IL “PRIMO MODELLO AL MONDO” DI PELLE IMMUNIZZATA STAMPATA IN 3D CONSENTE IL TRATTAMENTO DI GUARIGIONE DELLE FERITE AL PLASMA FREDDO PER LE USTIONI
 
Il consorzio NOVOPLASM ha annunciato di essere il “primo al mondo” a sviluppare la tecnologia del plasma freddo per il trattamento delle ustioni infette e la guarigione delle ferite degli innesti cutanei.

L’azienda di medicina rigenerativa CTIBIOTECH , l’ Istituto di ricerca biomedica delle forze armate francesi , l’ École Polytechnique e l’ Institut Pasteur costituiscono il consorzio, che sta sfruttando un modello di pelle umana immunizzata prodotto mediante bioprinting 3D per aiutare lo sviluppo del trattamento al plasma freddo.

CTIBIOTECH afferma di essere il primo al mondo a stampare in 3D la pelle umana immunizzata completa, chiamata CTISkin, e sta fornendo centinaia di modelli al consorzio per consentirgli di convalidare la sua tecnologia al plasma freddo.

“La medicina rigenerativa è il futuro dell’assistenza sanitaria”, ha affermato il professor Colin McGuckin, presidente e direttore scientifico di CTIBIOTECH. “In CTIBIOTECH avanziamo questi modelli per aiutare la medicina personalizzata e supportare gli ospedali a breve termine, non solo il futuro. NOVOPLASM utilizza i nostri modelli per accelerare i nuovi dispositivi per proteggere la salute umana”.

 

CTIBIOTECH è da tempo pioniere nella produzione di tessuto umano funzionale biostampato in 3D, avendo precedentemente lavorato con il dipartimento Care Creations di BASF per condurre ricerche su modelli di tessuto 3D di ghiandole sebacee umane (pelle) e con il produttore svedese di biostampanti CELLINK per studiare nuove terapie per pazienti con cancro .

I modelli di pelle biostampati in 3D hanno ricevuto un crescente interesse e sviluppo negli ultimi anni a causa dei loro usi per la modellazione delle malattie, per testare l’efficacia di nuovi trattamenti e fornire un’alternativa ai test sugli animali. 

All’inizio di quest’anno, un team di ricerca della Pohang University of Science and Technology e della Pusan ​​National University ha stampato in 3D un modello di pelle artificiale in vitro per osservare meglio le malattie della pelle sofferte dai pazienti diabetici, mentre i ricercatori della Pennsylvania State University hanno sviluppato un processo di bioprinting 3D in grado di stampare duro e dei tessuti molli contemporaneamente per riparare le lesioni cutanee e ossee. 

La biostampa 3D è stata precedentemente utilizzata per aiutare a guarire le ferite da ustione, con ricercatori dell’Università di Toronto e del Sunnybrook Health Sciences Center che hanno sviluppato una biostampante portatile in grado di stampare fogli di “pelle” . I fogli di bioinchiostro depositati coprono la ferita e aiutano ad accelerare il processo di guarigione della pelle e potrebbero essere visti in un ambiente clinico nei prossimi anni.

 

Secondo l’ Organizzazione Mondiale della Sanità , quasi 30.000 persone subiscono ustioni che richiedono cure mediche ogni giorno, per un totale di 11 milioni di pazienti all’anno in tutto il mondo. La quarta causa più comune di lesioni in tutto il mondo, le ustioni sono considerate un importante problema di salute pubblica e il progetto NOVOPLASM sta cercando di affrontare.

Le tecnologie di biostampa 3D di CTIBIOTECH consentono a scienziati e medici di valutare in modo efficace e riproducibile l’efficacia di nuovi trattamenti e terapie su modelli di tessuto umano. Utilizzando il modello CTISkin biostampato in 3D dell’azienda, il consorzio NOVOPLASM è stato in grado di implementare strategie cliniche per la guarigione della pelle e la gestione dei pazienti ustionati. 

Secondo CTIBIOTECH, è la prima azienda al mondo a produrre pelle umana immunizzata – pelle che contiene cellule immunitarie – mediante bioprinting 3D. Il consorzio NOVOPLASM ha sfruttato centinaia di modelli CTISkin per convalidare la sua tecnologia al plasma freddo per la guarigione delle ferite.

Il plasma freddo è una tecnologia non invasiva, non termica e indolore che funziona energizzando un gas con una corrente elettrica per provocare la formazione di azoto e ossigeno reattivo con proprietà cicatrizzanti, riparative e battericide. Queste proprietà sono particolarmente efficaci nel migliorare la gestione delle ustioni infette e allo stesso tempo stimolare il processo di riparazione dei tessuti. 

Il lavoro di ricerca svolto durante il programma ha anche dimostrato che la tecnologia del plasma freddo favorisce la formazione di nuovi vasi sanguigni e mobilita le cellule immunitarie presenti nella ferita della pelle. 

Una volta finalizzato e approvato, il dispositivo medico finito sarà idoneo all’uso in ambienti ospedalieri e centri specializzati per il trattamento delle ustioni. Il progetto NOVOPLASM è sostenuto dal Ministero delle Forze Armate francese e ha ricevuto finanziamenti dal programma Supporto specifico per la ricerca e l’innovazione nella difesa (ASTRID) condotto con l’ Agenzia nazionale di ricerca francese (ANR).

Il progetto NOVOPLASM presenta il suo lavoro al Defense Innovation Forum (FID) attualmente in corso a Parigi, Francia. 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi