MatterHackers consegnerà le stampanti 3D Ultimaker S5 alle forze armate statunitensi dopo l’assegnazione di un contratto da $ 5 milioni 

Il rivenditore di stampanti 3D MatterHackers si è aggiudicato un contratto IDIQ da 5 milioni di dollari per fornire sistemi di stampa 3D desktop alle forze armate statunitensi nei prossimi cinque anni.

Si ritiene che il contratto Tier 1 per i sistemi di produzione additiva (AMS) sia il più grande contratto militare mai assegnato per le stampanti 3D desktop e vedrà i sistemi Ultimaker S5, il filamento di livello industriale, l’IT, la strategia di manutenzione e il supporto sul campo forniti agli Stati Uniti Basi della Marina e della Marina negli Stati Uniti e all’estero. La consegna dei sistemi di stampa 3D inizierà entro la fine del 2021, con un massimo di 75 AMS Tier 1 che saranno schierati fino al 2025.

Il sistema di stampa 3D S5 di Ultimaker è identificato come la “stampante 3D ideale” per questo contratto a causa del suo “grande volume di costruzione, catalogo di materiali compatibili con chip NFC per facilità d’uso, opzioni di progettazione sicure e potente software Cura”. MatterHackers è un rivenditore Ultimaker dal 2015 e spedirà le macchine dai suoi magazzini a York, PA e Orange County, CA. La società si appoggerà inoltre a un altro partner di lunga data, Building Momentum, per fornire addestramento pratico per ogni base militare che riceve un AMS di livello 1, incluso il supporto continuo per tutto il periodo contrattuale di cinque anni.

“L’impegno di MatterHackers nei confronti di NAVAIR non è solo quello di fornire stampanti 3D sul campo e Warfighters, ma di fornire formazione continua e supporto personalizzato per garantire che i sistemi vengano utilizzati al massimo delle loro capacità per applicazioni critiche”, ha commentato Mara Hitner, Vice President di partnership strategiche per MatterHackers. “Soprattutto con la varietà di materiali robusti e di livello ingegneristico disponibili per Ultimaker S5, l’impatto che questi sistemi avranno sulle capacità dei nostri Warfighter di svolgere il loro lavoro in tutto il mondo sarà senza precedenti”.

“Siamo grati per l’opportunità di formare il team di NAVAIR su queste stampanti 3D, poiché abbiamo visto in prima persona l’enorme impatto che possono avere sull’influenzare il cambiamento reale all’interno delle forze armate e delle società”, ha aggiunto Thomas Sullivan, Chief Operating Funzionario presso Building Momentum. “Il nostro programma di formazione Innovation Bootcamp ha riscontrato un successo diffuso nel corso degli anni e la stampa 3D è una parte fondamentale del programma. Non vediamo l’ora di creare una relazione con NAVAIR e di continuare il nostro impegno nei confronti di MatterHackers a beneficio di tutte le parti”.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi