Porsche sta già offrendo il suo concetto di sedili parzialmente stampati in 3D
 
Nel marzo 2020 , la casa automobilistica tedesca Porsche ha annunciato che avrebbe iniziato a testare un nuovo concetto di produzione: sedili avvolgenti bodyform parzialmente stampati in 3D. Ora, sembra che la traiettoria dalla fase di test alla fase di produzione sarà di poco meno di due anni, poiché Porsche sta ora annunciando il lancio delle vendite di questo prodotto. Sarà offerto ai clienti su richiesta sul sito Porsche Tequipment per i modelli Boxster, Cayman e 911. Inoltre, a partire dall’inizio del prossimo anno, l’azienda presenterà il suo nuovo design a un pubblico più ampio, poiché prevede di aggiungere i sedili stampati in 3D come caratteristica standard su Porsche Exclusive Manufaktur , il programma di personalizzazione del marchio, nel febbraio 2022, a quel punto sarà entrerà a far parte anche dellaPorsche Car Configurator.

 
“I sedili adattati ai singoli piloti sono disponibili da molto tempo nel motorsport professionale. Ora Porsche offre anche una personalizzazione approvata per la strada con diversi gradi di rigidità di serie”, osserva il pilota automobilistico tedesco Lars Kern, uno dei tanti clienti scelti da Porsche negli ultimi due anni, in varie fiere automobilistiche, come collaudatore. “Durante i test drive iniziali sono rimasto impressionato dall’ergonomia: la posizione del sedile leggermente più bassa e il supporto per le cosce migliorato sono simili a quelli che si ottengono da un sedile in un’auto da corsa. Anche la ventilazione passiva è impressionante.”
Una delle tre scelte di colore offerte da Porsche per i suoi sedili avvolgenti bodyform parzialmente stampati in 3D. Immagine per gentile concessione di Porsche.
Parti del cuscino e dello schienale sono stampate in 3D da una combinazione di materiali a base di poliuretano. Uno dei vantaggi di questo è che le parti realizzate con AM sono disponibili in tre diversi gradi di rigidità tra cui i clienti possono scegliere. Vengono quindi agganciati insieme al resto del sedile, il che, osserva l’azienda, si traduce in un prodotto che non genera nessuna delle emissioni associate agli adesivi utilizzati nella produzione automobilistica convenzionale. Inoltre, i sedili stampati in 3D sono oltre l’8% più leggeri rispetto alle loro controparti prodotte in modo convenzionale.

Il sedile avvolgente Bodyform stampato in 3D Porsche è mostrato nei suoi quattro componenti principali. Immagine per gentile concessione di Porsche.
L’approccio che Porsche ha adottato qui per testare il suo concetto è particolarmente importante a cui prestare attenzione. È abbastanza degno di nota guardare il comunicato stampa di un’azienda, ad esempio, e vedere una citazione di un cliente reale piuttosto che un CEO o un ingegnere. Questo è un vantaggio che hanno le case automobilistiche: ottenere feedback tempestivi direttamente dai consumatori effettivi del loro marchio. Da un lato, questo aiuta molto dal punto di vista dell’integrazione rapida e continua delle risposte dei clienti nel processo di ricerca e sviluppo.

Inoltre, poiché il fattore della fedeltà alla marca è importante per i produttori di veicoli di lusso più, forse, di quanto non lo sia per qualsiasi altro settore, il feedback raccolto da questo tipo di ricerca può essere considerato un indicatore più affidabile dei risultati aziendali reali e futuri. che in altri contesti. In altre parole, se piace alle persone che hanno testato il prodotto, come in questo caso, puoi aspettarti che i clienti reali rispondano allo stesso modo. Pertanto, la strategia del focus group particolarmente intelligente di Porsche può essere in gran parte responsabile del suo rapido passaggio dalla concettualizzazione all’esecuzione di questo progetto.

In generale, le case automobilistiche tedesche sembrano essere all’avanguardia quando si tratta di inserire l’AM nei loro piani di produzione di massa. Ad esempio, i conducenti della BMW Mini sono stati in grado di personalizzare aspetti dei loro sedili dal 2018 grazie a funzionalità progettate e realizzate con la tecnologia di stampa 3D. Allo stesso modo, Volkswagen ha annunciato all’inizio del 2021 che entro il 2025 prevede di stampare in 3D 100.000 parti all’anno. Quindi, mentre gli Stati Uniti e la Cina sembrano raddoppiare ripetutamente l’applicazione dell’AM all’aerospazio e alla difesa, la Germania sembra assumere la guida delle innovazioni per il mercato diretto al consumatore. Se il passato dell’industrializzazione è un’indicazione del suo futuro, questa potrebbe rivelarsi una mossa intelligente a lungo termine.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi