Penn State e la ROBOZE One + 400 Xtreme

Penn State installa la stampante 3D Roboze per la ricerca dei materiali

La Pennsylvania State University ha recentemente acquisito un nuovo sistema di stampa 3D dalla società AM Roboze . La stampante 3D, una ROBOZE One + 400 Xtreme, verrà utilizzata presso il Dipartimento di ingegneria chimica dell’università, uno dei dipartimenti di ingegneria chimica più influenti degli Stati Uniti.

Penn State è una forza innegabile dal lato accademico della produzione additiva. L’università, che ha tenuto corsi su AM e sviluppato varie tecnologie relative all’AM , è particolarmente nota per il suo Centro per l’elaborazione di materiali innovativi attraverso la deposizione digitale diretta (CIMP-3D). Il centro ospita numerosi sistemi di produzione additiva – ora incluso One + 400 Xtreme di Roboze – che consente ai ricercatori di proseguire il lavoro vitale per guidare l’industrializzazione della stampa 3D.

Compatibile con materiali ad alte prestazioni, la stampante 3D Roboze One + 400 Xtreme verrà utilizzata dal laboratorio per studiare materiali polimerici per comprendere meglio il potenziale di AM nella produzione di apparecchiature personalizzate, nonché altre applicazioni.

“ROBOZE One + 400 Xtreme sarà utilizzato per esaminare nuovi polimeri per aiutare a comprendere fondamentalmente il processo di stampa 3D e come strumento per consentire alle attrezzature personalizzate un costo più conveniente di quello che si può ottenere con la lavorazione dei metalli, consentendo anche progetti non possibili con la produzione tradizionale “Ha spiegato il Prof. Bryan D. Vogt del Dipartimento di Ingegneria Chimica. “Il ROBOZE One + 400 Xtreme consentirà a Penn State di sfruttare la sua esperienza nella scienza dei materiali, ingegneria e caratterizzazione per consentire nuove soluzioni ai problemi attraverso la produzione additiva.”

Il sistema di Roboze è stato scelto per una serie di motivi, tra cui la sua compatibilità con un’ampia gamma di materiali a base di polimeri, tra cui PEEK e altri materiali plastici ad alte prestazioni, nonché la sua precisione. Questo grado di precisione per una stampante FFF è abilitato dall’esclusivo sistema Beltless di Roboze, che aiuta a garantire ripetibilità, scorrevolezza e precisione di posizionamento.

“La capacità di utilizzare filamenti personalizzati e controllare l’elaborazione di stampa è stata un fattore critico nella scelta di ROBOZE”, ha aggiunto il prof. Vogt. “La flessibilità consentita da ROBOZE insieme alle sue eccellenti capacità di stampa è ben allineata con la missione di ricerca orientata alla scoperta dell’università per espandere la conoscenza e la sua applicazione. Inoltre, la nostra precedente stampante 3D aveva problemi di stampa di tecnopolimeri ad alta temperatura come PEEK con una grave deformazione della struttura generalmente osservata. Dopo le sfide con la stampa di PEEK con i sistemi standard a trasmissione a cinghia, il nuovo approccio alla trasmissione diretta con ROBOZE è stato un ulteriore vantaggio.

Con la sua estesa capacità di stampa 3D, il Dipartimento di Ingegneria Chimica di Penn State avrà gli strumenti per testare nuovi polimeri e sviluppare nuove formulazioni di materiali. I ricercatori stamperanno anche parti in 3D per supportare la ricerca in campi adiacenti. Ad esempio, il team esplorerà i reattori chimici, dove le geometrie stampate in 3D hanno il potenziale per migliorare le prestazioni.

“La versatilità della soluzione ROBOZE è stata un fattore chiave nella selezione”, ha concluso il prof. Vogt. “Non esiste un’applicazione specifica in mente, ma piuttosto ci sono una moltitudine di problemi che possono essere risolti con le prestazioni della stampante ROBOZE One + 400 Xtreme, in cui la combinazione di precisione e flessibilità nei materiali non ha precedenti.”

Be the first to comment on "Penn State e la ROBOZE One + 400 Xtreme"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi