Mingjing Lin : Interfashionality design parametrico orientato al corpo e pensiero parametrico 2.0 per tessuti e moda stampati in 3D

MINGJING LIN: STAMPA 3D, FLUIDITÀ E MODELLAZIONE PARAMETRICA NELLA MODA

La stilista e ricercatrice Mingjing Lin ha completato il suo dottorato di ricerca presso il Royal College of Art (RCA) , Londra, esplorando l’uso della stampa 3D nella moda e nel design tessile. Abbiamo seguito il lavoro di Lin per un certo tempo , e la sua ricerca, che ha avuto inizio nel 2014, ora è stato rilasciata al pubblico.

All’inizio della sua ricerca, Lin si è chiesta se la sua comprensione del corpo umano dal punto di vista della moda e del tessile potesse contribuire a nuovi risultati nell’uso degli strumenti digitali e ha mostrato interesse per l’applicazione delle tecniche di stampa 3D nella moda e nei tessuti. Sei anni dopo, Lin ha ora completato la sua ricerca in questo settore e ha tratto diverse conclusioni dalle sue sperimentazioni.

“In particolare, sto proponendo che i designer di moda e tessuti possano incorporare la nostra conoscenza della forma complessa del corpo e del movimento del corpo, nonché la sensibilità dei materiali tattili, nell’applicazione di questi strumenti digitali per la creazione di disegni intricati, fluidi e drappeggiabili, ” lei disse.

“LA CONCLUSIONE PRINCIPALE È CHE IL CORPO UMANO È IMPORTANTE NELLE MIE ESPERIENZE DI UTILIZZO DELLA STAMPA 3D E DELLA MODELLAZIONE PARAMETRICA”.

Secondo Lin, il raggiungimento della fluidità nei tessuti stampati in 3D ha comportato l’innovazione della modellazione 3D attraverso la progettazione di nuovi algoritmi. Nel 2017, Lin ha presentato il lavoro del suo progetto Fold-the-Interfashionality attraverso una performance dell’Opera di Pechino alla RCA.

Sponsorizzato dalla società di stampa 3D SLS, Sinterit , Lin è stata la prima a utilizzare il nuovo materiale TPU FLEXA (NERO) dell’azienda nella produzione degli indumenti degli artisti, uno dei materiali più flessibili disponibili all’epoca. L’anno prima, Lin ha organizzato un’altra performance dal vivo intitolata Interfashionality , in cui ha combinato la stampa 3D, il Qipao cinese e le prestazioni fisiche.

“Ero interessato a utilizzare le prestazioni fisiche, come le due esibizioni dal vivo Interfashionality e Fold-the-Interfashionality, piuttosto che presentare i tessuti stampati in 3D solo attraverso immagini statiche ed esibizioni, perché l’uso della performance si riferisce ancora alla conclusione principale ‘body matter’ “, Ha spiegato Lin. “Volevo esaminare le interazioni tra il design stampato in 3D e il corpo umano reale; Volevo sapere, cosa prova il corpo quando indossa un design stampato in 3D? “

Basandosi sulle definizioni di modellazione parametrica degli studiosi di architettura delineate nella sua tesi, la ricerca di Lin l’ha portata a concludere le proprie definizioni di pensiero parametrico 2.0 e design parametrico 2.0, due elementi che ha impiegato durante il suo lavoro.

Il pensiero parametrico 2.0 si riferisce a un’enfasi sulla consapevolezza del corpo umano e sulla sua rilevanza durante la progettazione e la realizzazione di tessuti e moda stampati in 3D basati su algoritmi. Oltre a esaminare l’applicazione di tessuti stampati in 3D in un contesto fluido e corporeo, questo processo di pensiero mira a colmare i conflitti tra contesti interdisciplinari e interculturali, come Oriente e Occidente, e tradizione e modernità.

I risultati fisici di questo processo di pensiero, come la progettazione, la modellazione, la realizzazione e l’esecuzione dei risultati stampati in 3D, sono considerati Progettazione parametrica 2.0.

“Parametric Design 2.0 non riguarda l’utilizzo di strumenti parametrici e software di modellazione parametrica per creare forme architettoniche; né si tratta di separare la moda e il design tessile e la produzione dall’uso del design parametrico, ma piuttosto di comprendere la moda e la conoscenza pratica dei tessuti e considerare la forma del corpo e il movimento nello sviluppo di disegni parametrici e stampati in 3D “, ha detto Lin.

Come sottolinea Lin, non è la prima a fondere la tradizione con le tecniche moderne, con artisti del calibro di Iris van Herpen , Issay Miyake e Julia Koerner , che già utilizzano la stampa 3D in quest’area. Lin crede che la sua formazione in Cina e Londra abbia incoraggiato il pensiero fluido nel suo lavoro quando contempla la mediazione degli opposti.

Ha spiegato: “Il motivo per cui sono particolarmente interessata a questo approccio è che il mio background di studio e apprendimento mi ha fatto capire che la creatività nella mia pratica non emerge da una separazione tra modernità e tradizione, fabbricazione digitale e fabbricazione a mano, ma dalla fusione , mediazione o integrazione di elementi dissimili o addirittura opposti. “

La fusione di tradizione e modernità, replicata dall’uso di costumi stampati in 3D nella performance dell’Opera di Pechino, dimostra che le nuove tecnologie non devono sostituire quelle esistenti nello sviluppo della moda e dei tessuti, ma possono invece completare e valorizzare ciò che già c’è.

Lin sta attualmente lavorando con il suo precedente collega della RCA, il dottor Tsai-chun Huang, assistente professore presso l’ Università Politecnica di Hong Kong , a un progetto sviluppato di Fold-the-Interfashionality. Il suo lavoro si concentra sulla discussione dello scambio culturale e continuerà a utilizzare la stampa 3D, la pieghettatura e il design parametrico per creare tessuti fluidi per le prestazioni fisiche.

“In termini di stampa 3D, sono interessata a saperne di più sull’innovazione di materiali e tecniche, come bioprinting, cellulosa funzionale e materiali più morbidi”, ha affermato. “Mi piacerebbe collaborare con scienziati e ingegneri dei materiali per esplorare le potenzialità della stampa 3D nei dispositivi indossabili”.

Puoi leggere il resto della ricerca di Lin nella sua tesi, intitolata: ” Interfashionality: design parametrico orientato al corpo e pensiero parametrico 2.0 per tessuti e moda stampati in 3D”.

Be the first to comment on "Mingjing Lin : Interfashionality design parametrico orientato al corpo e pensiero parametrico 2.0 per tessuti e moda stampati in 3D"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi