NEXE INNOVATIONS SVILUPPA UNA NUOVA CIALDA DI CAFFÈ COMPOSTABILE UTILIZZANDO LA STAMPA 3D La startup di prodotti di consumo sostenibili Nexe Innovations sta lanciando una cialda di caffè compostabile a base vegetale negli Stati Uniti e in Canada.

La società ha rivelato che utilizza la tecnologia di stampa 3D per scopi di prototipazione sin dalla sua fondazione nel 2013, citando le iterazioni di progettazione rapide, la mancanza di strumenti e lo spreco di materiale notevolmente ridotto come fattori chiave nella decisione. Avendo ora sviluppato il suo secondo prodotto otto anni dopo, una cialda di caffè compostabile compatibile con le macchine Nespresso , l’azienda spera di realizzare la sua visione di sostituire i prodotti in plastica monouso con controparti rispettose dell’ambiente.

La miscela di caffè espresso contenuta nel Nexe Pod comprende chicchi di caffè del commercio equo e solidale coltivati ​​in Etiopia, Perù e Indonesia.

 Per quanto convenienti, le capsule di caffè non sono poi così grandi per l’ambiente. Secondo il produttore di cialde di caffè Halo , nel 2018 sono state prodotte circa 59 miliardi di cialde di caffè, 56 miliardi delle quali dovrebbero finire in discarica. Poiché le capsule monodose tendono ad essere fatte di polimeri o alluminio (o un mix di entrambi), non è raro che impieghino fino a 500 anni per decomporsi naturalmente.

Per aiutare a combattere questo, Nestlé e Jacobs Douwe Egberts hanno lanciato uno schema congiunto di riciclaggio delle cialde di caffè nel Regno Unito nell’aprile 2021 – Podback . Il programma mira a fornire ai clienti un modo semplice per riciclare i loro pod, con oltre 6500 punti di consegna Podback nei negozi locali in tutto il paese. Anche produttori come Illy e Dualit stanno facendo la loro parte con l’introduzione di prodotti in cialda riciclabili e compostabili.

Il Nex Pod

Essendo uno degli ultimi sfidanti nell’arena compostabile, il Nexe Pod ha subito cinque anni di test supportati dalla scienza. Secondo Nexe Innovations, uno studio indipendente sul compostaggio ha mostrato che circa il 90% delle sue nuove cialde di caffè si è rotta entro un mese.

Il motivo per cui questo non è al 100% è probabilmente dovuto al fatto che non sono completamente a base vegetale, poiché il Nexe Pod è in realtà costituito da una miscela di acido polilattico (PLA) e fibra di bambù, insieme a molti altri compostabili ingredienti.

Il PLA è uno dei polimeri più comunemente usati nella stampa 3D, noto per la sua facilità d’uso e il basso costo. Il materiale è effettivamente biodegradabile ma richiede sia un calore elevato che un ambiente ricco di microbi per essere scomposto. Poiché queste condizioni non sono così comuni in natura, sarà comunque necessario utilizzare un impianto di compostaggio industriale per mantenere i Nexe Pods nell’economia circolare .

Tuttavia, la scelta del materiale si presta abbastanza bene alla stampa 3D FDM, il che significa che Nexe Innovations è in grado di prototipare nuovi pod a suo piacimento. L’azienda ha precedentemente affermato che portare la prototipazione internamente con una fattoria di stampa FDM ha ridotto i tempi di consegna, ridotto significativamente gli sprechi e le emissioni ed eliminato completamente i costi di spedizione da produttori di terze parti. Quando si tratta di produzione in serie, Nexe Innovations utilizza ancora tecniche di produzione convenzionali come lo stampaggio a iniezione e la termoformatura a causa del loro maggiore potenziale di produttività.

Nexe utilizza la stampa 3D per prototipare i suoi prodotti dal 2013. Foto tramite Nexe Innovations.
L’economia circolare è stata un tema caldo nella stampa 3D negli ultimi tempi, con aziende e istituti di ricerca che pubblicizzano pratiche di produzione sostenibili e materiali riutilizzabili. In ambito accademico, i ricercatori dell’Istituto federale tedesco per la ricerca e i test sui materiali hanno recentemente sviluppato un nuovo materiale di stampa 3D sostenibile a partire da termiti e rifiuti di insetti noiosi . Riciclando le particelle di legno in polvere e le feci lasciate dagli insetti, gli scienziati sono stati in grado di formulare una materia prima unica a economia circolare, che potrebbe essere stampata a getto di legante in 3D senza additivi polimerici

 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi