Prellis Biologics raccoglie 8,7 milioni di dollari dopo i primo trapianto riuscito su animali di tessuto stampato in 3d

PRELLIS BIOLOGICS RACCOGLIE $ 8.7 MILIONI A SEGUITO DEL PRIMO TRAPIANTO DI ANIMALI DI TESSUTO STAMPATO IN 3D

La società di biotecnologie di San Francisco Prellis Biologics ha raccolto con successo $ 8,7 milioni per far avanzare la sua piattaforma di bioprinting 3D olografica. Un investimento di serie A guidato dalla società specializzata in capitale tecnologico Khosla Ventures , al round si sono uniti i collaboratori di seme True Ventures e Indie Bio .

La raccolta fondi di successo segue una serie di sviluppi presso l’azienda tra cui, più recentemente, la sperimentazione preclinica di cellule bioprintate 3D all’interno di un modello animale vivente. Stabilendo obiettivi ambiziosi sulla creazione di modelli di organi completi e trapiantabili, il Dr. Alex Morgan, preside di Khosla Ventures, afferma: “La tecnologia ottica di Prellis fornisce le impalcature necessarie per progettare queste grandi masse di tessuti”.

“CON IL NOSTRO INVESTIMENTO IN PRELLIS STIAMO SOSTENENDO UN’INIZIATIVA CHE ALLA FINE PRODURRÀ UN LOBO FUNZIONANTE DEL POLMONE, O ADDIRITTURA UN RENE, DA UTILIZZARE PER AFFRONTARE UN ENORME BISOGNO INSODDISFATTO GLOBALE.”

Il viaggio verso i tessuti vascolari artificiali vitali

Prellis Biologics è stata fondata nel 2016 ed è lo sviluppatore di un metodo di bioprinting basato sul laser noto come stampa 3D olografica. Questo metodo è in grado di produrre funzionalità di dimensioni inferiori a 0,5 micron. Le alte velocità sono anche mirate a prevenire il deterioramento delle cellule vive all’interno della matrice del materiale. A livello di base, la tecnologia è in grado di polimerizzare un liquido in un solido entro 5 millisecondi dall’esposizione alla luce.

Gli attuali obiettivi di Prellis sono di sviluppare la stampa 3D olografica fino a uno stadio in cui possa fabbricare rapidamente e con precisione tessuti vascolari per organi. In uno degli annunci più recenti dell’azienda, la dott.ssa Melanie Matheu, co-fondatrice e CEO dell’azienda, ha spiegato che “l’obiettivo finale” è la stampa 3D “l’intero sistema vascolare di un rene in 12 ore o meno “.


In un rudimentale passo verso questo ambizioso obiettivo, la società ha finora lanciato il suo prodotto Vascolare per tessuti vascolari. Gli spazi vuoti dei tessuti vascolari sono essenzialmente impalcature utilizzate per la coltura di cellule vive. Recentemente, i tessuti vascolari realizzati con questi scaffold sono stati trapiantati per la prima volta in un modello di animale vivo presso la Stanford University. Solo 200,00 cellule, rispetto a 2 milioni e più per studi tipici sul tumore, hanno dimostrato di essere in grado di ottenere il pieno trapianto e vascolarizzazione del tumore. “Una svolta come questa apre le porte allo studio di tumori umani rari e complesse reazioni del sistema immunitario umano”, spiega il Dott. Matheu. “Ha il potenziale per ridurre significativamente l’uso complessivo di animali e accelerare gli sforzi di scoperta di droghe”.

Portfolio di stampa 3D di Khosla

Khosla Ventures, il fondo di investimento di capitale del miliardario indiano Indiano Vinod Khosla, è interessato alle società in fase iniziale nei settori dell’alta tecnologia. Pertanto, la società ha contribuito al finanziamento di numerose altre società collegate alla stampa 3D. Alla fine del 2018, la società ha investito nel round di finanziamento della serie E da 140 milioni di dollari per il produttore aerospaziale privato statunitense Rocket Lab . In precedenza, lo specialista di compositi stampati 3D AREVO ha beneficiato del suo sostegno in un round di finanziamento da $ 12,5 milioni con altre due parti. In passato il fondo ha anche investito in Digital Alloys, sviluppatore di stampanti 3D in metallo .

“Khosla Ventures è l’investitore perfetto per supportare la nostra fusione tra tecnologia profonda e medicina rigenerativa all’avanguardia”, commenta il dott. Matheu.

“CON QUESTA TECNOLOGIA IN MANO, POSSIAMO INIZIARE A PORRE DOMANDE SULLA VERA BIOLOGIA CELLULARE 3D CHE NON SONO MAI STATE POSTE PRIMA.”

Be the first to comment on "Prellis Biologics raccoglie 8,7 milioni di dollari dopo i primo trapianto riuscito su animali di tessuto stampato in 3d"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi