3D Hubs il rapporto 2021 sulle tendenze della stampa 3D

Il mercato globale della stampa 3D è cresciuto del 21% nel 2020 rispetto al 2019 a un valore stimato di $ 12,6 miliardi nonostante gli effetti della pandemia Covid-19, secondo il rapporto 2021 sulle tendenze di stampa 3D della piattaforma di produzione on-demand 3D Hubs .

Il rapporto annuale suggerisce che l’accesso limitato alle tecnologie di produzione tradizionali a seguito di Covid-19 ha contribuito ad accelerare l’adozione della produzione additiva durante lo scorso anno, con il 65% delle aziende di ingegneria che ha aumentato il proprio utilizzo della stampa 3D rispetto al 2019.

In prospettiva, il rapporto prevede che il mercato della stampa 3D raddoppierà di dimensioni nei prossimi cinque anni, raggiungendo un valore stimato di 37,2 miliardi di dollari nel 2026.

L’ultima edizione del 3D Printing Trends Report di 3D Hubs cerca di esaminare la crescita complessiva del mercato della produzione additiva, compreso l’impatto di Covid-19, oltre a rivelare dove la domanda è più alta per la tecnologia e le barriere all’adozione che deve ancora affrontare.

Il rapporto è composto da dati provenienti da tre fonti principali, incluso un sondaggio condotto da 3D Hubs con 1.504 aziende di ingegneria. La relazione ha inoltre raccolto dati attraverso una revisione sistematica di notizie riportate dai media, e ha identificato le tendenze del mercato attraverso il confronto vari analista di mercato segnala come Wohlers Associates ‘recentemente rilasciato 2021 Stato del rapporto di stampa 3D .

Il rapporto sulle tendenze della stampa 3D dello scorso anno prevedeva anche una crescita a lungo termine per il settore della produzione additiva, sostenuta in parte dall’aumento di oltre $ 1,1 miliardi da parte delle startup di stampa 3D nel 2019.

All’inizio dello scorso anno, la produzione si è quasi arrestata mentre il coronavirus si è diffuso in tutti i continenti, chiudendo le fabbriche e interrompendo la produzione in molti settori. Di conseguenza, hanno iniziato ad aprirsi dei divari nelle catene di approvvigionamento in cui la domanda ha superato l’offerta.

Secondo il rapporto di 3D Hubs, la stampa 3D ha acquisito “visibilità mainstream” per il suo ruolo nella produzione rapida di dispositivi di protezione individuale (DPI) e componenti per dispositivi medici come i ventilatori . Con l’interruzione della catena di fornitura globale che rende più difficile per le aziende procurarsi parti dall’estero, sono state utilizzate configurazioni di produzione più locali e distribuite come la stampa 3D sia per la prototipazione che per le parti per l’uso finale.

Sebbene il settore della stampa 3D non sia stato completamente resiliente alle sfide dello scorso anno, il rapporto afferma che la tecnologia “è comunque destinata a continuare a crescere del 17% anno su anno nei prossimi tre anni”.

Il sondaggio condotto da 3D Hubs rivela che, a seguito della pandemia, il 33% delle aziende di ingegneria ha aumentato il proprio utilizzo della stampa 3D, mentre la metà dei 1.504 intervistati ha mantenuto il proprio utilizzo. L’azienda attribuisce questo risultato alle società di ingegneria che hanno più tempi di inattività del solito, dando ai loro team la possibilità di concentrarsi più tempo su ricerca e sviluppo, test e prototipazione.

Il rapporto suggerisce che le aziende hanno anche realizzato i vantaggi in termini di lead time della stampa 3D rispetto a parti lavorate e stampate a iniezione per alcune applicazioni.

Sebbene la stampa 3D sia attualmente utilizzata principalmente per la prototipazione, il rapporto afferma che le società di ingegneria stanno vedendo i vantaggi della tecnologia “sempre più per le parti di uso finale”. Secondo il sondaggio di 3D Hubs, il 47% delle aziende di ingegneria utilizza la stampa 3D per la prototipazione, mentre il 29% utilizza la tecnologia per parti estetiche o funzionali per l’uso finale.

In effetti, più della metà delle aziende di ingegneria ha rivelato di aver aumentato l’uso della stampa 3D per produrre parti funzionali per uso finale durante il 2020, mentre il 30% ha riferito che il loro uso della stampa 3D per parti per uso finale è rimasto lo stesso nel 2020 rispetto al 2019. .

Secondo il rapporto, le industrie che hanno segnalato il maggiore aumento nel loro utilizzo della tecnologia per le parti di uso finale includevano la biotecnologia, i trasporti e l’automotive. Come sottolinea il rapporto, “la biotecnologia e l’automotive sono settori che traggono vantaggio soprattutto dalla complessità della progettazione offerta dalla stampa 3D “, mentre il settore dei trasporti tende a implementare la tecnologia per produrre parti personalizzate di ricambio che altrimenti sarebbero difficili o costose da reperire.

Il rapporto prevede che la stampa 3D “continuerà sul suo percorso di crescita” nel 2021, con il 73% delle aziende di ingegneria che stima che quest’anno produrrà o fornirà più parti stampate in 3D rispetto al 2020.

Tuttavia, secondo gli intervistati del sondaggio di 3D Hubs, costi, qualità delle parti, esperienza limitata e limitazioni nella scelta dei materiali sono tutti fattori che frenano l’adozione della produzione additiva. Il rapporto indica il prezzo più elevato per parte per volumi elevati di stampa 3D rispetto ad altre tecnologie di produzione, nonché il costo più elevato delle tecnologie di stampa 3D in metallo come la fusione laser selettiva (SLM) e la sinterizzazione laser diretta del metallo (DMLS).

Contrastare queste barriere percepite, secondo il rapporto, è la maggiore flessibilità di progettazione offerta dalla stampa 3D che può portare a migliori rapporti forza-peso e parti più efficienti. Inoltre, il rapporto vede lo sviluppo di nuovi materiali e tecniche nell’ambito della stampa 3D in metallo come mezzo per ridurre il costo della tecnologia.

A completamento del rapporto, 3D Hubs ha chiesto a più di 1.500 utenti di stampa 3D nella sua comunità di prevedere come prevedono che il settore si evolverà nel 2021. Il consenso generale tra gli intervistati è che ci sarà un continuo spostamento verso più parti per uso finale e il costo della tecnologia diventerà gradualmente più economica per aprire la tecnologia a più applicazioni.

Si prevede che anche la produzione ibrida “farà passi da gigante” quest’anno, così come il miglioramento della “libertà dei materiali”, del software per il flusso di lavoro e delle finiture superficiali e delle leghe nella stampa 3D.

Il rapporto completo sulle tendenze della produzione additiva 2021 di 3D Hubs può essere letto per intero qui. https://www.3dhubs.com/get/trends/

Be the first to comment on "3D Hubs il rapporto 2021 sulle tendenze della stampa 3D"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi