Perchè così tante aziende della stampa 3d si quotano in Borsa

GLI ANALISTI DEL SETTORE IDENTIFICANO LA FONTE DEL BOOM DEGLI INVESTIMENTI SPAC DA 11 MILIARDI DI DOLLARI NELLA STAMPA 3D

Nell’ultimo anno, il numero di aziende quotate in borsa tramite fusioni con Special Purpose Acquisition Companies (SPAC) anziché con IPO convenzionali è aumentato in modo esponenziale.

Un record di 248 IPO SPAC si sono verificati solo negli Stati Uniti durante il 2020 (2019: 59). I dati di quest’anno hanno già battuto quel record, con 296 SPAC nel primo trimestre del 2021. Gli investimenti in società di stampa 3D hanno rappresentato quasi 11 miliardi di dollari di queste transazioni.

“Con la pandemia, l’importanza della tecnologia è diventata evidente a tutti”, spiega John Howe, professore di finanza presso l’Università del Missouri. “Gli SPAC si rivolgono alle aziende tecnologiche perché sono sexy, nelle notizie e offrono la possibilità di rendimenti molto elevati”.

“Le SPAC hanno anche fornito agli investitori pubblici l’opportunità di generare rendimenti in società tecnologiche potenzialmente dirompenti, che in precedenza erano disponibili per gli investitori VC”, aggiunge Jim Ricchiuti, analista senior di Needham and Co. “Le SPAC si rivolgono alle società di stampa 3D perché offrono il potenziale per una forte crescita futura. “

Per tali aziende di stampa 3D, la fusione con uno SPAC già elencato fornisce loro un mezzo più rapido per diventare pubblico, rispetto a quanto consentito dalle IPO tradizionalmente altamente regolamentate. Le fusioni SPAC sono solitamente seguite da un investimento privato in azioni pubbliche, o “PIPE”, in cui gli investitori possono acquistare azioni della nuova attività a un valore inferiore al valore di mercato, raccogliendo rapidamente capitali.

Utilizzando questi meccanismi PIPE e SPAC, le aziende di stampa 3D sono state effettivamente in grado di trasformare l’interesse del mercato in enormi opportunità di finanziamento negli ultimi mesi. Desktop Metal , all’inizio del trend IPO della SPAC nel dicembre 2020, ha raccolto 575 milioni di dollari tramite una fusione inversa , mentre Rocket Lab , VELO3D , Markforged e Redwire , guadagneranno investimenti per un valore di oltre 1,8 miliardi di dollari tramite accordi simili più avanti nel 2021.

Per scoprire perché le aziende di produzione additiva, in particolare, stanno diventando un obiettivo per le SPAC, l’industria della stampa 3D ha parlato con esperti finanziari di NewCap Partners , Craig Halllum , William Blair , Needham and Co , EDHEC Business School , University of Missouri e AM Ventures , che hanno fornito le loro intuizioni sulla potenziale fonte dell’attuale boom degli investimenti nella stampa 3D.

Azienda Valore post-SPAC previsto Finanziamento previsto raccolto data di completamento
Rocket Lab $ 4,1 miliardi $ 750 milioni Secondo trimestre 2021
Desktop Metal $ 2,5 miliardi (completato) $ 575 milioni (raccolti) Q4 2020
Markforged 2,1 miliardi di dollari $ 425 milioni ‘Estate 2021 ′
VELO3D $ 1,6 miliardi $ 500 milioni Secondo semestre 2021
Redwire $ 615 milioni $ 170 milioni Secondo trimestre 2021
Totale $ 10,9 miliardi 2,4 miliardi di dollari
La stampa 3D è un “terreno fertile” per la crescita

Creata dal fondatore di EOS Hans Langer nel 2017, AM Ventures è una società di VC che si dedica all’identificazione e agli investimenti nelle start-up più promettenti della stampa 3D. Dato che la società ha recentemente lanciato un nuovo fondo da 100 milioni di euro per supportare coloro che sviluppano nuove tecnologie, il suo socio amministratore Arno Held è nella posizione ideale per spiegare perché gli SPAC sono improvvisamente così fiduciosi di un ritorno dagli investimenti nella stampa 3D.

Dal quarto trimestre del 2020, Held afferma di aver assistito a un “aumento molto forte” degli investimenti nella stampa 3D industriale in tutto il settore, che attribuisce alla crescente competitività in termini di costi della tecnologia, nonché ai progressi tecnologici. In particolare, Held evidenzia il potenziale dell’AM all’interno della digitalizzazione, dove è in grado di essere “una tecnologia di interfaccia” che porta “i prodotti progettati digitalmente nel mondo reale”.

“Sia l’IA che la stampa 3D sono un ottimo terreno fertile per start-up in rapida crescita e una grande sfida per le aziende più grandi e più rigide che stanno ancora lottando per trovare il giusto approccio per affrontare queste nuove tecnologie”, ha aggiunto. “Questo apre il potenziale per il consolidamento del mercato e quindi, grandi investimenti in questi campi.”

“LA STAMPA 3D È L’UNICA GRANDE TECNOLOGIA CHE TRASFORMA IDEE E BOZZE VIRTUALI IN PRODOTTI FISICI REALI”.

Sebbene Held riconosca che il settore è attualmente nel bel mezzo di una “fase di grande campagna pubblicitaria”, che porta ad alcune valutazioni IPO SPAC gonfiate, ritiene anche che la stampa 3D conservi un potenziale significativo per un’ulteriore crescita. “Le valutazioni sono attualmente più grandi di qualsiasi altra cosa che abbiamo mai visto nel nostro settore”, ha detto Held.

“Presumo che questa tendenza durerà per un altro anno o due con un leggero raffreddamento alla fine di questo periodo”, ha aggiunto. “Tuttavia, sono pienamente convinto che l’AM si sarà poi affermato come una delle grandi discipline della produzione avanzata e rimarrà una categoria di investimento molto entusiasmante e di successo, con un potenziale di crescita molto più elevato rispetto ad altre tecnologie di produzione per i prossimi decenni. “

Effetto palla di neve di Desktop Metal

Brian Drab, un analista con quindici anni di esperienza nel settore finanziario delle società di tecnologia industriale per la società di consulenza William Blair, ritiene che l’interesse per la stampa 3D sia stato guidato dalla decisione di Desktop Metal di diventare pubblica lo scorso anno. Per Drab, la mossa ha dimostrato che si potevano generare finanziamenti sostanziali tramite IPO SPAC e ha aumentato la consapevolezza delle tecnologie di binder jetting tra gli investitori principali.

“Credo che la transazione SPAC di Desktop Metal e il successivo status pubblico abbiano sollevato il profilo del settore”, ha affermato Drab. “Desktop Metal ha affermato che la tecnologia dell’azienda renderà finalmente la stampa 3D fattibile per la produzione su larga scala, cosa che ha attirato l’attenzione di molti. Ha anche spinto altre società private a esplorare la raccolta di capitali e diventare pubbliche “.

Tuttavia, mentre Drab vede “molte promesse” nelle nuove tecnologie di stampa 3D attualmente in fase di sviluppo, non crede che le SPAC stiano cercando specificamente aziende correlate per l’acquisizione. In effetti, secondo Drab, le SPAC tendono a prendere di mira le aziende che lavorano in settori familiari e detengono il potenziale per ottenere una crescita dei ricavi a lungo termine.

“Non so che gli SPAC si rivolgono specificamente alle aziende di stampa 3D più di quelle di altri settori”, ha aggiunto Drab. “I manager di SPAC tendono a cercare aziende in linea con la loro esperienza, il che dovrebbe consentire loro di aggiungere un certo valore all’azienda e alla transazione, ma più di ogni altra cosa, credo che stiano semplicemente cercando aziende con solide prospettive di crescita a lungo termine. “

Dayton Horvath, direttore della società di investimento NewCap Partners, afferma che la stampa 3D ha diverse “aziende in fase di crescita promettenti”, rendendo le recenti IPO di SPAC una “situazione vantaggiosa per tutti”. Nonostante ciò, Horvath ei suoi colleghi di NewCap consigliano cautela quando si seguono le tendenze di investimento, dato che l’interesse per le tecnologie è aumentato e diminuito durante la metà degli anni 2010.

“I mercati pubblici sono pignoli e valutano i risultati a breve termine, il che li rende difficili da prevedere per i settori in crescita a lungo termine come la stampa 3D”, ha spiegato Horvath. “La stampa 3D è una tecnologia straordinaria con un futuro molto luminoso, sebbene la curva di adozione sia più lenta rispetto a SaaS e società di software aziendali, dati i rigori ingegneristici non solo sul processo di stampa 3D, ma il processo di qualificazione su parti di alto valore”.

“ABBIAMO VISTO I TITOLI DI STAMPA 3D RACCOGLIERE UNA DOMANDA ELEVATA COME NEL 2014, SOLO PER CADERE IN DISGRAZIA MAN MANO CHE LA CURVA DI ADOZIONE SI SVOLGE”.

È interessante notare che Horvath considera anche la stampa multimateriale e le tecnologie gemelle di parti digitali come aree promettenti che potrebbero aiutare le aziende a diversificare le loro catene di approvvigionamento in futuro. Data la recente interruzione causata dalla pandemia, il problema è diventato una priorità per molti produttori e questo potrebbe creare un’opportunità per le aziende di stampa 3D di ottenere una fetta più ampia di quella che in definitiva è un’industria globale da 12 trilioni di dollari.

“Gli investitori sono sempre alla ricerca di miglioramenti di ordini di grandezza in termini di prestazioni, velocità o costi”, ha aggiunto Horvath. “COVID ci ha insegnato che abbiamo bisogno di catene di fornitura agili e solo attraverso la stampa 3D e il relativo software possiamo spostare rapidamente la produzione di parti finite o creare gli strumenti necessari, per rendere le nostre catene di fornitura sufficientemente agili da rispondere alle esigenze del mercato”.

Boom basato sulla “redditività”

Da quando è entrato a far parte della società di gestione patrimoniale Needham & Company da Lehman Brothers nel 1999, Jim Ricchiuti è diventato analista senior, dove si occupa di aziende tecnologiche, di imaging ed elettronica. Dal suo punto di vista informato, Ricchiuti ritiene che le SPAC stiano esplodendo perché forniscono alle aziende di stampa 3D un mezzo più sicuro per raggiungere la flottazione del mercato, rispetto a quanto consentito dalle IPO convenzionali.

“Le SPAC sono emerse come un’alternativa IPO per le aziende private in fase avanzata, perché offrono più certezza e controllo nel processo di diventare pubbliche”, ha detto Ricchiuti. “Ma per alcuni aspetti, gli SPAC si rivolgono alle aziende di stampa 3D nello stesso modo in cui prendono di mira i veicoli elettrici, le tecnologie delle batterie, l’automazione delle scommesse sportive”.

Sebbene Ricchiuti affermi che c’è “meno comprensione” tra gli investitori del potenziale dell’elettronica stampata in 3D, vede anche il recente boom SPAC del settore come un riflesso del progresso della tecnologia nelle applicazioni per uso finale. In effetti, secondo Ricchiuti, ora c’è una maggiore attenzione da parte degli investitori sulle società che sono “nella posizione migliore per beneficiare della transizione verso parti di uso finale di livello industriale”.

“C’è una crescente consapevolezza che la tecnologia di produzione additiva di polimeri e metalli sta avanzando oltre le applicazioni di prototipazione legacy che hanno supportato la crescita del settore negli ultimi 25 anni”, ha aggiunto Ricchiuti. “Le nuove macchine di livello industriale stanno affrontando ciò che gli investitori ritengono sarà la maggiore adozione di queste tecnologie nella maggior parte, se non in tutte, le industrie manifatturiere”.

L’industria della stampa 3D ha anche parlato con Greg Palm, analista di ricerca senior presso la società di investment banking Craig Hallum, che spesso copre i dati finanziari delle società di più alto profilo del settore. Come un numero crescente di analisti finanziari, Palm vede un futuro radioso per le azioni di molte aziende di stampa 3D, dati i vantaggi in termini di design e costi che stanno iniziando a fornire ai produttori di grandi volumi.

“L’AM è davvero una tecnologia abilitante, che può portare a un approvvigionamento più rapido delle parti e a costi inferiori (in base all’applicazione specifica) e persino a geometrie completamente nuove”, ha affermato Palm. “Questo è il motivo per cui vale la pena guardare alcune delle nuove tecnologie e aiuteranno il progresso del settore dalla prototipazione e dal basso volume alla produzione di massa”.

L’interesse degli investitori, secondo Palm, ha effettivamente “sostenuto” molte aziende di stampa 3D durante quello che è stato un difficile periodo finanziario post-pandemia, e vede le SPAC come una forma di “trarre vantaggio da questo ambiente”. Detto questo, Palm ritiene che le SPAC continueranno a prendere di mira le aziende AM che si stanno muovendo in avanti, grazie al potenziale delle loro tecnologie come abilitatori della produzione localizzata.

“Negli ultimi mesi, l’interesse degli investitori si è accelerato per le tecnologie dirompenti e ad alta crescita e alcune SPAC si sono rivolte specificamente alle aziende di stampa 3D”, ha spiegato Palm. “Inoltre, sembra esserci un ulteriore entusiasmo per le nuove tecnologie e le potenziali opportunità legate al reshoring della catena di approvvigionamento, che potrebbero beneficiare direttamente le aziende di produzione additiva”.

Gli accademici emettono caute prospettive per lo SPAC

Infine, Milos Vulanovic e John Howe, professori di finanza della EDHEC Business School e dell’Università del Missouri, hanno valutato l’argomento da un punto di vista più accademico. Secondo Howe, le start-up tecnologiche hanno “generato milionari” lasciando gli investitori desiderosi di individuare il prossimo unicorno, ma lo scarso rendimento delle azioni SPAC potrebbe alla fine portare molti a perdere interesse a lungo termine.

“Penso che molte acquisizioni SPAC avranno meno successo (ad esempio, perché SPAC ha pagato troppo per l’azienda target)”, ha affermato Howe. “A sua volta, una scarsa performance scoraggerà gli investitori. Inoltre, le persone che sono state bloccate hanno iniziato a fare trading come un hobby o una distrazione. Con i paesi che si stanno aprendo, ce ne sarà di meno “.

Al contrario, Vulanovic ritiene che una combinazione di tassi di interesse bassi record e il potenziale della stampa 3D “di avere un impatto sul nostro modo di vivere” porterà le migliori SPAC a crescere di valore, quindi come le aziende di altri settori, il loro successo varierà da azienda a azienda.

“Questo può dipendere da molti fattori, ma se l’industria della stampa 3D si marca con prodotti di qualità, possiamo aspettarci un aumento delle valutazioni per le migliori aziende del settore”, ha affermato Vulanovic. “Non sarei sorpreso di vedere anche una serie di guasti, simili a quelli osservati nel settore dell’energia solare un decennio fa.”


SPAC di stampa 3D, qui per restare?

Come Howe, gli analisti dell’Harvard Business Review hanno recentemente concluso che la “bolla SPAC” è pronta a scoppiare e alcuni dati del settore hanno persino messo in dubbio la loro longevità. Yoav Stern, ad esempio, CEO di Nano Dimension , assetato di denaro e affamato di acquisizioni , ha criticato quello che descrive come uno “tsunami SPAC”, per aver indotto le aziende a essere in “la-la-land” quando si tratta delle loro valutazioni.

Tuttavia, valutare il successo e la longevità delle IPO SPAC della stampa 3D è attualmente molto difficile, poiché di tutte le fusioni inverse annunciate di recente, solo Desktop Metal ha concluso l’accordo ed è diventato pubblico finora. Mentre le azioni della società hanno raggiunto livelli di $ 33,50 a febbraio, da allora sono tornate a $ 14, indicando potenzialmente che l’interesse degli investitori sta iniziando a diminuire.

Come evidenziato da Vulanovic, mantenere l’interesse degli investitori per la stampa 3D sarà vitale per la continua redditività delle IPO di SPAC e questa tendenza dovrebbe diventare più chiara man mano che altri accordi verranno conclusi più tardi nel 2021. È interessante notare che l’IPO di Desktop Metal ha causato quote nei suoi concorrenti voxeljet ed ExOne aumenteranno quest’anno, aumentando la prospettiva che gli accordi di Markforged e VELO3D possano avere un impatto simile in futuro.

In ogni caso, indipendentemente dal fatto che le IPO SPAC della stampa 3D siano di lunga durata o meno, gli analisti concordano sul fatto che attualmente forniscono alle aziende un mezzo eccellente per raccogliere capitali e alimentare la loro ulteriore crescita. Inoltre, la fiducia dimostrata dagli investitori nella tecnologia riflette la sua recente progressione dalle prime applicazioni di prototipazione alla produzione finale su larga scala.

Be the first to comment on "Perchè così tante aziende della stampa 3d si quotano in Borsa"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi