Recensione della Orange 4K prova su strada test

Recensione della stampante 3D: la stampante 3D DLP LED Orange 4K di Longer 3D

Dopo aver appreso di Orange 4K da Longer 3D, ero entusiasta di metterne le mani su una e portarla a fare un giro di prova. Ciò che più mi ha incuriosito della campagna Kickstarter per Orange 4K è stato lo schermo LED 4K del sistema, che consente una risoluzione di 31,5 micron sugli assi X e Y. Questo è paragonabile alla maggior parte delle stampanti 3D DLP (Digital Light Processing) basate su LED che si basano su schermi 2K e, quindi, raggiungono più vicino a 47,25 micron sugli assi X e Y.

La scatola della stampante 3D in varie fasi di unboxing.

Spedendo dalla Cina, la stampante è arrivata a casa mia entro una settimana circa avvolta nella plastica, protetta da una scatola dentro una scatola. Infine, togliendo gli strati di pellicola, ho trovato il sistema pre-assemblato. Tutto quello che dovevo fare era far scorrere la piattaforma di stampa sulla macchina e avvitarla.

Ecco come esce dalla scatola la stampante 3D. Non resta che avvitare la piattaforma.

Prima di stampare, è necessario assicurarsi che il letto sia livellato, il che non è così arduo come livellare un sistema di fabbricazione di filamenti fusi. Gli unici passaggi necessari sono allentare la piattaforma di costruzione mentre è fissata alla macchina e selezionare l’opzione di livellamento del letto sullo schermo LCD a colori. Il letto scende lentamente fino a quando non è piatto con il proiettore LED sotto una lastra di vetro. Stringi la piattaforma di stampa e sei pronto per stampare.

Articoli spediti con la stampante: una spatola di metallo, una spatola di plastica, alcuni guanti, una copertura nera per la vasca di resina quando non in uso, due filtri 3M per incanalare la resina in eccesso nelle bottiglie, la piattaforma di stampa 3D e l’alimentatore.

Il sistema viene fornito con una pen drive per il caricamento dei file, che include anche tutta la documentazione necessaria per la stampante, tutorial video, software di slicing e alcuni modelli che è possibile stampare. Le affettatrici compatibili includono LongerWare, che è il software di Longer 3D, e Chitubox. Dato il periodo dell’anno, i modelli erano a tema Halloween, quindi ho stampato una pila di teschi.

Un’interfaccia touchscreen semplice e di facile comprensione.

Per iniziare una stampa, è sufficiente accedere alla sezione di selezione del file del menu, scegliere un file e toccarlo. Prima che la stampa inizi, riempi la vasca di resina a circa due terzi del percorso. Diverse ore dopo, ho avuto una scultura scheletro grondante di inquietudine e residui di resina.

Nel primo piano a destra, puoi vedere quanto sia fine la risoluzione e un po ‘di resina che deve ancora essere risciacquata nell’orbita del cranio.

Avendo lasciato la figura da stampare durante la notte, era abbastanza difficile rimuoverla dal piano di stampa, anche con la spatola metallica. Una soluzione discussa online è stata l’uso di un detergente per tastiera, che può far sollevare la stampa dal letto per provocare una reazione dall’aria fredda. Poiché non avevo aria in scatola a portata di mano, ho provato WD-40, che sembrava avere lo stesso effetto. Una volta che la stampa ha iniziato a staccarsi, sono stato in grado di staccare all’istante l’oggetto dal letto. Fortunatamente, non ho dovuto usare di nuovo questo trucco perché tutte le altre stampe sono venute via abbastanza facilmente.

Puoi vedere che c’è ancora un po ‘di residuo di resina sulla piattaforma, ma non molto. La stampante sembra conservare abbastanza bene il materiale. Questo braccialetto è stato estremamente facile da rimuovere dal letto.

Mi mancavano i sistemi di post-elaborazione industriale ormai diffusi nello spazio di stampa 3D SLA / DLP, comprese le stazioni di lavaggio e polimerizzazione automatizzate. Invece, ho risciacquato le stampe in alcool isopropilico (IPA) su un piccolo vaso di vetro. Mi è capitato di avere un sacco di IPA in giro a causa di una pandemia in corso. Ho quindi immerso l’oggetto nell’alcool per circa 10 minuti, girandolo di tanto in tanto. Una volta che non si è più sentito appiccicoso con la resina non polimerizzata, l’ho sciacquato sotto l’acqua e l’ho lasciato fuori per ricevere un’ulteriore polimerizzazione ultravioletta dai raggi del sole.

Modello ad alta risoluzione dei denti di un paziente odontoiatrico.

Come molti utenti della fotopolimerizzazione in vasca ti diranno, il problema più grande con esso devono essere le sostanze chimiche nocive. Anche se la stampante stessa non sembra emettere molti fumi, come le macchine di modellazione a deposizione fusa, i fotopolimeri stessi hanno un odore terribile che indica gli impatti pericolosi delle sostanze chimiche di cui sono fatti.


È importante indossare i guanti mentre si tratta della resina, incluso lo scarico del materiale nella vasca prima della stampa, nonché la rimozione e il lavaggio degli oggetti stampati. Lavorando in un garage angusto, non avevo esattamente lo spazio per maneggiare il materiale nel modo più sicuro possibile.

Il problema è diventato più evidente quando si versava di nuovo la resina non utilizzata nelle bottiglie per la conservazione. Ho inclinato la vasca nei filtri a forma di cono 3M forniti, che avevano lo scopo di incanalare una resina decente nella bottiglia mentre filtrava eventuali impurità parzialmente polimerizzate. Con questa tecnica casuale, ho versato il fotopolimero sui gradini e sul pavimento del mio garage mentre la resina gocciolava lungo il lato della bottiglia. Inutile dire che la stampa 3D di qualsiasi tipo richiede uno spazio dedicato con la possibilità di far sfogare l’aria.

Ho usato la macchina per stampare senza problemi una serie di oggetti, oltre alla pila di teschi. Volendo testare come la macchina potrebbe essere utilizzata al di fuori della revisione di un articolo, ho fabbricato una serie di denti generati da una scansione del paziente, un braccialetto e un modello di tirannosauro rex, poiché il sistema potrebbe essere facilmente utilizzato nei laboratori odontotecnici e nella produzione di gioielli e istruzione o modellismo. Ho anche prodotto una staffa aerospaziale, dimostrando le possibilità della stampante per la prototipazione.

LongerWare a sinistra ha un’interfaccia molto più semplice, mentre Chitubox abilita una serie di opzioni avanzate che potrebbero sopraffare gli utenti inesperti.

Rimuovere le strutture di supporto dagli oggetti che le richiedono è molto più semplice che rimuoverle dalle stampe FDM, secondo la mia esperienza, poiché si staccano facilmente. Sia Chitubox che LongerWare ti consentono di variare la tua strategia di supporto. Con LongerWare, questo si limita a variare la densità dei supporti, ma Chitubox permette di cambiare la forma del punto di interfaccia tra i supporti e l’oggetto, così come una serie di altre opzioni.

Un problema che ho riscontrato è stato il fatto che i modelli imperfetti potrebbero non essere stampati affatto sul sistema. A meno che il modello non sia stato reso impermeabile e fissato, potrebbe non arrivare sul letto. Questo include un modello di me stesso che ho fatto da una scansione 3D e prodotto usando il binder jetting. Poiché non è stato progettato per avere strutture di supporto e potrebbe aver avuto altri problemi, solo le strutture di supporto sono finite sul letto e non il modello stesso. Avevo stampato quel modello su macchine FDM open source, che tendono a risolvere qualsiasi problema, lasciando dietro di sé scie di spaghetti, ma a causa delle forze di gravità e della fotopolimerizzazione, non sempre è consentito barare con DLP.

In totale, la stampante si è dimostrata estremamente facile da usare, affidabile e in grado di produrre stampe ad altissima risoluzione. Il fatto che sia disponibile per l’acquisto a $ 449,99 è semplicemente sorprendente per me, ma c’è un mercato in crescita di stampanti 3D DLP a basso costo di aziende come Longer 3D, quindi non dovrebbe essere così sorprendente. Tuttavia, la risoluzione possibile con Orange 4K è sorprendente per un prezzo così basso.

Michael Molitch-Hou da 3dprint.com

Be the first to comment on "Recensione della Orange 4K prova su strada test"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi