Aaron Johnson: Come Micro-AM sta trasformando l’ingegneria di precisione
 
Avendo lavorato in prima linea nello sviluppo del prodotto per la maggior parte della mia carriera professionale, mi sono abituato a sentire il clamore che circonda le tecnologie nuove ed emergenti, che hanno il potere di trasformare il modo in cui le cose vengono fatte Per cambiare in modo migliore e spesso radicale , modi e per assimilare una grande quantità di informazioni per apprendere gli elementi essenziali di come tali tecnologie rivoluzionarie possono essere utilizzate per migliorare i risultati di produzione.

Prendiamo come esempio il campo della produzione additiva. AM nelle sue molteplici manifestazioni ( prototipazione rapida , stampa 3D) è una tecnologia che ci accompagna da oltre tre decenni. Ed è giusto dire che sta trasformando il settore da più di tre decenni. Ma quanto può essere dirompente una tecnologia quando è ancora dirompente più di 30 anni dopo la sua prima introduzione? La pausa deve essere molto lenta e molto delicata!

Ebbene, AM è unico in quanto in questi 30 anni ha attraversato un ciclo di adozione ed è diventata una tecnologia matura e radicata nel campo della prototipazione industriale. Tuttavia, poiché si è evoluto per diventare più robusto, preciso e sofisticato, ora viene utilizzato come tecnologia di produzione in cui le richieste di ripetibilità delle tolleranze e della finitura superficiale stanno aumentando in modo esponenziale.

Si può infatti affermare che AM è ormai al suo terzo ciclo applicativo, in quanto la tecnologia è stata affinata negli ultimi anni al punto da poter ora produrre micro parti con caratteristiche e tolleranze nell’ordine del micron, penetrando così nella micro manifattura settore e il modo in cui le parti e i componenti miniaturizzati possono essere realizzati in prototipi e serie di produzione sta cambiando. In questo caso, si tratta di una tecnologia complementare alla nostra tecnologia di base dello stampaggio a microiniezione, quindi a 30 anni dalla sua comparsa sul mercato può essere giustamente considerata una tecnologia rivoluzionaria.

Una situazione in evoluzione

E questo ci porta al cuore di questo articolo. Le tecnologie innovative e dirompenti non si limitano ad apparire, interrompono, vengono adottate e diventano la norma. No, anche tali tecnologie si evolvono e, man mano che si evolvono, rimane la loro capacità di interrompere, soprattutto laddove le dinamiche di un settore richiedono costantemente qualcosa di meglio, o nel nostro caso, sempre più piccolo.

Quindi devi iniziare a guardare l’interruzione in un modo leggermente diverso.

Nuove tecnologie e soluzioni stanno emergendo per soddisfare un’esigenza. AM ha affrontato la necessità di ridurre il time-to-market riducendo il tempo dalla progettazione al prodotto commercializzabile. Il paradigma di produzione sta cambiando anche nella produzione, poiché le parti vengono fabbricate senza strumenti, viene incoraggiata la libertà di progettazione ed è più facile realizzare prodotti con una complessità geometrica che prima era impossibile. I requisiti sottostanti – parti innovative che arrivano sul mercato sempre più velocemente – non cambieranno mai, e sono questi requisiti che sono dirompenti, con tecnologie come AM che forniscono una soluzione iniziale che deve evolversi,

E nelle parti in plastica di precisione e nello spazio di produzione dei componenti che Accumold influenza, la forza dirompente che ha portato a una serie di tecnologie dirompenti è la miniaturizzazione, la necessità di parti e componenti sempre più piccoli per aumentare l’impronta del prodotto diminuire, ridurre il peso e promuovere procedure minimamente invasive, ecc.

In parole povere, se l’industria non avesse bisogno di parti più piccole, non ci sarebbe richiesta per lo sviluppo di macchine per microfusione o tecnologie micro-AM. Ancora una volta, le tendenze e le richieste dirompenti portano allo sviluppo di tecnologie in grado di soddisfare le esigenze del settore e l’industria non smette di chiedere sempre di più. Quindi, dopo la pausa iniziale, la pausa continua. L’interruzione non è un evento unico, ma un processo continuo.

Ci sarà mai un momento in cui i produttori industriali diranno: “Sai, a partire da oggi, non voglio ridurre i tempi di sviluppo del mio prodotto, non voglio grandi innovazioni nelle forme e nelle geometrie dei prodotti e non voglio più piccoli parti e componenti”? La risposta è chiaramente no”. Il genio è fuori dalla bottiglia e i produttori cercheranno sempre di spingere la busta.

Precisione per me, precisione per te

Se si osserva la tendenza dirompente della miniaturizzazione, l’industria e i fornitori come Accumold sono sulla strada dell’interruzione da decenni. Lavoriamo in un settore del settore dove le definizioni sono un po’ vaghe. Produciamo parti e componenti in plastica di precisione. Ma ciò che è preciso per un’azienda non lo è per un’altra, ed è sicuramente cambiato nel corso dei decenni.

Le parti che produciamo oggi sarebbero state impossibili quando abbiamo iniziato oltre 30 anni fa. Sarebbero stati considerati ridicolmente precisi, la materia di cui è fatta la fantascienza. Piuttosto, l’interruzione è un processo relativamente lento di graduale avanzamento tecnologico e l’accumulo di know-how e conoscenza che guida l’innovazione.

Ma chi è venuto prima, la gallina o l’uovo? È stata la domanda del mercato che ha portato all’innovazione o l’innovazione che ha portato alla domanda del mercato?

A mio avviso, la risposta non è né l’una né l’altra, o più precisamente entrambe. Sicuramente lo slancio viene dal mercato. Vari settori, ad es. Le industrie elettroniche e mediche, ad esempio, hanno aumentato la domanda di parti e componenti più piccoli per migliorare i dispositivi microelettronici o il trattamento minimamente invasivo o gli strumenti diagnostici. Fornitori come Accumold hanno affilato le matite e si sono messi al lavoro, utilizzando la nostra esperienza per perfezionare la tecnologia e i processi per soddisfare la domanda. Nel tempo e con la crescente esperienza, esperti come Accumold iniziano ad affinare le proprie competenze al punto da guidare i produttori nella produzione di parti e componenti,

Il microformato

Nel campo dello stampaggio a microiniezione, esperti come Accumold hanno affinato l’arte della creazione di parti in plastica di precisione al punto da rimodellare in modo incrementale ogni giorno lo stampaggio a iniezione di precisione. Non ci sono grandi momenti eureka ogni settimana, invece l’azienda ha – per decenni – padroneggiato la produzione di minuscole parti in plastica in grandi quantità così bene da spingersi costantemente oltre i limiti, le tolleranze si riducono e le geometrie e le funzioni innovative sono costantemente in evoluzione sviluppato essere migliorato.

Ciò non è dovuto a una cosa. Non è lo sviluppo di un singolo miglioramento tecnologico che rende improvvisamente obsoleti tutti i precedenti progressi. È il raggruppamento di competenze in progettazione e materiali, micro-tolling, micro-moulding, validazione e assemblaggio automatizzato sotto lo stesso tetto. Proviene da team dedicati che hanno lavorato insieme per anni per ottimizzare i processi e perfezionare e reperire le migliori tecnologie.

Il campo del micro stampaggio ad iniezione è molto dinamico. La tendenza verso parti miniaturizzate o parti più grandi con caratteristiche nell’intervallo dei micron è in aumento in tutto il settore e le sfide legate alle applicazioni esigenti sono all’ordine del giorno. Poiché la tecnologia continua ad evolversi per affrontare queste sfide, Accumold ritiene che il vero valore per i clienti che lavorano con noi risieda nella scala, nei valori, nella passione e nell’esperienza del team di Micro Moulding. Dopotutto, è la squadra che è in grado di sfruttare al meglio le tecnologie che sono sul tavolo.

Il viaggio continua

Infine, rivisitiamo il nostro vecchio amico micro-AM che solo di recente è entrato nel settore della produzione di parti in plastica di precisione. Ora indossiamo tutti i nostri elmetti e aspettiamo che quella che sembra essere la più dirompente delle tecnologie dirompenti per capovolgere tutto. Tra un anno, torneremo nei nostri uffici e vedremo le nostre centinaia di macchine per lo stampaggio a microiniezione essere trasportate in discarica?

No, non lo faremo. Abbiamo investito in micro-AM, in particolare in Fabrica 2.0 di Nano Dimension. Ma per noi questa non è una tecnologia sostitutiva, ma un’aggiunta al nostro portafoglio tecnologico esistente. Renderà la fase del prototipo del processo di sviluppo del prodotto più flessibile e veloce per i nostri clienti. Si sposterà verso produzioni di piccole e medie dimensioni, promuovendo nel tempo la complessità geometrica creativa e la personalizzazione di massa.

In altre parole, è un altro passo nel nostro viaggio dirompente. Un viaggio che abbiamo intrapreso per decenni e che continueremo nei decenni a venire mentre guidiamo la ricerca delle caratteristiche più piccole per i prodotti più innovativi.

Questo articolo è una riflessione sull’evoluzione della produzione micro-additiva dal punto di vista di Aaron Johnson, vicepresidente di Accumold per il marketing e la strategia dei clienti.

A proposito di Accumold

Aaron Johnson è il vicepresidente del marketing e della strategia per i clienti di Accumold. L’azienda è cresciuta fino a diventare una struttura fortificata di 130.000 piedi quadrati progettata per la sicurezza dell’approvvigionamento, impiega oltre 350 persone ed è un esportatore netto, operando ogni giorno dalla sua struttura ad Ankeny, IA, USA, 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana il la settimana è in corso, consegna in tutto il mondo.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi