PARTICLE3D BREVETTA UN BIOMATERIALE UNICO PER LA STAMPA 3D DI IMPIANTI OSSEI COMPLETAMENTE RIASSORBIBILI
 
Il produttore danese di dispositivi medici Particle3D ha ottenuto un brevetto cinese per un nuovo bio-inchiostro che consente la stampa 3D di impianti ossei porosi completamente riassorbibili. 

Composto da ceramica sospesa in una matrice di acidi grassi, il biomateriale dell’azienda consente la produzione di innesti specifici per il paziente con porosità “simili a un osso”. Avendo brevettato la sua tecnologia in Cina, Europa e Stati Uniti, Particle3D ora mira a implementarla in “nuove aree e industrie” e lanciare una linea biocompatibile di impianti “P3D” con il potenziale di ridurre significativamente il rigetto del trapianto da parte del paziente.

“Intendiamo dedicare tempo e sforzi significativi per perseguire opportunità globali nell’offerta di impianti stampati in 3D per diverse applicazioni, con la possibilità di aggiungere farmaci a rilascio lento, come gli antibiotici, che riteniamo offra enormi opportunità per i pazienti e gli operatori sanitari”, ha commentato. Thea Wulff Olesen, CEO di Particle3D.

 

Fondata nel 2014 da due studenti di medicina e dal loro professore, Particle3D è un’azienda dedicata allo sviluppo di tecnologie di ingegneria ossea che affrontano i problemi clinici dell’uso finale. La tecnologia dell’azienda è nata, dopo che è stata contattata dalla divisione di chirurgia orale e maxillo-facciale dell’ospedale universitario di Odense , che ha incaricato il suo team di trovare un mezzo migliore per sostituire l’osso rimosso. 

Nello specifico, i chirurghi stavano cercando un impianto personalizzabile e degradabile che si adattasse naturalmente al corpo umano e consentisse il ripristino del tessuto del paziente alla sua forma e composizione precedenti. In risposta, Particle3D ha formulato un bio-inchiostro che può essere caricato in una siringa, riscaldato fino al suo punto di fusione ed estruso a strati su uno stadio di raffreddamento, sul quale si solidifica nuovamente in una parte coesiva. 

Questi oggetti vengono quindi sinterizzati per fondere insieme il loro contenuto di polvere e rimuovere il loro strato esterno grasso, lasciando dietro di sé dispositivi ceramici, in grado di integrarsi con l’osso in vivo. Dal primo brevetto del suo biomateriale nel 2015, Particle3D lo ha utilizzato con successo per creare diversi impianti, trapiantandoli in cinque soggetti per test su animali e, dopo l’ultima approvazione del brevetto, ora punta alla commercializzazione. 

 

Al momento, Particle3D commercializza solo la sua linea di ricerca di scaffold P3D, che producono modelli di ricerca rilevanti e strutture di supporto per la crescita cellulare, ma sono limitati a studi preclinici. Tuttavia, utilizzando il suo ampio catalogo di licenze e brevetti, l’azienda mira ora a lanciare una gamma di impianti ossei P3D stampabile in 3D, che può essere personalizzata per soddisfare le esigenze dei singoli pazienti sulla base di scansioni TC/RM. 

Realizzati in beta-tricalcio fosfato, si dice che gli impianti dell’azienda possiedano un’architettura interna simile all’osso che facilita la crescita cellulare e consente ai nervi e ai vasi sanguigni di crescere intorno ad esso. Di conseguenza, quando viene utilizzato all’interno di interventi chirurgici sull’uomo, Particle3D prevede che i suoi prossimi prodotti potrebbero ridurre i tempi operativi, ridurre le complicazioni e fornire risultati estetici ottimali.

Grazie alla natura macroporosa dei suoi impianti P3D, l’azienda è anche in grado di infonderli con fattori di crescita, antibiotici e farmaci chemioterapici. Adattando la quantità di acido grasso nel bio-inchiostro utilizzato per creare tali innesti, Particle3D ha già scoperto che è possibile dosare i farmaci, in un modo che renda più facile la metabolizzazione dei reni dei pazienti. 

Nessuno di questi tipi di impianti P3D ha ancora una data di rilascio ed entrambi sono elencati come “disponibili a breve”, ma si pensa che gli ultimi brevetti dell’azienda ridurranno il loro tempo di commercializzazione. Rilasciata il mese scorso, l’approvazione più recente di Particle3D proviene dalla National Intellectual Property Administration (CNIPA) della Cina e riguarda le sue tecnologie, l’approccio alla formulazione del bio-inchiostro e l’uso di alcune leghe in questo contesto. 

Una volta lanciata, l’azienda afferma che la sua gamma di impianti “consentirà alle aziende di vari settori di migliorare lo sviluppo e la produzione dei loro prodotti”, mentre il suo CEO ha affermato di essere “soddisfatta” di come sta avanzando la sua “strategia aziendale”.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi