Esistono già numerosi esempi in cui le stazioni navali in mare hanno integrato la produzione additiva . La Marina degli Stati Uniti , ad esempio, sta utilizzando la tecnologia di stampa 3D del produttore ICON per poter reagire rapidamente in caso di crisi in mare. Questa volta, diamo un’occhiata a un paese in Europa, più specificamente nei Paesi Bassi. La Marina olandese, altrimenti nota come Royal Dutch Navy, ha recentemente concluso una partnership con la società di produzione additiva Nanoe . Insieme, vogliono concentrarsi sulla produzione di parti per le navi LPD – o “Landing Platform Dock” che sono generalmente utilizzate in tempo di guerra e integrano una stazione di atterraggio. Le parti dovrebbero essere prodotte utilizzando i filamenti Zetamix di Nanoe.

Con sede a Ballainvilliers, in Francia, Nanoe si è concentrata, tra l’altro, sulla produzione di materiali nel settore ceramico sin dalla sua fondazione nel 2008. Appena dieci anni dopo, nel 2018, ha introdotto la sua soluzione Zetamix, che consiste in filamenti di ceramica e metallo per la produzione additiva. Viene anche commercializzato come il primo filamento di ceramica e metallo disponibile nel settore.

Oscar Koenig, ingegnere di stampa 3D e Max Nijpels, specialista in produzione additiva presso la Marina olandese (foto: Nanoe)
La collaborazione tra Nanoe e la Marina olandese
La Marina olandese ha acquisito un sistema Zetamix, che deve essere utilizzato per la valutazione e il test. In particolare, ha lo scopo di determinare proprietà importanti delle parti stampate in 3D come qualità, precisione e resistenza. Questo è un processo estremamente importante perché le parti devono essere in grado di ricevere la certificazione necessaria. Uno dei motivi principali per cui la Royal Dutch Navy potrebbe aver scelto le soluzioni di Nanoe è il fatto che i filamenti Zetamix sono tutti compatibili con le stampanti 3D FFF, il che non solo riduce i costi di produzione di parti in ceramica e metallo, ma riduce anche efficacemente i tempi di produzione.

 
Inoltre, la Marina olandese spera di dotare le sue navi direttamente di queste tecnologie 3D, che le consentiranno di beneficiare di una maggiore flessibilità e autonomia. Max Nijpels, specialista della produzione additiva presso la Royal Netherlands Navy, è convinto dei vantaggi della produzione additiva a bordo e afferma: “La stampa di parti metalliche direttamente a bordo sarebbe un progresso significativo in quanto aiuterebbe la Marina ad aumentare la prontezza al combattimento e a ridurre l’impronta logistica.“

 

da 3dnatives.com

 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi