Una nuova ricerca stabilisce il concetto di un fattore di ‘idoneità AM’ per la selezione della polvere metallica Utilizzando il reometro per polveri FT4® per rispondere alla domanda ‘Posso stampare con questa polvere?’ 

Documenti pubblicati di recente1,2 evidenziano la possibilità di utilizzare proprietà multiple misurabili con il reometro FT4 Powder Rheometer® di Freeman Technology, una società di micrometrica, per quantificare un fattore di idoneità alla produzione additiva (AMS) in grado di classificare la stampabilità di polveri metalliche nella fusione laser a letto di polvere (LPBF). Rispondere alla domanda “Posso stampare con questo?” è fondamentale per coloro che lavorano con i processi AM popolari come LPBF, ma può essere sorprendentemente difficile. L’approccio del fattore AMS è semplice, efficace ed efficiente. Combina le proprietà dinamiche, di taglio e di polvere misurate con l’FT4 in un’unica metrica per differenziare sensibilmente la stampabilità in un modo che i tester per polveri convenzionali non possono. Questo prezioso approccio è riassunto in una nuova nota applicativa che è disponibile gratuitamente per il download.

Le polveri AM, in fase di sviluppo o forniture commerciali alternative, vengono spesso valutate tramite prove di stampa a causa della difficoltà di stabilire una specifica pertinente. Questo è dispendioso in termini di tempo, inefficiente e potenzialmente costoso. Ricercatori presso l’Ecole de Technologie Superieure (Montreal, Canada) 1ha rilevato la rilevanza di più proprietà FT4 e le ha combinate in un’unica metrica, l’AMS, per classificare la processabilità delle polveri Ti-6Al-4V. I valori AMS risultanti sono stati quindi correlati con successo alle prestazioni di stampa. Al contrario, le tradizionali tecniche di prova delle polveri, come il flusso attraverso un orifizio e i metodi di densità spillata, si sono rivelate incapaci di fornire una differenziazione sensibile e pertinente. Basandosi su questo concetto, un secondo gruppo, una collaborazione industriale, ha utilizzato un fattore AMS modificato per valutare con successo la processabilità delle polveri per la lega in situ in un processo LPBF 2 .

“Molti nella comunità AM, dai fornitori di polvere e macchine agli utenti finali, vorrebbero poter testare in modo affidabile una polvere per la stampabilità”, ha affermato Jamie Clayton, Direttore delle operazioni, Freeman Technology. “Un lavoro come questo dimostra progressi verso questo obiettivo, emergendo consenso sulla necessità di misurare più parametri e il valore delle proprietà dinamiche del flusso. Siamo lieti che l’FT4 possa classificare con successo le prestazioni di stampa. Per noi il test delle polveri è tutto incentrato sul miglioramento dell’efficienza del processo e delle prestazioni del prodotto e questo è un ottimo esempio di come farlo”.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi