare processi di reingegnerizzazione e innovazione delle imprese, al fine di ottenere vantaggi in termini di riduzione dei materiali utilizzati, e quindi di costi, senza penalizzare la qualità.

 

In occasione della mostra presepiale “Il presepe cortese. L’eredità di Carlo III” in programma al Museo Archeologico Nazionale di Napoli (MANN) dal 1° dicembre al 31 gennaio, la startup ha realizzato un presepio interamente stampato in 3D grazie alla stampante a tecnologia SLA di Formlabs Form 3L, conosciuta grazie al supporto di Energy Group, partner Formlabs. Un progetto, racconta Valentina Popolo, Reaserch & Development of New Technologies Jirama s.r.l., “nato non per sostituirsi ai grandi classici del presepio napoletano dei secoli che ci hanno preceduto, ma per far conoscere una nuova era della produzione incentrata sulla stampa 3D”.

 

Per realizzare il presepio, che segue i canoni stilistici tardo rinascimentali, i modellisti di Jirama si sono avvalsi dell’aiuto di un presepista, andando poi a disegnare e scolpire digitalmente ogni elemento: dai pastori ai componenti dell’ambiente. La scena, strutturata su pianta circolare, ha un diametro di 80 cm ed è alta 60 cm. Grazie all’uso della prospettiva, lo sguardo dell’osservatore si focalizza sulla natività. “Nel presepe tradizionale ogni elemento ha un significato. Dal momento che il nostro era però un progetto innovativo, per evitare di scontrarci con la tradizione e per mostrare le diverse possibilità della stampa 3D, abbiamo deciso di inserire elementi diversi che difficilmente si trovano insieme, per cui, per esempio, la nostra parete ha una parte in tufo, una in mattoni romani e una stuccata”. Ha aggiunto Valentina Popolo.

 

Jirama utilizza al proprio interno diverse stampanti e tecnologie, per la realizzazione di questo progetto la scelta è ricaduta sulla stampante Formlabs Form 3L: una stampante a tecnologia SLA che unisce un ampio volume di stampa alla possibilità di avere un dettaglio di stampa molto elevato e, a differenza della tecnologia FDM, consente di avere una superficie liscia e di poter svuotare parzialmente i pezzi all’interno, risparmiando resina. La Grey Resin, materiale robusto che fornisce una finitura di superficie e un aspetto opaco e dettagli precisi, ha permesso di ottenere prodotti dettagliati con tempi di stampa ragionevoli.

 

Ogni singolo componente stampato è poi stato sottoposto ai classici processi di post-elaborazione e rimozione dei supporti, nonché cartavetrato manualmente per ottenere una superficie il più liscia possibile e omogenea. I pezzi finiti sono stati reimmersi all’interno della resina e dipinti manualmente con un pennello e sottoposti poi nuovamente a cottura. Questo tipo di processo ha permesso alla startup di ottenere sopra l’elemento una superficie completamente liscia e lucida, senza andare ad aggiungere altri tipi di prodotto come spray o pitture.

 

I tre elementi della natività anziché essere riemersi nella resina sono stati invece dipinti a mano da un artista e collaboratore esterno, con un risultato visivamente molto affine ai presepi tradizionali.

 

“Le stampanti Formlabs sono nate con l’obiettivo di permettere a chiunque di stampare qualunque cosa e oggi, dopo oltre 100 milioni di parti stampate con le nostre soluzioni, continuiamo a stupirci dei nuovi progetti che ingegneri, progettisti, designer riescono a realizzare in tutto il mondo”. Ha affermato Marco Zappia, Channel Sales Manager di Formlabs per l’Italia, che ha aggiunto: “Il presepio è un elemento antichissimo della tradizione napoletana e ogni epoca storica ne ha dato la propria interpretazione. Siamo molto felici di vedere che il team di Jirama ha scelto le stampanti Formlabs per dar vita a quest’opera innovativa”.

 

“I sistemi SLA sono una soluzione ideale per aziende, industrie e anche startup: le molteplici soluzioni offerte da una stampante 3D come Form 3L di Formlabs hanno dato vita a un’opera d’arte dei tempi moderni, come questo presepe”. Ha aggiunto Mirco Paltrinieri, Brand Manager Formlabs SolidManufacturing 3D.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi