Tempi di stampa 3D in resina: più lunghi di quanto pensi 

Qual è il tuo tempo di stampa? Se stai usando una stampante 3D in resina, è più lunga di quanto pensi.

La velocità è stata a lungo il bugaboo della stampa 3D, semplicemente perché praticamente tutti i processi di stampa 3D sono piuttosto lenti per produrre oggetti. L’unica eccezione sono i sistemi di stampa 3D volumetrici in arrivo , ma questa è un’altra storia.

 
I produttori di stampanti 3D hanno affrontato questo problema in due modi: velocizzando il processo di stampa e ottimizzando l’intero processo produttivo.

Per velocizzare le stampanti 3D FFF, i produttori di dispositivi hanno aumentato la qualità dei componenti, utilizzato schede controller più veloci, zone calde allungate e altre tecniche per eliminare il materiale termoplastico ammorbidito il più rapidamente possibile.

Per velocizzare le stampanti 3D in resina, molti produttori di dispositivi si sono rivolti a pannelli LCD monocromatici, che consentono la trasmissione di molta più energia per pixel rispetto ai normali pannelli LCD con filtro colore RGB originariamente utilizzati. Ciò riduce il tempo per strato a solo uno o due secondi in alcuni casi. Altri produttori hanno ridotto o eliminato i passaggi di “sbucciatura e riposizionamento” sviluppando processi di stampa 3D continui, come il DLS di Carbon.

Per velocizzare le stampanti 3D in metallo, i produttori di dispositivi hanno installato più laser nelle loro apparecchiature per consentire alla fusione degli strati di funzionare in parallelo, aumentando la velocità di stampa complessiva.


 
Sono tutti fantastici, ma quando utilizzo una stampante 3D in resina, accelerare il tempo di stratificazione è l’ultima delle mie preoccupazioni. Diamo un’occhiata al mio flusso di lavoro, il tuo potrebbe essere leggermente diverso:

(0:15-1:00h) Imposta il lavoro di stampa di solito con noiose configurazioni di supporto manuale
(0:01-0:05h) Trasferisci il lavoro di stampa alla stampante e avvia il lavoro
(1:00-5:00h) Attendere il completamento della stampa
(0:05-0:05h) Trova e indossa i DPI; impostare l’area di lavoro per la rimozione della stampa
(0:05-0:15h) Estrai la stampa dalla lastra senza fare troppo casino
(0:05-0:30h) Lavaggio di stampa “sporco” di base
(0:05-0:10h) Lavaggio finale di stampa “pulito”.
(2:00-4:00h) Immersione lunga per rimuovere tutti gli odori
(0:30-1:00h) Asciugatura della stampa prima della polimerizzazione UV
(0:05-0:30h) Rimozione manuale delle strutture di supporto e pulizia delle parti
(0:05-0:15h) Pulisci lo spazio di lavoro e gli strumenti
(0:05-0:20h) Polimerizzazione UV
Ancora una volta, questa è la mia esperienza, il tuo flusso di lavoro potrebbe essere leggermente diverso e modelli particolari potrebbero cambiare le cose in modo significativo. Ma la cosa importante da notare è che mentre il passaggio di “stampa” è solitamente il più lungo, ci sono anche un sacco di altri passaggi che devono essere eseguiti, molti più passaggi di quelli che vengono eseguiti con le stampe 3D FFF.

Nella mia stima approssimativa di cui sopra, sembrerebbe che dall’inizio alla fine e avendo la stampa completata in mano, il mio tempo minimo sarà di almeno quattro ore, anche per la stampa più semplice possibile. In casi più tipici potrei impiegare più di dodici ore.

Il tempo di stampa effettivo non è la maggior parte dello sforzo di lavoro qui. Sono davvero tutte le altre cose che devi fare. Una volta premuto “stampa”, ti stai impegnando a eseguire tutti gli altri passaggi o alcune variazioni di essi. Ciò non include nemmeno le attività periodiche, come la pulizia dei liquidi di lavaggio o la sostituzione delle bottiglie di resina.

Ecco il punto: i produttori di stampanti 3D in resina hanno speso notevoli sforzi per accelerare il processo di stampa, ma molto meno sforzi per semplificare alcuni dei passaggi rimanenti.

A volte vedo sviluppi in quell’area. Uno, ad esempio, è che la macchina Wash & Cure di Anycubic ha un cestello che si adatta perfettamente alla piastra di costruzione di una delle loro macchine. Puoi semplicemente inserire l’intera lastra e lavarla, accorciando il flusso di lavoro e mantenendo la lastra pulita. Ma a parte questo sembra esserci poco interesse per l'”altra” parte del lavoro richiesta per la stampa 3D in resina.


Se un produttore di stampanti 3D in resina dovesse attaccare quella parte del flusso di lavoro, probabilmente vedremmo riprogettazioni nella stampante 3D e nell’attrezzatura della stazione di lavaggio. Ciò è stato fatto in alcune stampanti 3D industriali, dove aziende come Additive Industries riconoscono i diversi passaggi necessari per eseguire la stampa 3D in metallo e hanno costruito una macchina con più fasi per gestirle, semplificando notevolmente il flusso di lavoro.

I produttori di stampanti 3D in resina potrebbero rivolgere la loro attenzione a questo aspetto delle operazioni? Le macchine sono già molto veloci, ma dobbiamo velocizzare il resto del lavoro. Ciò potrebbe portare a un aumento delle vendite a coloro che sono preoccupati per tutto lo sforzo richiesto per la stampa 3D in resina.

La stampa 3D in resina può produrre stampe di qualità davvero eccezionale, ma onestamente, è davvero una seccatura fare tutto il lavoro. 

da fabbaloo.com

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi