Quanto sono pericolose le resine nella stampa 3d ?

Quanto sono sicure le resine per la stampa 3D?

L’estrusione di materiali come la modellazione a deposizione fusa (FDM) è la tecnologia di stampa 3D polimerica più popolare , ma le resine stanno risuonando tra i consumatori. Le tecniche basate sulla resina, come la stereolitografia (SLA), apparivano solo in laboratori odontotecnici, dipartimenti di ingegneria e strutture di produzione grazie al loro costo più elevato. Ora che queste macchine sono più convenienti , gli utenti più occasionali stanno prendendo in considerazione lo SLA, sollevando dubbi sulla loro sicurezza.

A differenza dell’FDM, le stampanti a resina utilizzano liquidi fotosensibili per stampare, indurendo questi materiali con la luce UV. Sebbene queste resine liquide possano creare stampe altamente dettagliate, possono presentare più potenziali rischi per la salute rispetto ai filamenti. Questa tossicità può spaventare alcuni utenti, ma la stampa su resina può essere potenzialmente sicura se segui i passaggi giusti.

Quali potenziali rischi comportano le resine?
La parola “tossico” può essere spaventosa, ma secondo le definizioni create dall’amministrazione per la sicurezza e la salute sul lavoro, qualsiasi sostanza sospettata di causare lesioni o malattie in determinate condizioni è “tossica”. In base a tale definizione, molti materiali di uso quotidiano sono potenzialmente tossici, inclusi alcuni profumi e schiume per materassi. Quindi, quali sono i rischi specifici con le resine da stampa?

Il rischio principale con le resine fotopolimeriche è che possono irritare la pelle se vengono a contatto con essa. In alcuni casi, il contatto con la resina sulla pelle nuda può provocare ustioni e vesciche, che potrebbero richiedere cure mediche. Se questi materiali toccano gli occhi, potrebbero causare danni permanenti.

Molte resine sono sensibilizzanti, il che significa che un’esposizione prolungata può causare una lieve reazione allergica. Le sostanze chimiche che compongono la maggior parte delle resine sono irritanti, che causano dermatiti, un’infiammazione della pelle del corpo che respinge materiale estraneo. Anche la tua pelle assorbe rapidamente queste sostanze chimiche, quindi se ne prendi abbastanza, può portare a reazioni più gravi.

Un altro problema di salute con le resine per la stampa 3D è la contaminazione dell’aria. La resina emette fumi, compromettendo potenzialmente la qualità dell’aria interna (IQA). Uno scarso IQA può provocare affaticamento e mal di testa o reazioni più gravi come problemi respiratori. Queste reazioni provengono da composti organici volatili (COV) e altre piccole particelle, che provocano una risposta infiammatoria dal sistema respiratorio, portando a gonfiore o aumento della sensibilità.

Gli effetti a lungo termine derivanti dal lavoro con le resine sono rari ma non inauditi. Se lavori intorno a questi fumi per lunghi periodi, potresti causare problemi duraturi al tuo sistema respiratorio. Alcuni dei VOC emessi dalle resine sono sospetti cancerogeni, quindi c’è la possibilità che possano causare il cancro dopo un’esposizione prolungata. Allo stesso modo, il contatto fisico continuato può portare ad allergie.

Standard e linee guida del produttore
Il lato positivo è che la maggior parte delle resine che puoi trovare sul mercato non rappresenterà un rischio sostanziale. Le aziende che producono questi materiali devono soddisfare gli standard governativi e possono conformarsi anche a normative aggiuntive come la ISO 9001 . Queste linee guida garantiscono che le sostanze chimiche prodotte da queste aziende siano minimamente dannose. Tuttavia, alcune sostanze chimiche come i fumi dell’asfalto e le fibre minerali sintetiche utilizzate nella vetroresina, sono ancora utilizzate prevalentemente e oltre mezzo milione di lavoratori sono stati esposti.

I produttori di resina in genere forniscono anche una scheda di dati sulla sicurezza dei materiali (MSDS) che delinea ogni possibile problema di salute e sicurezza, come ustioni corneali dovute alla sovraesposizione degli occhi o nausea e vomito per ingestione. Se la tua resina non è stata fornita con uno, puoi chiedere al produttore e te lo daranno. Questi documenti forniscono le risorse necessarie per restare al sicuro durante l’utilizzo di questi materiali.

Dovresti sempre cercare informazioni sull’allergia in una scheda di sicurezza, poiché alcune persone hanno reazioni allergiche al contatto con le resine o alla respirazione dei fumi. Di conseguenza, alcune resine potrebbero essere più pericolose per alcuni utenti rispetto ad altri. Se non sai se hai allergie materiali, agisci come se lo facessi e gestisci tutto con cautela.

Passaggi per garantire la sicurezza della stampa in resina
Diverse autorità hanno condotto studi sulla sicurezza della stampa in resina 3D. Tutti hanno scoperto che le emissioni a lungo termine dalla stampa sono per lo più trascurabili , anche se se non si seguono le precauzioni adeguate, ci sono dei rischi. Poiché gli studi hanno trovato tracce di materiali pericolosi negli ambienti di stampa in resina, è necessario seguire le linee guida di sicurezza.

Le resine per la stampa 3D potrebbero non essere così pericolose come sembrano a prima vista, ma dovresti comunque prendere precauzioni con loro. Ricordati soprattutto di evitare il contatto diretto con la resina liquida con qualsiasi parte del tuo corpo. Dovresti sempre indossare occhiali protettivi e guanti in nitrile o lattice per assicurarti che nulla entri in contatto con gli occhi o le mani.

Dovresti anche assicurarti che il tuo spazio di lavoro sia ben ventilato in modo da non respirare i fumi. La ventilazione è una considerazione fondamentale con qualsiasi stampante 3D , ma soprattutto per le stampanti in resina. Lavorare sotto una cappa di ventilazione è l’opzione migliore, ma se non è pratico o conveniente, puoi lavorare vicino a una finestra aperta con un ventilatore.

Prima ancora di aprire un contenitore di resina, leggere la scheda di sicurezza del produttore. Se ci sono considerazioni speciali per quel particolare materiale, le troverai lì. Infine, non gettare la resina rimanente versandola nello scarico, che potrebbe danneggiare l’ambiente. Assorbilo con un materiale consigliato dal produttore o polimerizzalo con luce UV finché non si indurisce.

La stampa su resina è sicura se si seguono le precauzioni appropriate
Quando saprai quali rischi presentano le resine, saprai come prenderti cura di loro. Sebbene le resine per la stampa 3D siano tossiche, non devi preoccuparti di loro se segui queste procedure di sicurezza. Con le giuste precauzioni, non c’è motivo di evitare la stampa su resina.

Be the first to comment on "Quanto sono pericolose le resine nella stampa 3d ?"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi