I veterinari sono riusciti a salvare un gatto che ha perso entrambe le gambe in un incidente. Le protesi sono state realizzate utilizzando la stampa 3D e la tecnologia più avanzata. Secondo il team medico, è la prima operazione del genere in Austria.

In una trasmissione i medici curanti parlano del “1. Cybercat d’Austria”. Fino a poco tempo fa la ferita dell’animale sarebbe stata considerata una condanna a morte certa, ma la moderna tecnologia ha permesso di realizzare e impiantare due cosiddette endo-esoprotesi in due operazioni complesse.

 
“Un’operazione del genere non è mai stata eseguita in Austria prima ed è probabilmente considerata un lavoro pionieristico per il futuro”, affermano i veterinari Marlis Wiebogen-Wessely e Bettina Habenbacher della clinica per animali di St. Pölten e il chirurgo animale viennese Nikola Katic dell’Althangrund veterinari.

 
Nel giugno 2021, il gatto di nome “Pauli” ha perso entrambe le zampe posteriori e la coda, presumibilmente a causa della falciatrice di un trattore. Nella primavera del 2022 Pauli è stato operato, tra gli altri, da Katic, che ha reso possibile l’operazione grazie a contatti internazionali. Perché in Russia un collega aveva già sviluppato protesi per gatti. 

“Lì hanno il problema che molti gatti in Siberia sono fuori a meno 30, meno 40 gradi, le estremità si congelano e le gambe devono essere amputate”, riferisce Katic. Ispirati dalle protesi della medicina umana, i chirurghi animali russi iniziarono a produrre anche gambe artificiali per gatti.

I gatti non hanno inibizioni riguardo alle protesi
I gatti non hanno alcuna inibizione nell’uso delle protesi, spiega il chirurgo animale Katic: “I gatti non hanno questa componente psicologica. Pensano: ‘Fantastico, ora posso usare di nuovo le mie gambe.’ A loro non importa se le gambe sono in titanio o se ci sono altre strutture laggiù: l’importante è che possa muoversi”, dice Katic.

L’unico pericolo è che gli animali non saranno in grado di accettare le loro nuove zampe. “C’è un piccolo rischio che gli animali inizino a mordicchiarlo e rovinarlo”, dice Katic. Pauli ha subito accettato le sue nuove zampe posteriori, dice felicemente Katic.

 
Pauli, ora è in ottima salute e “si gode la sua vita da gatto su nuove gambe cibernetiche”, riferiscono i medici. Le protesi sono state finanziate con donazioni e fondi propri. Normalmente, un tale intervento, compreso il trattamento di follow-up appropriato, costerebbe circa 8.000 euro. Il veterinario Wiebogen-Wessely consiglia di stipulare un’assicurazione per animali in un caso del genere: “Questo solleva un po’ i proprietari di animali dai costi”.
 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi