La Deep Blue Aerospace cinese punta a grandi opportunità di lancio commerciale nazionale
  Un test di decollo verticale e atterraggio verticale a 100 metri di altitudine a Tongchuan, nella provincia dello Shaanxi, condotto da Deep Blue Aerospace, 13 ottobre 2021. Credit: Deep Blue Aerospace
 
HELSINKI — Le attività spaziali commerciali si sono sviluppate rapidamente in Cina negli ultimi anni, con importanti cambiamenti politici del governo che hanno consentito a una serie di startup di lancio di emergere e competere per nuove opportunità.

Deep Blue Aerospace, una della seconda ondata di società che ha seguito i primi partecipanti, sta ora spingendo per raggiungere l’orbita con il suo razzo Nebula-1 nel 2023, mentre atterra anche il primo stadio.

In ottobre, in una base di prova aerospaziale a Tongchuan, nella provincia dello Shaanxi, la sua fase di prova Nebula-M è salita a un’altezza di 103,2 metri sopra i suoi verdeggianti dintorni prima di iniziare a scendere, con il motore ancora acceso. Il motore Leiting-5 a cherosene-ossigeno liquido alimentato da una pompa elettrica a spinta variabile riportò lentamente il veicolo sulla Terra e, nonostante un rimbalzo e un’oscillazione, la Nebula-M rimase in piedi. 

È stato un piccolo salto per i nuovi standard stabiliti da SpaceX, pionieri dei veicoli di lancio orbitali riutilizzabili, ma anche un cenno alla direzione del futuro del settore dei lanci commerciali in Cina.

In un’intervista con SpaceNews , Huo Liang, CEO di Deep Blue Aerospace, afferma di essere sempre stato interessato all’aerospazio. Alle elementari costruiva modellini di aeroplani e guardava anche le stelle, chiedendosi cosa potesse esserci là fuori nel cosmo. Più tardi, Huo ha guardato la missione Shenzhou-5 del 2003 in TV quando Yang Liwei è diventato il primo cittadino cinese nello spazio. “Speravo che un giorno forse avrei potuto lavorare in quel settore e essere coinvolto nelle cose”.

Huo ha lavorato presso la China Aerospace Science and Industry Corporation (CASIC), un appaltatore della difesa impegnato in attività spaziali. Nel 2016 ha lasciato il CASIC per entrare nel settore spaziale commerciale, dopo che la Cina ha consentito al capitale privato di entrare in porzioni del settore spaziale nel 2014 e ha aggiornato la “fusione militare-civile” a una strategia nazionale, che aiuta a facilitare il trasferimento di tecnologie limitate.

È entrato a far parte di OneSpace, una società di lancio che mira a realizzare razzi solidi commerciali affidabili e a basso costo, ma poi ha cambiato direzione, fondando nel 2017 la Beijing Deep Blue Aerospace Technology Co., Ltd., con sede nella città di Nantong vicino alla foce del Fiume Yangtze.

Preparativi per un test di fuoco statico della fase di test Nebula-M nel luglio 2021. Credito: Deep Blue Aerospace
Deep Blue Aerospace non ha seguito la strada intrapresa da altre compagnie cinesi di sviluppare e lanciare un solido veicolo di lancio, come Landspace, iSpace e Galactic Energy. Il successo dello SpaceX Falcon 9 è stato fonte di ispirazione per la direzione presa da Deep Blue Aerospace. 

“Il nostro obiettivo è sviluppare nuovi tipi di veicoli di lancio per raggiungere lo spazio. Quindi, stiamo sviluppando razzi riutilizzabili e quindi questi devono essere razzi liquidi”, ha sottolineato Huo.

“I razzi liquidi riutilizzabili come quelli di SpaceX hanno già cambiato completamente il mercato dei lanci e hanno dimostrato che è possibile accedere allo spazio in modo molto più efficiente e molto più economico”, spiega Huo. “Pertanto, non pensiamo di dover usare tempo e denaro per aspetti come i razzi a propellente solido, non è il nostro obiettivo”.

Oltre a un primo stadio riutilizzabile, i DBA sono anche componenti del motore di stampa 3D per ridurre i costi. Le tecniche, le tecnologie e i processi per questi sono stati impegnativi, soprattutto sotto la pressione del tempo portata da un gruppo affollato di colleghi partecipanti al settore dei lanci commerciali in Cina.

Prove di lancio e atterraggio
L’azienda ha compiuto due piccoli passi verso il previsto razzo orbitale riutilizzabile Nebula-1 nella seconda metà del 2021, conducendo prima con successo un decollo verticale a 10 metri e poi a 100 metri di livello , test di atterraggio verticale con lo stadio di prova Nebula M1.

“Tecnicamente, non è un grande risultato rispetto al recupero orbitale. Questa è l’altezza sopra il recupero della linea Karman. Ma è davvero il primo passo per un’azienda cinese e per noi per raggiungere questo obiettivo. Da questi test, abbiamo verificato che la tecnologia che abbiamo scelto per ottenere il decollo verticale e l’atterraggio verticale”.

Da qui, il test successivo è un test a livello di chilometro, utilizzando il Nebula-M. Un articolo di prova Nebula-2M più grande che utilizzerà il motore kerolox Leiting-20, da 20 tonnellate di spinta della Nebula-1, verrebbe utilizzato per test a livello di 100 chilometri. “Il nostro piano è di produrre il lanciatore orbitale a razzo liquido Nebula-1 il prima possibile. E inizieremo il recupero orbitale contemporaneamente”.

Deep Blue Aerospace attualmente impiega quasi 100 persone, alcune provenienti da istituti e aziende tradizionali dell’industria spaziale cinese e alcune da aree come l’industria automobilistica e aeronautica. Circa il 70 percento del team sono ingegneri.

Le autorità cinesi hanno fornito una somma di denaro per aiutare le aziende ad andare avanti e Huo osserva che la “squadra nazionale” o i giocatori spaziali statali e le agenzie sono state aperte e inclusive nei confronti dei nuovi attori commerciali. Tuttavia, dice Huo, “operiamo separatamente, facciamo i nostri piani e implementiamo diversi tipi di misure e cose per fornire servizi diversi ai nostri clienti”.

Internet satellitare, stazione spaziale e opportunità commerciali
Il 18 gennaio la società si è assicurata quasi 31,5 milioni di dollari di finanziamenti con investitori tra cui Zhencheng Capital, DT Capital e Galaxy Capital. 

“Le principali opportunità per noi e per altri concorrenti in quest’area sono la rapida crescita del mercato del lancio di satelliti in Cina e il sostegno politico e finanziario da parte del governo e degli investimenti privati.

“Penso che se le società di razzi commerciali come noi possono dimostrare di essere in grado di fornire servizi di lancio affidabili ed economici, il progetto Internet satellitare nazionale e persino il programma della stazione spaziale saranno nostri clienti”.

Nel 2021 la Cina ha istituito una nuova società statale per supervisionare un progetto nazionale di Internet via satellite che, secondo i documenti depositati presso l’Unione internazionale delle telecomunicazioni (ITU) nel 2020, prevede di costruire costellazioni in orbita terrestre bassa per un totale di 12.992 satelliti. 

Nel gennaio 2021 l’agenzia cinese per il volo spaziale umano, CMSA, ha emesso un invito a presentare proposte , sollecitando soluzioni di trasporto merci a basso costo per la stazione spaziale cinese, segnalando apparentemente che gli attori commerciali possono essere coinvolti nel progetto in futuro, in modo simile a Il programma cargo commerciale della NASA. 

Regolamenti e quadri sono stati formulati per fornire una guida in aree che includono veicoli di lancio commerciali e piccoli satelliti .

La competizione
È chiaro che Deep Blue sta facendo progressi. L’azienda ha guadagnato supporto e le opportunità appaiono presenti. Eppure c’è concorrenza.

Altre startup cinesi stanno sviluppando razzi con primi stadi riutilizzabili . Un test del 2019 di Linkspace ha raggiunto un’altitudine di 300 metri con un piccolo razzo che utilizzava motori a propellente a etanolo e ossigeno liquido. Dopo una lunga apparente interruzione, l’azienda è di nuovo attiva e punta al proprio test di lancio e atterraggio a 100 chilometri di altitudine entro la fine dell’anno.

Space Pioneer e iSpace stanno preparando i propri test di luppolo utilizzando rispettivamente i veicoli di prova del primo stadio Tiansuo-1 e Hyperbola-2. Landspace sta nel frattempo pianificando di aggiornare il suo lanciatore orbitale Zhuque-2 methalox per il riutilizzo dopo il suo primo lancio, previsto per il primo trimestre del 2022. Un nuovo complesso di lancio per gestire veicoli commerciali di lancio di liquidi è stato costruito in occasione del lancio nazionale del satellite Jiuquan Centro.

Galactic Energy, che ha raggiunto l’orbita due volte con il suo razzo solido Ceres-1 , sta anche sviluppando un razzo liquido capace di VTVL, Pallas-1, destinato al lancio intorno all’inizio del 2023. Orienspace è emerso lo scorso anno e ha già raccolto circa 110 milioni di dollari.

Gli spin-off delle entità statali CASC , CASIC e dell’Accademia cinese delle scienze stanno sviluppando razzi a propellente solido e liquido per i mercati commerciali.

Verso la piena riutilizzabilità?
“Oggi ci sono diverse compagnie di missili in Cina e produciamo tutti diversi tipi di veicoli. In Deep Blue Aerospace, vogliamo sviluppare solo razzi e passare da veicoli parzialmente riutilizzabili ed estensibili a veicoli completamente riutilizzabili. E ci siamo lanciati per fare qualcosa di speciale e avere diversi tipi di misure operative e di cultura.

“Il secondo stadio potrebbe essere reso riutilizzabile, come una navetta spaziale. Ciò potrebbe ridurre drasticamente il costo del veicolo per entrare nello spazio e tornare sulla Terra. Che saremo il nostro sogno”, dice Huo.

Huo ritiene inoltre che la scelta del carburante RP-1 rispetto al metano porti vantaggi, come la facilità di gestione e l’economicità. Non è stato offerto un prezzo per chilogrammo in orbita, poiché questo diventerà evidente solo dopo lo sviluppo di Nebula-1. I prezzi di circa $ 5.000 al chilogrammo sono circolati nei resoconti della stampa cinese.

Le fabbriche di motori e razzi si trovano nel sud della Cina, nella provincia di Jiangsu, in un luogo chiamato Nantong city, molto vicino a Shanghai. L’area è accanto allo Yangtze e molto vicino alla costa. Quindi, dopo aver costruito i nostri razzi, possono essere trasportati sulla rampa di lancio dalle navi”.

Con alcune delle infrastrutture in atto e il lavoro su Nebula-1 in anticipo, stanno emergendo piani per il futuro. A novembre l’ azienda ha svelato un concetto per il  Nebula-1H , un razzo a tre core che apparentemente avrebbe adottato un approccio simile a SpaceX nello sviluppo del Falcon Heavy dal Falcon 9.

“Dopo che avremo la possibilità di lanciare satelliti, penseremo ad altre aree. Ciò significa non solo satelliti, ma altre missioni, come l’esplorazione e, in futuro, anche missioni di volo spaziale umano in futuro. Ma non ancora.”

L’ecosistema spaziale cinese è in qualche modo isolato dal resto del mondo, per ragioni interne ed esterne. Ma anche Deep Blue Aerospace e altre società in Cina cercheranno all’estero.

“Il settore commerciale privato cinese è ancora agli inizi, siamo molto lieti di collaborare con varie regioni, popoli e nazioni.

“Il mercato spaziale globale è in rapida crescita e pensiamo di poter essere uno dei fornitori di servizi di lancio sul mercato globale”, conclude Huo.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi