La polizia spagnola scopre a Santa Cruz de Tenerife un laboratorio illegale di armi stampate in 3D

La polizia rivela i dettagli del raid in un laboratorio illegale di armi stampate in 3D

La polizia spagnola ha scoperto e dissotterrato un’officina illegale di armi con numerose armi, in parte di grosso calibro, prodotte da stampanti 3D a Santa Cruz de Tenerife. Il raid è avvenuto nel settembre 2020 sull’isola spagnola di Tenerife, ma i dettagli sono stati pubblicati solo ora dalle autorità spagnole. Il proprietario delle armi è uno spagnolo di 55 anni. Rischia una lunga pena detentiva.

Lo scorso autunno la polizia spagnola ha scoperto un’officina illegale che produce armi da fuoco stampate in 3D. Lo ha annunciato le forze dell’ordine spagnole, come “Euronews” ha mostrato due giorni fa in un video condiviso . Le autorità spagnole hanno rilasciato solo ora ulteriori dettagli sul raid avvenuto a Santa Cruz de Tenerife nel settembre 2020.
.
La polizia ha detto che una persona potrebbe essere arrestata. Nell’ambito del raid, sono state sequestrate due stampanti 3D , 11 bobine di filamenti, alcuni manuali, varie apparecchiature informatiche e 19 telai di pistole stampati in 3D. Poi c’erano un machete, una katana, un taser e oggetti con simboli razzisti o nazionalsocialisti. Sono stati sequestrati anche agenti chimici con i quali gli autori avrebbero potuto fabbricare esplosivi.
Il laboratorio è stato scoperto dopo che le autorità investigative sono venute a conoscenza di una persona. Hanno venduto singole parti di armi da fuoco e sostanze esplosive su Internet.

Quattro ricerche il 14 settembre hanno rivelato, tra le altre cose, la stampante 3D che era impegnata a stampare in 3D un telaio di un’arma da fuoco. I manuali includevano istruzioni sulla guerriglia nelle città, “manuali terroristici” e libri sull’uso di armi da fuoco e armi stampate in 3D. Il titolare dell’officina ha 55 anni ed è il gestore di una casa di cura. La vendita di armi stampate in 3D non gli è stata ancora dimostrata.

Le armi da fuoco della stampante 3D sono state a lungo un problema che è stato un mal di testa per le forze dell’ordine. L’americano Cody Wilson è diventato famoso per aver messo online il primo file per un’arma stampata in 3D con il suo “Liberator”. Questo può essere realizzato quasi interamente in plastica. Ed è proprio questo il problema, dal momento che non viene rilevato dai metal detector in questo modo. Cody Wilson ha combattuto per anni contenziosi negli Stati Uniti per rendere popolari le sue pistole stampate in 3D. Nel gennaio 2020, è stato annunciato che la prima persona è stata uccisa con una pistola della stampante 3D

Be the first to comment on "La polizia spagnola scopre a Santa Cruz de Tenerife un laboratorio illegale di armi stampate in 3D"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi