Mascherine per il viso stampate in 3D per proteggersi dal coronavirus

Protezioni per il viso stampate in 3D per proteggere il personale medico di Hong Kong dal coronavirus

Con l’aumentare del numero di casi di coronavirus segnalati in tutto il mondo, le regioni colpite dal virus stanno prendendo serie misure per contenere la sua diffusione. Secondo quanto riferito, alla Polytechnic University di Hong Kong, studenti e docenti del 3D Printing Lab stanno recitando la loro parte nella stampa 3D di protezioni per il viso progettate per proteggere il personale medico.

Gli scudi stampati in 3D vanno oltre le tradizionali maschere per il viso — che sono state carenti in tutto il mondo sin dalla notizia dell’epidemia di Coronavirus — e sono costituiti da una cornice stampata in 3D che tiene un foglio di plastica trasparente davanti all’intera faccia. Il telaio stampato in 3D, che si adatta alla fronte di chi lo indossa, può essere dotato di un nuovo foglio di plastica quando necessario ed è progettato per essere indossato sopra le maschere chirurgiche.

I rivestimenti in plastica stampati in 3D dovrebbero aiutare a proteggere gli operatori sanitari che sono maggiormente a rischio di essere esposti al virus durante il trattamento dei pazienti. Il coronavirus è contratto dallo scambio di fluidi corporei attraverso la tosse o lo starnuto, quindi avere uno schermo trasparente che blocca l’intero viso potrebbe eliminare un rischio significativo di prenderlo.

Il laboratorio di stampa 3D della Polytechnic University sta lavorando con varie società di produzione locali per consegnare oggi all’autorità ospedaliera circa 10.000 schermi facciali. Secondo il South China Morning Post , entro la fine di marzo è previsto un tasso di produzione fino a 30.000 unità al giorno.

Le protezioni trasparenti per il viso sono state sviluppate rapidamente e la stampa 3D ha svolto un ruolo fondamentale nei rapidi tempi di consegna dei prodotti. All’inizio di questo mese il Politecnico è stato contattato dall’autorità ospedaliera, il che significa che le maschere sono state progettate, testate e distribuite nel giro di poche settimane. Secondo quanto riferito, la fase di progettazione, test e approvazione del progetto è durata solo una settimana.

Dall’approvazione, i tecnici del laboratorio di stampa 3D dell’università hanno lavorato duramente, monitorando oltre 30 stampanti che stampano i telai e attaccano le copertine di plastica. Il laboratorio dell’Università ha stampato in 3D un primo lotto di 800 protezioni per il viso, ma la produzione aggiuntiva è stata esternalizzata alle aziende manifatturiere locali.

Le maschere stampate in 3D non sono l’unico modo in cui è stata impiegata la produzione additiva per aiutare a combattere e contenere il coronavirus. La scorsa settimana, la società cinese di stampa 3D per costruzioni WinSun ha annunciato la stampa 3D e l’implementazione di reparti di isolamento per il personale medico nella provincia di Hubei. In entrambi i casi, le tecnologie di stampa 3D hanno permesso alle persone di trovare soluzioni praticamente al volo per rispondere allo scoppio.

Be the first to comment on "Mascherine per il viso stampate in 3D per proteggersi dal coronavirus"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi