YOUTUBER DIGITALIZZA UNA FOTOCAMERA ANALOGICA VECCHIA DI 50 ANNI UTILIZZANDO LA TECNOLOGIA DI STAMPA 3D
 
Lo YouTuber befinitiv ha utilizzato una stampante 3D a basso costo per trasformare una fotocamera analogica di 50 anni in una digitale.

Sostituendo il contenitore della pellicola di un Cosina Hi-Lite DLR vintage con un Raspberry Pi e il suo alloggiamento stampato in 3D, il creatore di contenuti è stato in grado di dare alla sua fotocamera un tocco moderno. Mettendo alla prova la sua creazione digitale, befinitiv ha scoperto che poteva catturare immagini Full HD e registrare video, nonché trasmettere in streaming i suoi video sul suo computer tramite Wi-Fi.

Ha detto: “Può fare tutto ciò che ti aspetti da una fotocamera digitale al giorno d’oggi. Può fare video, può trasmettere video tramite Wi-Fi e può archiviare cose su una scheda SD.Prima che l’elettronica integrata invadesse il mondo, avevamo telecamere analogiche. Questi dispositivi arcaici funzionavano esponendo la pellicola fotografica alla luce, che riproduceva l’immagine davanti all’obiettivo sul materiale della pellicola tramite una reazione chimica con alogenuro d’argento. Il film verrebbe quindi tipicamente sviluppato in una camera oscura e convertito in una stampa a grandezza naturale. Come nel caso di molte tecnologie obsolete, le fotocamere analogiche erano goffe e ingombranti e richiedevano ai fotografi di portare sempre con sé bobine di pellicola.

Avanti veloce fino agli anni ’90: la fotocamera digitale di livello consumer rivoluziona il gioco della fotografia, rendendo più facile che mai immortalare le funzioni familiari e le serate ubriache. In questi giorni, le fotocamere analogiche sono in gran parte considerate pezzi d’antiquariato, che si trovano principalmente nei negozi di beneficenza e nelle camere da letto degli studenti di Belle Arti.

Per digitalizzare la sua fotocamera analogica Cosina, befinitiv ha semplicemente rimosso il contenitore cilindrico della pellicola e lo ha sostituito con un Raspberry Pi Zero. Ha stampato in 3D una cartuccia di alloggiamento per il Pi a forma di bobina di pellicola originale, il che significa che potrebbe letteralmente posizionare la fotocamera Pi nella posizione in cui la pellicola sarebbe normalmente esposta alla luce (proprio dietro l’otturatore della fotocamera). L’involucro stampato in 3D conteneva anche una batteria locale e un convertitore da CC a CC per aumentare la tensione fino a 5 V.

Per sfruttare l’ottica della fotocamera analogica, ha rimosso l’obiettivo fornito con la fotocamera Pi, ottenendo immagini ad altissima risoluzione. Oltre alle immagini Full HD, befinitiv ha catturato un video del paesaggio fuori casa ed è stato persino in grado di trasmettere lo streaming in diretta sul suo laptop, grazie alle capacità Wi-Fi del Pi. Inoltre, il piccolo sensore del Pi significava che la fotocamera presentava anche uno zoom sorprendentemente “folle”, che si comportava essenzialmente come un teleobiettivo.

Conclude: “Dal punto di vista della qualità dell’immagine, sono davvero impressionato. Non ho potuto davvero dire dal video che questo è stato girato con una fotocamera di 50 anni, a me sembra una fotocamera digitale. Nel complesso sono davvero contento di come è andata a finire, in realtà offre alcune immagini interessanti e piacevoli.”
I creatori di contenuti di stampa 3D come befinitiv forniscono una strada accessibile alla popolazione generale per saperne di più sulla produzione additiva e sui suoi vantaggi.  

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi