Gli scienziati dei materiali ricevono una sovvenzione per sviluppare batterie agli ioni di litio stampate in 3D
 
Gli scienziati dei materiali della UCLA Samueli School of Engineering, guidati da Bruce Dunn, che detiene la Nippon Sheet Glass Company Chair dell’UCLA, e Morris Wang, insieme ai colleghi del Lawrence Livermore National Laboratory, sono stati selezionati per ricevere una sovvenzione di $ 900.000 dal Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti per dimostrare un nuovo design e un processo di stampa 3D per la produzione di batterie agli ioni di litio. 

Dunn è un professore di scienze dei materiali e ingegneria e dal 1 agosto preside ad interim della scuola di ingegneria. Servirà come ricercatore principale del progetto, che fa parte di un programma da 57,9 milioni di dollari  per finanziare la ricerca sulle tecnologie per l’energia pulita. Wang, che è anche professore di scienza dei materiali e ingegneria, è l’investigatore co-principale.

L’obiettivo finale del team è migliorare le batterie agli ioni di litio aumentando la potenza disponibile, accelerando la ricarica e rendendole più economiche da produrre, sprecando meno materiale nel processo. La stampa 3D consente la creazione di una struttura interna della batteria più intricata in grado di immagazzinare più energia, uno sviluppo fondamentale per il nuovo processo di produzione.

Le batterie agli ioni di litio, con i loro eccellenti rapporti energia/peso, sono già onnipresenti in telefoni, laptop, veicoli elettrici e una gamma di altri prodotti di consumo. Tuttavia, ci sono dei limiti alla potenza che possono fornire e alla velocità con cui possono essere caricati.

UCLA Samueli

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi