MELD ha ricevuto 1,5 milioni di dollari per le riparazioni della stampa 3D in metallo per la Marina degli Stati Uniti

È stato un grande giorno al MELD quando l’azienda ha ottenuto $ 1,5 milioni dalla US Navy per operazioni di manutenzione e riparazione (MRO). La stampa 3D MELD è simile a un processo di stampa 3D friction stir: solo qui, l’attrito riscalda la materia prima della barra metallica al di sotto del punto di fusione e viene aggiunto nuovo materiale. Saltando la fusione e non eseguendo alcuna sinterizzazione, le parti MELD hanno proprietà migliori rispetto ad altri processi. Le finiture sono ruvide, ma puoi costruire componenti molto grandi senza la necessità di una camera di costruzione chiusa e non hai problemi con le sollecitazioni termiche che distorcono le parti.

La sovvenzione mira ad aiutare a qualificare le macchine e le parti MELD per la Marina e portare alle operazioni di stampa 3D nei cantieri navali. L’obiettivo è riparare le parti precedenti e anche stampare nuove geometrie e aggiornamenti per le navi. L’azienda afferma: “La macchina L3 fornirà alla Marina la flessibilità di utilizzare più materiali e preserva la capacità di creare e riparare parti con leghe di nuova concezione”.

Il dottor Chase Cox, direttore della tecnologia di MELD, ha detto della notizia:

“Abbiamo ricevuto richieste per una serie di parti in un’ampia gamma di leghe metalliche dalla Marina e dai costruttori navali che non possono essere stampate con nessun’altra tecnologia. La gamma di esigenze espresse a noi evidenzia davvero il valore di una macchina MELD, perché a differenza di altre stampanti per metalli, MELD può stampare i metalli di cui la Marina ha veramente bisogno in una dimensione che non sarebbe altrimenti possibile. “

Il CEO di MELD Nanci Hardwick ha aggiunto: “MELD risolve il problema globale dei lunghi tempi di consegna per i prodotti in metallo forgiato e fuso e fornisce componenti su larga scala in tutti i metalli”.

Al momento, MELD può essere utilizzato per creare parti dense lunghe diversi metri e, in teoria, la tecnologia può essere utilizzata per oggetti molto più grandi. MELD può anche essere utilizzato per unire due metalli o per ringiovanire parti aggiungendo materiale sopra un componente usato. MELD è molto versatile in termini di materia prima di cui ha bisogno, il che rende il processo molto più economico per pezzi di grandi dimensioni.

Dato che la scala in cui opera la NAVY, ha bisogno di tecnologie economiche che rendano grandi parti che siano distribuibili a livello globale. Materie prime di fusione a letto di polvere pignole, che devono essere mantenute in condizioni rigorose, complicherebbero le cose, soprattutto perché il materiale è spesso da dieci a cinquanta volte più costoso dello stesso materiale in un’altra forma. MELD può funzionare anche senza polvere, il che è sicuramente interessante per la gente di mare.

L’MRO è un grosso problema per la Marina. Solo tre delle 24 navi del campione sono state riparate in tempo; all’estero e negli Stati Uniti, c’è un arretrato di manutenzione. Ci sono carenze di personale e ritardi anche all’estero . I sottomarini stanno tornando alla flotta con sette mesi di ritardo . Nel frattempo, la loro infrastruttura di riparazione esistente si sta “sgretolando” e investiranno 21 miliardi di dollari nel potenziamento di tali strutture . Anche la Marina spende oltre 12 miliardi di dollari all’anno per la manutenzione .

Sì, continuiamo tutti a strisciare davanti a quell’unico ragazzo della Boeing per degli avanzi. Ignoriamo questa opportunità straordinariamente enorme. Abbiamo già scritto sull’opportunità nei pezzi di ricambio marini . Ivaldi lo sta esaminando, insieme a Singapore, Wilhelmsen e Thyssen . Oltre a ciò, c’è una piccola attività preziosa nella stampa 3D marittima in tutto il mondo. MELD sembra nella posizione ideale per aiutare la Marina con i suoi problemi di manutenzione.

La Marina ha anche parlato di mettere stampanti 3D sulle navi da molto tempo ormai. Questa prospettiva mi ha terrorizzato perché poche cose amano prendere fuoco o esplorare più prontamente del titanio e di altre polveri metalliche. Allo stesso tempo, gli incendi nelle macchine di fusione a letto di polvere possono essere un problema e le polveri possono incendiarsi durante lo stoccaggio, durante la stampa e nella post-elaborazione. E il fuoco è uno dei fenomeni più spaventosi e letali a bordo di una nave. E quel letto di polvere piatto ben posato non ha ancora iniziato a spostarsi a causa del movimento della nave. Con MELD ci sono meno ostacoli per la stampa 3D a bordo della nave.

La stampa 3D in movimento potrebbe davvero aiutare la Marina degli Stati Uniti a schierare più navi contemporaneamente. L’uso di stampanti 3D nei centri di riparazione navale in Spagna, Giappone, Singapore e Bahrein aiuterebbe davvero ad accelerare le riparazioni delle navi di stanza o di passaggio in quelle aree. In caso di conflitto, le stampanti MELD potrebbero anche essere dispiegate nella più vicina base statunitense per attuare riparazioni locali. Con molte leghe possibili sui sistemi MELD, queste macchine potrebbero essere utilizzate in molte applicazioni. La stampa 3D in loco consentirebbe anche alla Marina di aggiornare le navi sul posto di fronte alle minacce emergenti, ad esempio. Tutto sommato, ottime notizie per MELD e un enorme impulso per la stampa 3D in un’area troppo trascurata.

Be the first to comment on "MELD ha ricevuto 1,5 milioni di dollari per le riparazioni della stampa 3D in metallo per la Marina degli Stati Uniti"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi