La resina Daylight di Photocentric è una delle migliori ?

C’è un motivo per passare alla resina Daylight?
 
La resina Daylight è uno spettacolo raro nel mondo della stampa 3D di oggi, ma potrebbe diventare più popolare?

Le resine fotopolimeriche esistono da molto tempo e praticamente tutte utilizzano la luce UV. In particolare sono sintonizzati per rispondere (polimerizzare) quando esposti a una gamma molto specifica di frequenze luminose.

La frequenza più tipica vista è 405 nm, ma ce ne sono alcune in più. A causa di questa resina, gli operatori di stampanti 3D devono assicurarsi che la resina che acquistano corrisponda ai requisiti di frequenza della loro stampante 3D. In caso contrario, le stampe rimarranno bagnate e prive di struttura. Beh, non avranno alcuna struttura.

Alcuni anni fa mi sono imbattuto in Photocentric, un’azienda che è una delle poche al mondo che produce direttamente resina fotopolimerica. All’epoca stavano lanciando il proprio marchio di stampanti 3D in resina , ma avevano una caratteristica insolita.

Hanno usato qualcosa chiamata resina “Daylight”. Come suggerisce il nome, questo tipo di resina risponde alle tipiche frequenze della luce diurna piuttosto che a specifiche lunghezze d’onda UV.



Perché usare le frequenze diurne? Anni fa ho ottenuto una risposta da Photocentric:

“Photocentric ha spiegato che l’energia molto bassa del loro sistema è molto diversa da quella di altri che usano ‘troppa energia’ quando sparano raggi UV sulla resina. Per loro, questo è ciò che fonde la resina solidificata nel serbatoio. Nell’approccio di Photocentric, usano pochissima energia in modo che la resina si solidifichi senza fondersi con il serbatoio PFA. Pertanto, queste economiche stampanti 3D in resina dovrebbero funzionare molto velocemente, in modo simile al metodo Carbon3D. Chiamano il metodo ‘Daylight Polymer Printing’ o ‘DPP’.”
Non sono un chimico, ma sospetto che la resina diurna risponda a una gamma di frequenze più ampia rispetto alla tipica resina fotopolimerica.

Qual è il vantaggio qui, oltre all’adesione del serbatoio? Si scopre che ce ne sono diversi. Innanzitutto, il motore di luce per la solidificazione della resina diurna non deve specializzarsi in frequenze UV ​​insolite. Invece è possibile riutilizzare tutti i tipi di apparecchiature luminose convenzionali per svolgere il lavoro perché sono già progettate per emettere frequenze diurne. Ciò significa che sarebbe possibile sviluppare stampanti 3D in resina con motori leggeri molto meno costosi, riducendo potenzialmente il prezzo delle apparecchiature o realizzando dispositivi molto più grandi.

Un altro vantaggio è che le frequenze diurne sono completamente sicure: viviamo con loro ogni giorno. D’altra parte, i laser che emettono frequenze UV ​​specifiche possono essere pericolosi in determinate situazioni. In altre parole, una stampante 3D in resina diurna dovrebbe essere intrinsecamente più sicura di una stampante 3D in resina UV.

Pensando a questo oggi mi ha fatto porre la domanda: “perché usiamo le frequenze UV?”

C’è qualche vantaggio specifico per queste frequenze specifiche? Tutte le frequenze luminose sono sufficientemente piccole per ottenere stampe 3D ad alta risoluzione.

Ricordo come le prime stampanti 3D desktop utilizzavano il filamento ABS, che ora ci rendiamo conto che è un materiale terribile per la stampa a meno che la macchina non includa una soluzione termica completa, cosa che le macchine dell’epoca non avevano.

Perché allora è stato scelto l’ABS? Perché era disponibile: appariva in ogni ferramenta come “filo per saldatura ABS”. Quella scelta divenne subito una fonte diffusa di materiale per le nuove macchine.



Ma nel tempo tutti si sono resi conto che in molti casi l’ABS era troppo difficile da stampare e si è verificato il passaggio al PLA e successivamente una serie di altri materiali insoliti. L’ABS è ancora lì, ma non è più l’impostazione predefinita.

Ora mi chiedo se le resine UV sono state scelte molto tempo fa semplicemente perché erano disponibili? Le resine fotopolimeriche sono utilizzate da tempo in altri settori: il tuo dentista le utilizzerà per solidificare le otturazioni con luce UV, ad esempio.

La scelta delle resine UV è stata fatta in base alla disponibilità del mercato?

Siamo ora al “momento PLA” della stampa 3D in resina, dove i produttori di apparecchiature e materiali iniziano a prendere in considerazione altre opzioni di materiali?

Non credo, ma nei prossimi anni un tale cambiamento potrebbe verificarsi quando i produttori di apparecchiature realizzeranno i vantaggi della resina per luce diurna.

Be the first to comment on "La resina Daylight di Photocentric è una delle migliori ?"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi