Sembra che ultimamente si sia riaccesa la corsa allo spazio. Negli ultimi anni abbiamo assistito a importanti progetti lunari di aziende di tutto il mondo, come il lander lunare Griffin di Agile Space Industries, ICON , che è impostato per stampare in 3D edifici sulla Luna, e persino i piani della Cina per stampare in 3D una base sulla Luna . Di recente, anche il produttore australiano di stampanti 3D Luyten ha svelato i suoi piani per conquistare l’ultima frontiera. In collaborazione con l’Università del New South Wales, Sydney (UNSW), l’azienda vuole costruire strutture sulla luna, come parte di un progetto chiamato Meeka.

Per raggiungere le proprie ambizioni spaziali, l’azienda ha sviluppato una stampante 3D chiamata Platypus Galacticus. Progettato per creare parti dalla regolite , un materiale disponibile sulla Luna, l’Ornitorinco Galacticus offrirebbe molti vantaggi in questa impresa. Matthias Hank Haeusler, uno dei manager dei project manager di Meeka, ha spiegato: “ Queste informazioni possono diventare parte dello script di Computational Design e il design risponderà alle proprietà specifiche del materiale identificate in loco. La conoscenza che generiamo per costruire sulla luna può essere tradotta direttamente nella costruzione di alloggi per climi estremi come il caldo o per affrontare i problemi abitativi nelle comunità indigene remote – entrambi argomenti che indaghiamo in parallelo” .


Progettata con materiali compositi, Platypus Galacticus è una stampante 3D compatta e si basa su una tecnologia di estrusione proprietaria chiamata Luyten Turisops . Secondo la società, la macchina sarà in grado di stampare strutture lunghe fino a 12 metri e alte 9 metri (~ 39 piedi di lunghezza e 30 piedi di altezza). Al fine di identificare le aree edificabili e raccogliere materiali sulla Luna, Luyten progetta che i rover accompagnino il Platypus Galacticus. Alcuni mireranno quindi a penetrare nel terreno per valutare le aree mentre altri raccoglieranno la regolite.
Anche se forse la realizzazione di un progetto del genere sembra ancora lontana, una cosa certa è che le innovazioni si susseguono in questo settore e AM sta sicuramente iniziando a lasciare il segno. Ad esempio, per produrre propulsori, la NASA ha optato per la stampa 3D e si è rivolta ai servizi di Agile Space Industries, mostrando le capacità di AM nel settore all’inizio dell’anno. Da allora, sempre più aziende sono coinvolte nella stampa 3D nello spazio in una varietà di modi diversi, compresi i razzi di stampa 3D, testando le capacità della stampa 3D a gravità zeroe altro ancora. E oggi i progetti come Meeka stanno diventando più numerosi. In effetti, non sarebbe sorprendente vedere la produzione additiva svolgere un ruolo importante nell’esplorazione della Luna in futuro. Puoi saperne di più sul progetto Meek QUI .

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi