Carne stampata in 3D senza macellazione da Cocuus e SavorEat tra le migliori innovazioni FoodTech
 
La società di scienza dei dati StartUs Insights ha pubblicato un elenco delle ” Top 10 tendenze e innovazioni della tecnologia alimentare 2021 ” e ha delineato due promettenti startup focalizzate sulla creazione di stampanti alimentari 3D per alternative alla carne e nutrizione personalizzata. I nomi che hanno fatto il taglio in questo segmento erano SavorEat , una startup israeliana di carne vegetale, e Cocuus , un’azienda spagnola che sviluppa alternative alla carne a base cellulare. I due marchi hanno sviluppato la propria tecnologia di stampa 3D per gestire prodotti alimentari con le specifiche esatte e la riproducibilità di qualità come carni vere, puntando a una produzione alimentare su larga scala e a bassi costi. Come molte delle aziende di questo segmento, sono ancora in una fase iniziale. Tuttavia, il loro lavoro aprirà la strada alla democratizzazione delle carni finte stampate in 3D mentre tentano di soddisfare le esigenze alimentari immediate della popolazione globale in modo sostenibile.

 
Per quanto riguarda le carni alternative, le opzioni a base vegetale hanno fatto notizia negli ultimi anni, suscitando l’interesse dei consumatori alle stelle e attirando attori tradizionali nel settore alimentare, come Nestlé , Burger King e McDonald’s . Di conseguenza, gli investitori hanno versato milioni in startup che sviluppano prodotti a base di carne contraffatta sostenibili e hanno assistito a un aumento delle vendite, in particolare negli Stati Uniti

Dopo il successo delle carni a base vegetale, anche una nicchia di tecnologie di stampa 3D emergenti nel settore della tecnologia alimentare ha generato molto clamore. Con le stampanti alimentari che consentono una dieta personalizzata e pasti alternativi a base di proteine, due aziende emergenti stanno sviluppando la tecnologia per produrre alimenti sintetici per la produzione su larga scala senza la complessità e i costi della carne tradizionale.

 

L’azienda navarrese Cocuus è riuscita a sviluppare cotolette di carne sintetica simili nell’aspetto a quelle che si trovano nelle macellerie e, presumibilmente, non molto diverse nel gusto. Utilizzando la sua tecnologia di stampa 3D, il team si affida a bioinchiostri basati su cellule animali, che possono provenire da parti meno utilizzabili di una mucca o create in un bioreattore. Un recente post sui social media del fondatore e direttore operativo della startup Patxi Larumbe ha rivelato le prime cotolette biostampate in 3D dell’azienda, realizzate con cellule di carne. La cosa migliore è che ha annunciato che la nuova tecnologia potrebbe produrre più di otto chilogrammi (17 libbre) di carne vegetale e cellulare al minuto.

Cocuus è già dietro ad alcuni sviluppi creativi disponibili in commercio, tra cui la stampante a getto d’inchiostro per alimenti Level-Up , che può stampare immagini su schiuma di birra, crema di caffè e pasticcini senza modificarne il gusto. Inoltre, la tecnologia della stampante laser 2D/3D per alimenti Laserglow può tagliare, incidere e scolpire un’ampia varietà di cibi solidi senza alterarne il gusto, il sapore o la consistenza e si muove 100 volte più velocemente della stampa 3D, secondo il produttore. Inoltre, la tecnologia di bioprinting dell’azienda potrebbe diventare uno strumento fondamentale per ridurre l’impatto ambientale dei sistemi di allevamento dei mangimi.

 
Al congresso Food 4 Future di luglio 2021 a Bilbao, i visitatori sono stati tra i primi a vedere dal vivo le costolette di agnello stampate in 3D di Cocuus. Oltre alle costolette, la startup è anche riuscita a produrre pancetta o costolette di agnello allo stesso modo ed è riuscita a replicare il processo per sviluppare filetti di salmone e tonno sintetici. L’azienda navarrese spera di portare la produzione di carne su scala industriale, grazie a una macchina e a una tecnologia robotica presto brevettate in grado di produrre 10 chili di cotoletta sintetica al minuto.

L’hamburger senza carne stampato in 3D di SavorEat. Immagine per gentile concessione di SavorEat.
Per quanto riguarda SavorEat, le cose si stanno muovendo velocemente . La startup israeliana che sviluppa carne a base vegetale utilizzando una combinazione di robot chef, stampa 3D proprietaria e ingredienti non OGM ha concluso con successo i test di degustazione dei consumatori per il suo primo prodotto, l’hamburger senza carne. Con l’intenzione di espandersi a bistecche, kebab e frutti di mare alternativi, SavorEat afferma che le sue alternative alla carne ricreano l’esperienza, il gusto e la consistenza unici del vero affare e sono adattabili a gusti, diete e stili di vita specifici.


Fondata nel 2018, la tecnologia in attesa di brevetto SavorEat si basa sulla ricerca in licenza dalla Hebrew University ‘s Facoltà di Agraria . Chiamata “Robot-Chef”, questa nuova piattaforma combinerà la tecnologia di stampa 3D e un sistema di cottura integrale per consentire la preparazione personalizzata dei sostituti della carne. L’obiettivo è creare alternative alla carne kosher, vegane e prive di glutine da cartucce che contengono ingredienti puramente vegetali combinati con una fibra proprietaria che forma la consistenza. Aziende e istituzioni come food truck, ristoranti, hotel, basi militari, compagnie aeree, navi da crociera e minimarket trarranno vantaggio da questo chef 3D avanzato.

L’imminente tecnologia di stampa 3D brevettata di SavorEat. Immagine per gentile concessione di SavorEat.
Finora, l’azienda ha sviluppato due prototipi, stabilito partnership strategiche con catene di ristoranti non divulgate e ha collaborato con una società leader dell’industria alimentare per sviluppare formulazioni per le sue cartucce, che l’azienda ritiene guiderà la maggior parte delle sue entrate future. Nel dicembre del 2020, SavorEat è diventata la prima azienda di carne vegetale nella Borsa di Tel Aviv (TASE) dopo aver raccolto 42,6 milioni di NIS (13 milioni di dollari) da investitori istituzionali locali nella sua offerta pubblica iniziale (IPO). La commercializzazione della tecnologia e delle formulazioni delle cartucce dovrebbe iniziare nel 2023. Fino ad allora, SavorEat prevede di continuare a sviluppare prodotti potenzialmente commerciabili, tra cui petto di pollo senza carne, alternative di agnello e maiale e frutti di mare finti.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi