Nexa3D xCure

NEXA3D LANCIA IL NUOVO SISTEMA DI POST-ELABORAZIONE XCURE PER “SBLOCCARE IL POTENZIALE” DELLE PARTI STAMPATE IN 3D

Nexa3D , un produttore di stampanti 3D SLA con sede negli Stati Uniti, ha lanciato un nuovo sistema di post-elaborazione chiamato xCure.

La macchina, che è stata realizzata su misura per l’uso con la stampante 3D NXE400 di punta di Nexa, è in grado di post-elaborare parti basate su fotoplastica in modo coerente e su una “scala di produzione”. L’ultimo sistema di Nexa è stato progettato anche per polimerizzare i componenti fotopolimerici in modo intuitivo, semplificando i flussi di lavoro e rendendo i controlli di processo coerenti, indipendentemente dalle dimensioni o dalla complessità della parte.

“Siamo molto entusiasti di portare xCure sul mercato, sottolineando il nostro impegno a fornire soluzioni di flusso di lavoro completamente convalidate per la produzione su larga scala”, ha affermato Avi Reichental, co-fondatore e CEO di Nexa3D. “Solo attraverso lo sviluppo, la simulazione e il test rigorosi di flussi di lavoro end-to-end predittivi e prescrittivi possiamo sbloccare l’intera gamma e la coerenza delle proprietà meccaniche”.

Nexa3D ha lanciato xCure con l’obiettivo di consentire alle parti stampate di massimizzare le proprietà dei loro materiali aumentando l’accessibilità complessiva del processo. La macchina dell’azienda è dotata di sei LED ad alta potenza che funzionano a lunghezze d’onda di 356 e 405 nanometri, oltre a modalità di polimerizzazione UV e termica seriali, che forniscono una copertura a 360 ° e cicli di polimerizzazione uniformi.

Il sistema include anche menu di post-elaborazione prescritti che consentono agli utenti di controllare il processo di polimerizzazione e fornire flussi di lavoro convalidati, indipendentemente dalla struttura e dalle dimensioni delle parti stampate. Oltre a garantire l’accuratezza dimensionale, il software proprietario dell’azienda agisce come un modo accessibile per consentire ai clienti di controllare strettamente l’integrità strutturale e molecolare delle loro parti.

Inoltre, l’impressionante capacità della macchina di 21 “x 20” x 32 “(WDH), significa che può ospitare diversi componenti singoli, fino a un volume massimo di 16 litri. L’ampia camera di lavorazione del sistema è in grado di contenere fino a tre piastre di costruzione contemporaneamente, consentendo la polimerizzazione delle parti in modo indipendente, in base alle loro specifiche proprietà e necessità.

La nuova piattaforma di Nexa è progettata anche per essere user-friendly e funziona utilizzando un semplice sistema di clic, rotazione e spinta. Gli utenti possono scegliere la più efficace tra tre diverse modalità di polimerizzazione, tra cui solo UV, solo calore e UV + calore, che agiscono per migliorare le proprietà del materiale e mantenere le prestazioni delle parti.

Nexa3D è specializzata nella realizzazione di stampanti 3D a base di polimeri, che sono alimentate dalle sue tecnologie proprietarie di fotopolimerizzazione del substrato di lubrificante (LSPc) e di sinterizzazione laser quantistica (QLS). Queste tecniche di produzione sono in grado di raggiungere velocità di stampa fino a 1 cm al minuto, il che significa che possono ridurre efficacemente il tempo necessario per completare un ciclo di stampa 3D.

La chiave della tecnologia di Nexa è una sorgente di luce uniforme, che viene utilizzata per formare un prodotto in un processo di stampa 3D di fotopolimerizzazione (SLA) strato per strato. Come passaggio aggiuntivo, le macchine dell’azienda sono dotate di una membrana autolubrificante utilizzata per garantire che la resina sia distribuita uniformemente sulla piastra di costruzione del sistema.

La tecnologia è presente nella stampante 3D SLA NXE400 di Nexa , che è stata introdotta per la prima volta al RAPID + TCT 2019 e ora beneficia del sistema xCure personalizzato. Sfruttando LSPc e un sistema a letto di resina avanzato, secondo quanto riferito, l’NXE400 è in grado di produrre parti sei volte più velocemente rispetto ad altre macchine DLP (Digital Light Processing).

Nexa3D commercializza anche un’ampia gamma di polimeri tra cui xCE-Black , un termoplastico a polimerizzazione singola con proprietà isotropiche e di stabilità ambientale a lungo termine. La società ha successivamente introdotto xClean , un solvente ecologico che ben si adatta alle stampanti 3D a base di resina, e xCE-White , un fotoplastico specificamente progettato per produrre parti a livello di stampaggio a iniezione.

Negli ultimi anni, Nexa ha anche collaborato con altri esperti del settore per produrre materiali avanzati e consentire nuove applicazioni. Lavorando con Henkel, ad esempio, l’azienda ha sviluppato xMED412 , un nuovo polimero di stampa 3D per la produzione di dispositivi medici. Nexa ha anche collaborato con DSM per accelerare la velocità del suo sistema QLS 350 , attraverso un accordo che garantiva che le sue polveri sostenibili fossero incluse in ogni stampante QLS acquistata.

In questa occasione, Nexa3D ha deciso di rilasciare una nuova soluzione hardware sotto forma del suo nuovo sistema di post-elaborazione xCure, come mezzo per produrre parti migliori dalla sua stampante 3D NXE400 SLA.

Be the first to comment on "Nexa3D xCure"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi