L’evoluzione di MakerOS

IN CHE MODO LA PIATTAFORMA MAKEROS AIUTA LE AZIENDE DI STAMPA 3D A COLLABORARE E GESTIRE I FLUSSI DI LAVORO

MakerOS è una piattaforma di collaborazione basata sul Web progettata per le aziende di produzione digitale e stampa 3D e i loro clienti. La società fornisce una piattaforma software completamente integrata che consolida gli strumenti necessari alle aziende di stampa 3D per gestire le loro operazioni quotidiane. I clienti, d’altra parte, utilizzano il software MakerOS come hub online per comunicare con la società di stampa 3D in questione; in questo senso il software facilita la collaborazione.

Fondata nel 2015, da allora diverse aziende hanno beneficiato dell’utilizzo del software Web MakerOS per migliorare i flussi di lavoro dei clienti e aumentare i profitti. I clienti dell’azienda hanno spaziato da imprenditori solisti all’inizio del settore della stampa 3D, a PMI con una manciata di macchine, e infine a grandi laboratori di innovazione e spazi di produzione.

Esempi di questi clienti includono artisti del calibro di Roboto.NYC, con sede a Brooklyn; mHUB, con sede a Chicago; e Vision Miner, una società con sede a Irvine, in California, che fornisce servizi di stampa 3D industriale. Ognuna di queste aziende ha sfruttato la piattaforma software MakerOS per migliorare i flussi di lavoro dei clienti, gestire gli ordini e aumentare le entrate nel processo. Rob Lent, vicepresidente e co-fondatore di Vision Miner afferma che “In Vision Miner riceviamo molte richieste di lavoro – MakerOS ci ha aiutato a organizzare tutto, rimanere al passo con le comunicazioni dei clienti e vedere le statistiche del nostro servizio nel tempo. ”

“HA ANCHE AUMENTATO LA QUALITÀ DEL MODO IN CUI ELABORIAMO GLI ORDINI, CHE SI È TRADOTTO DIRETTAMENTE IN PIÙ ORDINI IN FASE DI ELABORAZIONE.”

Il software MakerOS offre una serie di strumenti che le aziende di stampa 3D possono sfruttare per gestire le loro operazioni quotidiane e completare i progetti in modo più efficiente. Ciò include uno strumento di Autoquoter pubblico (PAQ), un visualizzatore 3D online, un portale di condivisione e messaggistica di file, un gestore di inventario e un portale di pagamento. Complessivamente crea una suite di strumenti integrati progettati per ottimizzare i flussi di lavoro del progetto.

La società è nata inizialmente quando il suo fondatore e attuale CEO, Mike Moceri, si sentì frustrato nel trattare con i clienti e gestire il flusso di lavoro dei progetti mentre gestiva un ufficio di servizi di stampa 3D a Chicago nel 2013. Questi problemi sono stati esacerbati, spiega, quando il la società ha ricevuto un ordine per stampare circa 15.000 parti singoleper una linea di giocattoli. Moceri e il suo team hanno addebitato meno di $ 1 per centimetro cubo in PLA e Nylon PA12 per il lavoro in quel momento. Tuttavia, anni dopo Moceri si rese conto che erano ampiamente sottopagati per il lavoro svolto dalla sua azienda: “Il progetto si è rivelato molto impegnativo e dopo un po ‘di esperienza acquisita negli anni, mi sono reso conto che, considerando quanto immensamente grande il il lavoro era che avremmo dovuto avere un prezzo di circa il 70% in più rispetto a quanto originariamente indicato. “

Come tale, Moceri ha poi lanciato MakerOS nel 2015, con l’obiettivo di aiutare le aziende di stampa e fabbricazione 3D a gestire meglio i progetti, incluso come quotarli e valutarli per tecnologie e materiali diversi .

Durante la progettazione della piattaforma software, il team di MakerOS ha identificato che la maggior parte degli strumenti necessari alle società di stampa 3D per gestire e gestire i flussi di lavoro di progetti e client, inclusi sistemi di quotazione, visualizzatori 3D online, servizi di hosting di file online e altro, erano distribuiti in molti diversi , piattaforme costose. Tuttavia, ciascuno degli strumenti è necessario per facilitare la collaborazione e la comunicazione, portando a progetti di successo.

MakerOS ha quindi deciso di consolidare tali strumenti in un’unica piattaforma per far leva sulle società di produzione digitale e di stampa 3D. Il software, con cui gli utenti interagiscono attraverso una dashboard online, è white-label e quindi completamente personalizzabile, consentendo alle aziende di abbinarlo al proprio marchio. Inoltre, poiché la piattaforma è basata online, il software consente ai gestori di gestire in remoto clienti e team, da casa.

Le sue caratteristiche includono il PAQ, un sistema di quotazione automatizzato che può essere personalizzato in modo che i gestori possano stabilire regole per regolare quali progetti quotati possono essere pagati immediatamente e quali richiedono una revisione manuale. PAQ è inoltre integrato con gli altri strumenti sulla piattaforma MakerOS, che include il gestore dell’inventario, il visualizzatore 3D online e l’hub di comunicazione client. Ciò consente al preventivo del cliente di adattarsi facilmente al flusso di lavoro del progetto, facilitando quindi il processo di gestione del progetto.

Un esempio di azienda che ha beneficiato della gestione del progetto e del flusso di lavoro client offerto dalla piattaforma di collaborazione di MakerOS è Vision Miner. L’azienda riceve ordini regolari per PEEK stampati in 3D, PEKK, ULTEM e componenti compositi in fibra di carbonio per prototipazione rapida, produzione a basso volume e progetti di ricerca e sviluppo. Ha scelto di utilizzare MakerOS per organizzare i propri progetti e tenere il passo con la comunicazione con il cliente: “Negli ultimi 10 mesi abbiamo provato diversi altri sistemi, ma siamo tornati su MakerOS ogni volta a causa del modo in cui gestisce i lavori. L’interfaccia di MakerOS e la comunicazione del loro team hanno reso le cose facili da capire “, aggiunge Rob Lent.

Roboto.NYC, un negozio di progettazione e fabbricazione specializzato in stampa 3D, scansione 3D, incisione / taglio laser, CAD e creazione di modelli, ha anche sfruttato la piattaforma MakerOS. La società ha utilizzato il software per ridurre il proprio ciclo di sviluppo e allo stesso tempo aumentare le proprie entrate entro il primo anno di utilizzo del software: “In meno di un anno di implementazione di MakerOS, le nostre entrate sono cresciute di dieci volte e il nostro ciclo di sviluppo medio è passato da tre settimane a soli quattro giorni “, commenta Aljosa & Rob, co-fondatori di Roboto.NYC.

Infine, mHUB, un’incubatrice focalizzata sullo sviluppo fisico e sulla produzione dei prodotti, utilizza anche il software MakerOS per gestire le sue macchine e lavori di stampa 3D. Nella sua incubatrice, l’azienda ospita un laboratorio di stampa 3D dedicato con sistemi Polyjet, SLS, SLA, FDM e Metal che tutti i suoi membri possono utilizzare per lo sviluppo del prodotto. Attualmente conta 273 membri, con 937 prodotti lanciati. Tuttavia, la gestione di tutti quei progetti e la determinazione del membro che utilizza la macchina in una determinata data e ora, si sono rivelati difficili. L’utilizzo del software MakerOS ha consentito all’azienda di gestire meglio i propri lavori di stampa 3D attraverso la dashboard, consentendo a mHUB di rivedere, accettare ed elaborare le richieste di ciascuna società membro.

“Non avremmo mai capito come gestire gli ordini dei nostri membri. Ci sarebbe costato una fortuna farlo da soli ”, spiega John Welin, direttore del negozio di mHUB.

Se desideri un processo migliore per la quotazione e l’assunzione degli ordini, oltre a minori spese generali e maggiori entrate, richiedi una demo gratuita di MakerOS . Testa il software e usufruisci dei vantaggi gratuitamente: i primi 30 giorni con MakerOS sono gratuiti.

Be the first to comment on "L’evoluzione di MakerOS"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi