Piastrelle eco-ingegnerizzate stampate in 3d per aumentare la biodiversità nelle pareti marine

LE PIASTRELLE STAMPATE IN 3D AUMENTANO LA BIODIVERSITÀ SULLE PARETI MARINE
QUANDO IL LITORALE MARINO NATURALE DELL’OCEANO VIENE SOSTITUITO DA UNA DIGA ARTIFICIALE, IL PREZIOSO HABITAT DI MAREA DELLE CREATURE COSTIERE VIENE PERSO. UNA NUOVA RICERCA, TUTTAVIA, MOSTRA CHE POSIZIONARE PIASTRELLE SPECIALI SUI MURI DI CEMENTO AIUTA A CREARE UN HABITAT ALTERNATIVO.

Le piccole creature marine che vivono nella zona intercotidale tendono ad apprezzare angoli appartati dove possono trovare un punto d’appoggio sicuro, nascondersi dai predatori e ripararsi dal sole con la bassa marea. Sfortunatamente, le pareti delle strutture offshore sono solitamente superfici piane, sterili e verticali in calcestruzzo, prive di tale capacità.

Un team internazionale di ricercatori ha recentemente condotto una serie di esperimenti posizionando piastrelle di cemento stampate in 3D su queste pareti con una trama speciale che può essere utilizzata dalla vita marina. Le piastrelle sono state attaccate nel corso dell’anno ai muri del porto in 14 località in tutto il mondo, tra cui Hong Kong, Sydney, San Francisco e Londra.

In un successivo confronto con piastrelle completamente piane, che sono state anche srotolate per confronto, è stato riscontrato che le piastrelle con crepe contenevano dal 19 al 51% in più di specie e dal 59 al 416% in più di animali. Non sorprende che la maggior parte delle creature come conchiglie, lumache e piattini preferissero stabilirsi sul fondo delle piastrelle testurizzate, dove erano più protette.

L’efficacia delle piastrelle aumentava anche quando venivano seminate con le ostriche prima di essere posizionate sui muri. Non solo le ostriche stesse continuarono a crescere bene durante il periodo di prova, ma servirono anche come cibo per i predatori e la superficie rugosa dei loro gusci fornì un habitat per organismi più piccoli.

Be the first to comment on "Piastrelle eco-ingegnerizzate stampate in 3d per aumentare la biodiversità nelle pareti marine"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi