Anno nuovo, stampanti nuove! Scopri Gigabot 4, Terabot 4, GigabotX 2 e TerabotX 2
re:3D presenta le nuove stampanti 3D con scheda di controllo a 32 bit di UltiMachine
Presentazione della prossima evoluzione delle stampanti 3D re:3D con firmware Klipper e schede di controllo ArchiMajor
Quando decidi quali modifiche apportare alla prossima versione delle tue stampanti 3D Gigabot e Terabot, le tue esigenze vengono prima di tutto. La famiglia di clienti Gigabot ci ha sempre ispirato a portare avanti questa tecnologia perché è ciò che ne fai che ci motiva. Sia che tu stia insegnando alla prossima generazione di responsabili del cambiamento o innovando nella produzione avanzata, il tuo feedback determina dove poniamo la nostra attenzione in ricerca e sviluppo.

Il più grande cambiamento visivo che vedrai su tutte le versioni delle stampanti 3D re:3D è il touchscreen LCD a colori da 10” montato frontalmente. Il touchscreen include controlli di temperatura e movimento, grafico cronologico della temperatura e macro preimpostate. Le opzioni di menu aggiungono la gestione dei file, la modifica del gcode, l’input della riga di comando e l’analisi e il monitoraggio della cronologia di stampa. È incluso anche un visualizzatore webcam per il monitoraggio remoto e una porta USB integrata per caricare i file gcode direttamente sulla stampante.

Questo software touchscreen è solo un componente del nostro nuovo stack software open source Klipper . Siamo passati dal firmware Marlin a Klipper perché consente movimenti passo-passo ad alta precisione, avanzamento regolare della pressione e modellazione dell’input e anche un server API che offre opportunità di sviluppo personalizzato. L’applicazione Web Klipper esegue il touchscreen da un Raspberry Pi e ti consente di accedere alla stampante dalla tua rete locale su desktop o browser mobili con tutte le stesse opzioni di controllo che puoi eseguire direttamente sulla stampante.

Per integrare con successo questo nuovo entusiasmante stack software, abbiamo revisionato il nostro sistema elettrico a partire dalla scheda di controllo. Abbiamo stretto una partnership con il produttore statunitense Ultimachine per progettare una scheda di controllo ArchiMajor a 32 bit personalizzata per il tuo Gigabot. La scheda avanzata presenta otto driver per motori passo-passo integrati, tre uscite per riscaldatori, cinque ingressi per termocoppie, quattro ventole controllabili e otto fine corsa. Questi forniscono flessibilità per estendere la funzionalità del tuo Gigabot, ad esempio aggiungendo una termocoppia aggiuntiva o un raffreddamento parziale che è in fase di sviluppo presso re:3D. La nuova scheda di controllo e il Raspberry Pi si trovano ora all’interno di un armadio elettrico da 16 pollici con un interruttore di alimentazione integrato, un filtro di alimentazione e un cablaggio flessibile più resistente. Questa scheda non solo aumenta la potenza di elaborazione della tua stampante 3D, ma ci consente di controllare meglio la nostra catena di fornitura e la qualità dell’elettronica con un forte produttore statunitense come nostro partner.

Visualizza il comunicato stampa su questa partnership.
PCB Ultimachine ArchiMajor a 32 bit
Interfaccia touchscreen Klipper
Quadro elettrico da 16″ su Gigabot 4
Raspberry Pi 4 all’interno dell’armadio elettrico
 
Funzionalità a livello di piattaforma
Testata sotto stress nella fabbrica re:3D, la nuova termocoppia a tubo è un lettore di temperatura più duraturo, coerente e accurato per il tuo Gigabot. Abbiamo aggiunto questo miglioramento con una piastra del letto in alluminio spessa ½”, che è rettificata con precisione blanchard piatta e parallela a meno di 0,005″. Il letto è riscaldato da un cuscinetto riscaldante in gomma siliconica di dimensioni standard, che consente la stampa di materiali industriali ad alta temperatura. Un robusto portacavi e cavi classificati per 1 milione di cicli di flessione proteggono tutti i cavi in ​​movimento. Inoltre, tutte le stampanti non chiuse vengono fornite di serie con pannelli laterali completi per proteggere l’elettronica e il cablaggio
Tubo contro termocoppia avvitabile
Piatto letto più spesso da 1/2″.
Portacavi Gigabot


 
Caratteristiche della stampante 3D a filamento FFF
Nella transizione da Gigabot 3+ a Gigabot 4 abbiamo anticipato alcune modifiche in quanto i miglioramenti tecnologici hanno aumentato l’affidabilità e la longevità della tua stampante. Molti di questi aggiornamenti sono incentrati sul sistema di estrusione: il corpo dell’estrusore interamente in metallo, le estremità calde della serie 20 per ugelli da 0,8 e Terabot 4, le termocoppie a tubo e le cartucce del riscaldatore sono tutti standard, combinandosi per creare il sistema di estrusione industriale più robusto mai visto sul tuo Gigabot.

Per mantenere Gigabot a un prezzo accessibile, puoi comunque acquistare un normale Gigabot 4 a cubetti da 600 mm come kit che viene spedito in scatole flatpack e l’involucro completo è un componente aggiuntivo opzionale per le stampanti 3D Gigabot 4 e Gigabot 4 XLT pre-costruite. Terabot 4, come prima, viene fornito con il contenitore standard. Un cambiamento che abbiamo integrato come standard è che i pannelli laterali del tuo Gigabot coprono l’intero lato sinistro e destro per fornire una migliore protezione per i motori e i componenti elettronici.

Come per le modifiche apportate durante la vita di Gigabot 3+, questo è solo l’inizio. Gigabot 4 continuerà a iterare, crescere e cambiare per soddisfare le tue esigenze man mano che la tecnologia si evolve. I piani sono già in lavorazione per una scatola asciutta del filamento, sondaggi del letto e miglioramenti della piastra di costruzione e del telaio ancora più robusti. Rimanete sintonizzati!
Estrusore con corpo in metallo Gigabot 4
Hot End serie 20 per ugelli da 0,8 mm e Terabot 4


 
Caratteristiche della stampante 3D a pellet e granuli FGF
Dal rilascio della versione beta di Gigabot X nel 2018, re:3D ha investito significative risorse di ricerca e sviluppo dal supporto della comunità per produrre una stampante 3D di fabbricazione granulare fusa più agile, avanzata e capace.

GigabotX 2 è dotato di un sistema di alimentazione ed estrusione progettato con precisione per la lavorazione di termoplastici granulari e granulari. Il materiale viene alimentato manualmente nella tramoggia con capacità di 24 ore che scorre su un sistema a cavalletto indipendente della tramoggia, per consentire una gamma di movimento completa e uniforme e un’alimentazione costante nell’estrusore.

Il materiale di stampa scorre dalla tramoggia all’estrusore tramite la gola di alimentazione alimentata per gravità o il sistema di alimentazione attivo opzionale, o crammer, che include una coclea motorizzata che spinge il materiale nell’estrusore con una velocità di alimentazione controllabile dall’utente.

L’estrusore GigabotX 2 è alimentato da un motore NEMA 23 da 425 ozf*in con riduttore epicicloidale per fornire una coppia maggiore per i materiali scorrevoli. L’estrusore è una solida vite in acciaio da ⅝” con rapporto L/D 16:1 progettato con i nostri partner specificamente per una produttività costante per i materiali termoplastici. Tre riscaldatori controllabili in modo indipendente sono montati sul cilindro dell’estrusore consentendo temperature di estrusione fino a 270°C. È possibile utilizzare ugelli intercambiabili di diametro compreso tra 0,4 mm e 2,85 mm per controllare la risoluzione e la larghezza di estrusione.

GigabotX 2 è il culmine della nostra missione per consentire a più utenti di stampare in 3D direttamente da materie plastiche nuove e di scarto, ma non ci fermiamo qui. Sono attualmente in corso ricerche per integrare un granulatore, un essiccatore e un sistema di alimentazione automatica con GigabotX 2 per rendere il funzionamento della macchina ancora più efficiente e facile da usare e consentire a chiunque, ovunque e in qualsiasi momento, di essere il risolutore di problemi per la propria comunità.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi