L’accordo ha l’obiettivo di promuovere l’uso della stampa 3D per il Corpo dei Marines. 

Stampa 3D a bordo della USS Essex
Il Naval Information Warfare Center (NIWC) Pacific e MatterHackers hanno stipulato un Accordo di ricerca e sviluppo cooperativo (CRADA), che mira a fornire casi d’uso per la Marina e il Corpo dei Marines per identificare, testare e raccogliere dati su spedizioni efficaci, a basso costo Stampa 3D.

“I risultati del CRADA aiuteranno potenzialmente ad accelerare l’operatività della stampa 3D commerciale standard per uso governativo e militare, un compito che è stato ben avviato dall’Advanced Manufacturing Operations Cell (AMOC) del Corpo dei Marines”, ha affermato Maj Matthew Audette, responsabile del team dei sistemi di produzione avanzati. “L’obiettivo di AMOC è quello di impiegare ulteriormente la produzione additiva in tutto il Corpo dei Marines, inclusa la certificazione, l’archiviazione e la condivisione di file per le parti stampate in 3D approvate”.

NIWC Pacific fornisce supporto tecnologico e ingegneristico a una varietà di comandi della US Navy e DoD. MatterHackers ha avviato questo CRADA con NIWC Pacific al fine di valutare e identificare in modo specifico i casi d’uso del Corpo dei Marines associati all’equipaggiamento dei veicoli terrestri e ulteriori soluzioni innovative sviluppate dal Corpo dei Marines.


“MatterHackers lavora da anni a stretto contatto con i nostri vicini di Camp Pendleton, nel sud della California, e siamo così entusiasti di poter approfondire le loro esigenze di stampa 3D con questo CRADA”, afferma Mara Hitner, vicepresidente delle partnership strategiche di MatterHackers. “Vogliamo aiutare a spingere ulteriormente queste capacità con le macchine, i materiali e la formazione giusti”.

Parte di questo CRADA vedrà il test di parti stampate in 3D in molteplici situazioni di utilizzo, con prototipi di successo consegnati ai rispettivi uffici del programma per ulteriori test di affidabilità e durata. MatterHackers collaborerà con questi gruppi alla progettazione e alla prototipazione di nuove apparecchiature di produzione additiva per soddisfare le esigenze del Corpo dei Marines. Ciò include la possibilità di esplorare materiali di interesse, come il filamento per stampanti 3D in acciaio inossidabile progettato per macchine desktop basate sull’estrusione, che possono essere debinded e sinterizzato fuori sede.

“CRADA come questo facilitano la collaborazione vitale tra la difesa e l’industria che è essenziale per equipaggiare, mantenere e sostenere le nostre forze”, ha affermato il Mag. Kate DeLeal, quartier generale del Corpo dei Marines degli Stati Uniti, Direttore della politica di produzione additiva. 

Kristin Holzworth, Ph.D., NIWC Pacific Principal Investigator, ha dichiarato: “MatterHackers, NIWC Pacific e il Corpo dei Marines identificheranno e affronteranno le sfide specifiche militari vissute in contesti tattici e valuteranno come materiali di stampa 3D open source e attrezzature per la produzione additiva e la formazione tecnica di livello commerciale può aiutare a risolverli in modo rapido ed efficace.

 
MatterHackers Metal Gear
Holzworth ha aggiunto: “La cooperativa spera che, come risultato maggiore di questo CRADA, le capacità di stampa 3D saranno meglio integrate a tutti i livelli della più grande impresa navale per migliorare la prontezza dei marines e dei marinai statunitensi”.

Alla fine del 2021, MatterHackers si è aggiudicata un contratto da 5 milioni di dollari per la fornitura di stampanti 3D Ultimaker S5 alle forze armate statunitensi.  La società ha affermato che questo è stato il più grande contratto militare mai assegnato per stampanti 3D desktop.

La stampa 3D è stata recentemente adottata dalla Marina degli Stati Uniti quando la USS Essex ha ricevuto una stampante 3D Xerox.


L’accordo ha l’obiettivo di promuovere l’uso della stampa 3D per il Corpo dei Marines. 

Stampa 3D a bordo della USS Essex
Il Naval Information Warfare Center (NIWC) Pacific e MatterHackers hanno stipulato un Accordo di ricerca e sviluppo cooperativo (CRADA), che mira a fornire casi d’uso per la Marina e il Corpo dei Marines per identificare, testare e raccogliere dati su spedizioni efficaci, a basso costo Stampa 3D.

“I risultati del CRADA aiuteranno potenzialmente ad accelerare l’operatività della stampa 3D commerciale standard per uso governativo e militare, un compito che è stato ben avviato dall’Advanced Manufacturing Operations Cell (AMOC) del Corpo dei Marines”, ha affermato Maj Matthew Audette, responsabile del team dei sistemi di produzione avanzati. “L’obiettivo di AMOC è quello di impiegare ulteriormente la produzione additiva in tutto il Corpo dei Marines, inclusa la certificazione, l’archiviazione e la condivisione di file per le parti stampate in 3D approvate”.

NIWC Pacific fornisce supporto tecnologico e ingegneristico a una varietà di comandi della US Navy e DoD. MatterHackers ha avviato questo CRADA con NIWC Pacific al fine di valutare e identificare in modo specifico i casi d’uso del Corpo dei Marines associati all’equipaggiamento dei veicoli terrestri e ulteriori soluzioni innovative sviluppate dal Corpo dei Marines.


“MatterHackers lavora da anni a stretto contatto con i nostri vicini di Camp Pendleton, nel sud della California, e siamo così entusiasti di poter approfondire le loro esigenze di stampa 3D con questo CRADA”, afferma Mara Hitner, vicepresidente delle partnership strategiche di MatterHackers. “Vogliamo aiutare a spingere ulteriormente queste capacità con le macchine, i materiali e la formazione giusti”.

Parte di questo CRADA vedrà il test di parti stampate in 3D in molteplici situazioni di utilizzo, con prototipi di successo consegnati ai rispettivi uffici del programma per ulteriori test di affidabilità e durata. MatterHackers collaborerà con questi gruppi alla progettazione e alla prototipazione di nuove apparecchiature di produzione additiva per soddisfare le esigenze del Corpo dei Marines. Ciò include la possibilità di esplorare materiali di interesse, come il filamento per stampanti 3D in acciaio inossidabile progettato per macchine desktop basate sull’estrusione, che possono essere debinded e sinterizzato fuori sede.

“CRADA come questo facilitano la collaborazione vitale tra la difesa e l’industria che è essenziale per equipaggiare, mantenere e sostenere le nostre forze”, ha affermato il Mag. Kate DeLeal, quartier generale del Corpo dei Marines degli Stati Uniti, Direttore della politica di produzione additiva. 

Kristin Holzworth, Ph.D., NIWC Pacific Principal Investigator, ha dichiarato: “MatterHackers, NIWC Pacific e il Corpo dei Marines identificheranno e affronteranno le sfide specifiche militari vissute in contesti tattici e valuteranno come materiali di stampa 3D open source e attrezzature per la produzione additiva e la formazione tecnica di livello commerciale può aiutare a risolverli in modo rapido ed efficace.

 
MatterHackers Metal Gear
Holzworth ha aggiunto: “La cooperativa spera che, come risultato maggiore di questo CRADA, le capacità di stampa 3D saranno meglio integrate a tutti i livelli della più grande impresa navale per migliorare la prontezza dei marines e dei marinai statunitensi”.

Alla fine del 2021, MatterHackers si è aggiudicata un contratto da 5 milioni di dollari per la fornitura di stampanti 3D Ultimaker S5 alle forze armate statunitensi.  La società ha affermato che questo è stato il più grande contratto militare mai assegnato per stampanti 3D desktop.

La stampa 3D è stata recentemente adottata dalla Marina degli Stati Uniti quando la USS Essex ha ricevuto una stampante 3D Xerox.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi