La McLaren 720S combina il corpo in fibra di carbonio con la stampa 3D in titanio

Lo specialista del tuning automobilistico 1016 Industries ha integrato parti di prestazioni stampate in 3D in un’edizione ultra leggera dell’auto sportiva McLaren 720S.

In quella che si ritiene essere la prima combinazione al mondo, la fibra di carbonio completamente esposta “000” dell’azienda presenta parti prodotte con additivi funzionali che riducono il peso, rendendola più leggera del 9% rispetto allo standard. 1016 Industries ha commissionato per la prima volta il proof-of-concept come “vetrina del futuro della produzione d’élite” per il suo CEO Peter Northrop, ma ora mira a iniziare la stampa 3D di componenti per altre auto esotiche entro la fine del 2021.

“Il nuovo prototipo 000 è il prodotto di anni di approfonditi test sul campo e convalida del progetto”, ha spiegato Northrop. “Non è un segreto che la stampa 3D rappresenti un caso dinamico per una produzione più agile, ma la tecnologia ha anche permesso ai nostri ingegneri di realizzare drastici miglioramenti alla qualità e alla precisione di ogni parte funzionale.”

Dopo anni di rielaborazione e rimodellamento di componenti stampati in 3D per il suo prototipo da $ 550.000, 1016 Industries ha finalmente identificato un design completamente operativo e scalabile. Oltre a ricostruire l’esterno del veicolo unico in modo che fosse composto interamente da fibra di carbonio a vista, l’azienda ha incorporato elementi di fabbricazione additiva nei suoi paraurti interni.

Quando si tratta di parti stampate in 3D critiche per le prestazioni di “000”, queste sono per lo più concentrate all’interno dell’ala posteriore, che include supporti funzionali in titanio oltre a vari collegamenti. Le modifiche combinate esterne e di assemblaggio di 1016 Industries forniscono al suo prototipo significativi vantaggi in termini di risparmio di peso, poiché la 720S personalizzata è ben 122 kg (268 libbre) più leggera del modello di fabbrica.

Dato che la supercar di serie pesa circa 1.419 chilogrammi (3.128 libbre), la società è riuscita efficacemente a utilizzare la stampa 3D e la lavorazione della fibra di carbonio per rendere la sua edizione speciale quasi il 9% più leggera. Secondo Northrop, il successo del progetto potrebbe servire da base per futuri progressi nel design automobilistico.

“Il nostro obiettivo principale con la 000 720S era esplorare come 1016 Industries potesse impiegare i più recenti processi di stampa 3D e fibra di carbonio nel design automobilistico”, ha spiegato Northrop. “La 000 custom rappresenta una novità assoluta nel settore e, sebbene siamo incredibilmente orgogliosi di ciò che abbiamo ottenuto qui, questo è solo l’inizio.”

In qualità di specialista nello sviluppo di auto esotiche, 1016 Industries ha adottato l’AM nell’ambito di precedenti progetti di rinnovamento delle auto, ma la 000 rappresenta il miglior caso di studio dell’azienda sulla tecnologia fino ad oggi. Durante la ricerca e sviluppo del veicolo, l’azienda è stata in grado di adattare completamente la stampa 3D a processi di produzione in scala e di produrre parti che supportano efficacemente il nuovo esterno in fibra di carbonio leggero del veicolo modificato.

La fluidodinamica computazionale (CFD) si è dimostrata fondamentale per ottimizzare il design della supercar unica e l’approccio analitico completo è stato utilizzato per sviluppare prototipi e parti finali. Considerando il successo della sua supercar in edizione speciale come una convalida di questi rigorosi criteri di progettazione, 1016 Industries prevede ora di fornire stampi per utensili stampati in 3D per la 720S, così come per altre auto esotiche in futuro.

“Incorporare la stampa 3D nei processi di produzione di 1016 Industries è stata una curva di apprendimento ripida perché non è qualcosa che può essere facilmente applicato allo spazio automobilistico”, ha concluso Northrop. “Il 1016 Industries 000 720S finito è il risultato di migliaia di ore di ingegneria e non potremmo essere più soddisfatti del risultato finale.”

Accanto ad aziende di tuning come 1016 Industries, i produttori automobilistici spesso utilizzano la stampa 3D per produrre bassi volumi di parti che producono significativi miglioramenti delle prestazioni. Il produttore di auto di lusso Bugatti, ad esempio, ha integrato componenti in titanio stampati in 3D aggiornati nel suo nuovo concetto di hypercar Bolide.

I componenti ispirati alle ossa di Bugatti sono caratterizzati da pareti ultrasottili, interni cavi e ramificazioni fini, che li rendono aggiornamenti leggeri ma durevoli. In una nota simile, la società di progettazione di prodotti CALLUM ha recentemente implementato una stampante 3D MakerBot per creare parti personalizzate per una supercar Aston Martin in edizione limitata. Il veicolo rinnovato è dotato di condotti dei freni prodotti con additivi e indicatori specializzati.

Altrove, il produttore tedesco di auto sportive Porsche, ha lavorato con TRUMPF e MAHLE per stampare in 3D pistoni migliorati per il motore della sua supercar 911 di punta. Integrando un condotto di raffreddamento nella “corona” del componente, Porsche è stata in grado di ridurre il suo peso del 10% e aggiungere 30 CV alla potenza del motore.

Be the first to comment on "La McLaren 720S combina il corpo in fibra di carbonio con la stampa 3D in titanio"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi