Matsuura Machinery USA collabora con la Purdue University per promuovere sviluppi di produzione convergenti 

 
Matsuura Machinery USA e la Purdue University hanno annunciato una collaborazione per promuovere un nuovo approccio alla produzione integrata sottrattiva e additiva per multimateriali, denominata “produzione convergente”.

“La nostra partnership fondamentale riconosce un’eccezionale opportunità di collaborazione per assistere i clienti nordamericani nella valutazione, indagine e analisi dei metalli AM, e in particolare della serie Matsuura LUMEX di macchine Avance-25”, ha affermato Tom Houle, Direttore, Matsuura LUMEX North America .

Houle ha aggiunto: “Attraverso l’esperienza combinata di Matsuura, l’esperto nordamericano nella stampa 3D dei metalli e nella fresatura ad alta velocità, e la Purdue University, un importante istituto di ricerca pubblico che sviluppa soluzioni pratiche per le sfide più difficili di oggi e si è classificato in ciascuno degli ultimi quattro anni come una delle 10 università più innovative degli Stati Uniti secondo US News e World Report, affronteremo le sfide di oggi e di domani”.

La Purdue University ha avuto un focus centrale sulla produzione sin dalla sua fondazione nel 1800, dalla produzione di motori a vapore fino agli sviluppi nella stampa 3D. La partnership vedrà la Purdue University ospitare due strumenti cluster di produzione additiva ibrida per materiali reattivi e non reattivi per industrie, laboratori nazionali e mondo accademico. 


“Purdue Engineering ha una lunga tradizione nel guidare la ricerca manifatturiera con una base profonda e ampia in talenti e capacità. La partnership tra il nostro Convergent-Manufacturing Research Institute (C-MRI) e Matsuura accelererà il ritmo dell’esplorazione sulla produzione convergente e il ritmo della traduzione tecnologica”, ha affermato il professor Wayne Chen, Associate Dean for Research and Innovation e Reilly Professor of Aeronautics and Ingegneria dei materiali.

I ricercatori della Purdue University vedono in partnership come questa la chiave per raggiungere gli obiettivi dell’istituto di risolvere i problemi e creare nuove opportunità. 

Un team della Purdue University ha recentemente  utilizzato i componenti dell’iniettore AM di Velo3D per creare condizioni Mach 6 per una struttura di test a terra.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi